Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 28/01 delle ore 13:30

    GR di mar 28/01 delle ore 13:30

    Giornale Radio - 28/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 28/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 28/01 delle 07:14

    Metroregione di mar 28/01 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 28/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 28/01

    Considera l'armadillo mar 28/01

    Considera l’armadillo - 28/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session di mar 28/01

    Radio Session di mar 28/01

    Radio Session - 28/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 24/01

    MASSIMILIANO DI GIORGIO - IL GIORNALE PARTITO - presentato da ANNA BREDICE

    Note dell’autore - 28/01/2020

  • PlayStop

    C'è luce: Un piano che non basta

    Veronica Aneris, rappresentante per l’Italia di Transport & Environment, ci parla del Piano Nazionale Italiano Energia e Clima: un piano…

    C’è luce - 28/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mar 28/01

    Tazebao di mar 28/01

    Tazebao - 28/01/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 28/01

    Memos di mar 28/01

    Memos - 28/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 28/01 (seconda parte)

    Cult di mar 28/01 (seconda parte)

    Cult - 28/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 28/01 (prima parte)

    Cult di mar 28/01 (prima parte)

    Cult - 28/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 28/01

    Cult di mar 28/01

    Cult - 28/01/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 28/01

    Rassegna stampa internazionale di mar 28/01

    Rassegna stampa internazionale - 28/01/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 28/01

    A come America del mar 28/01

    A come America - 28/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 28/01 (terza parte)

    Si avvicina la Brexit, cosa succederà dal 31 gennaio 2020? Ne abbiamo parlato con il nostro Emanuele Valenti, il corrispondente…

    Prisma - 28/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 28/01 (seconda parte)

    L'analisi del voto e dei flussi elettorali, con Salvatore Vassallo dell'Istituto Cattaneo di Bologna e Sergio Amanino giornalista de La…

    Prisma - 28/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 28/01 (prima parte)

    Cosa insegnano le elezioni regionali, cosa faranno ora partiti e governo? Ne parliamo con Elly Schlein, la consigliera più votata…

    Prisma - 28/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 28/01 (seconda parte)

    i giornali e l'analisi anche del voto in Calabria: ospite Giulio Citroni, politologo dell'Università della Calabria (seconda parte)

    Fino alle otto - 28/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 28/01 (prima parte)

    i nostri inviati in Emilia Romagna, Riccardo Tagliati e Alessandro Braga raccontano risultati e prime reazioni del voto, dopo la…

    Fino alle otto - 28/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 28/01 (terza parte)

    il significato politico e sociale del voto in Emilia Romagna: intervista a Luca Alessandrini, storico, direttore dell'Istituto storico Ferrucci Parri…

    Fino alle otto - 28/01/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 28/01

    Il demone del tardi - copertina di mar 28/01

    Il demone del tardi - 28/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 27/01 (seconda parte)

    Ora di punta di lun 27/01 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/01/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 27/01 (prima parte)

    Ora di punta di lun 27/01 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/01/2020

Adesso in diretta

Crapapelata

Daniela Bastianoni

una domenica al mese dalle 15.35 alle 16.30

La trasmissione per i più piccoli

Nel lontano novembre del 1981, Biagio Longo, l’allora direttore di RP, affidò a tre giovani animatori, Beppa Finzi, Daniela Bastianoni e Pino Calvano, l’incarico di ideare e condurre una trasmissione per bambini, da inserire nel nuovo palinsesto della radio. La trasmissione, nel rispetto dello stile della radio, avrebbe dovuto rappresentare una sfida contro un certo modo di fare spettacolo di intrattenimento per i bambini. Già allora, infatti, a parte qualche rara eccezione, le reti pubbliche e private, radiofoniche e più ancora televisive, producevano trasmissioni zuccherose e vuote, che proponevano l’idea di un mondo infantile privo di complessità e di un bambino, in molti casi, deprivato della sua dignità di individuo.La sfida era quindi impegnativa.

Dopo accesissime, ma creative discussioni sui contenuti con cui riempire il programma, gli storici conduttori trovarono quindi un accordo sul titolo da dare alla trasmissione. Si sarebbe chiamata “Crapapelata”.

Il riferimento alla filastrocca e alla tradizione milanese era ovvio, si voleva partire da lì, ma per ampliare lo sguardo ed essere pronti a cogliere tutto quanto di nuovo si stava muovendo nella realtà circostante e, in particolare, nel mondo dei bambini, all’inizio degli anni Ottanta. Era un titolo che, a suo modo, voleva essere provocatorio, in tempi non sospetti, in cui i riferimenti alla cultura lombarda andavano contro corrente e non rischiavano di essere confusi con le attuali malsane tendenze secessioniste o razziste.

Alle fiabe, scelte, musicate e interpretate con passione dai tre conduttori, si aggiunsero ben presto giochi, canzoni, notizie e soprattutto le voci dei bambini in studio o via telefono. Quest’ultimo aspetto è proprio quello che fin dall’inizio ha caratterizzato Crapapelata e che continua a farne un appuntamento unico e originale nel quadro della radiofonia italiana.Nei suoi lunghi anni di storia, Crapapelata si è conquistata una fetta di pubblico sempre più consistente, fatto di piccoli ascoltatori, ma anche di adulti (genitori, insegnanti e nonni) che la domenica mattina si sintonizzano sulle frequenze della radio.

E’ impossibile citare qui tutti quelli che in questi anni hanno prestato la propria collaborazione a Crapapelata. Tra i più fedeli ricordiamo Carla Timarani, Pierluigi Cigolini e il giovanissimo Saverio.

In quanto agli ospiti più importanti, sono passati da Crapapelata Mario Lodi, Pinin Carpi, Virgilio Savona, Roberto Denti, Roberto Piumini, Bianca Pitzorno e tantissimi altri tra attori, scrittori e musicisti. Dei tre originari ideatori e conduttori di Crapapelata rimane oggi solo Daniela Bastianoni che, attorniata da un  nugolo di bambini, trasmette puntualmente con lo stesso entusiasmo e la stessa vitalità dei primi tempi.

Una domenica al mese, dalle 15.35 alle 16.30, a cura di Daniela Bastianoni.

EPISODI DEL PROGRAMMA
Carica altri