Jazz in un giorno d’estate
Marcello Lorrai
05 luglio 2019
Pescara 1972: Charles Mingus e John Lewis

Protagonista tra i più straordinari e creativi della vicenda del jazz, Charles Mingus negli anni settanta fu spesso in Italia e divenne uno dei beniamini del pubblico di allora: per la bellezza della sua musica ma anche per la sua personalità. Figura carismatica, Mingus era proverbiale anche per il suo carattere non facile – di cui non mancò di dare illustrazione anche a Pescara nel luglio del ’72 – carattere che non impediva però a tanti appassionati e addetti ai lavori di avere per lui una sorta di speciale venerazione. In una jam session notturna all’Esplanade Club, dopo essersi esibito al festival, Mingus suona con i musicisti del suo gruppo, fra cui Charlie McPherson al sax, ma al pianoforte siede John Lewis, il leader del fortunato Modern Jazz Quartet.

Conduttori

Marcello Lorrai

In onda

Da lunedì a venerdì dalle 20:30 alle 21:00

Conduttori

Marcello Lorrai

In onda

Da lunedì a venerdì dalle 20:30 alle 21:00

GLI ULTIMI PODCAST
16 agosto 2019
 
Jazz in un giorno d’estate del ven 16/08

Jazz in un giorno d’estate del ven 16/08

14 agosto 2019
 
Jazz in un giorno d’estate del mer 14/08

Jazz in un giorno d’estate del mer 14/08

13 agosto 2019
 
Jazz in un giorno d’estate del mar 13/08

Jazz in un giorno d’estate del mar 13/08

12 agosto 2019
 
Jazz in un giorno d’estate del lun 12/08

Jazz in un giorno d’estate del lun 12/08

09 agosto 2019
 
Jazz in un giorno d’estate del ven 09/08

Jazz in un giorno d’estate del ven 09/08

07 agosto 2019
 
Jazz in un giorno d’estate del mer 07/08

Jazz in un giorno d’estate del mer 07/08

06 agosto 2019
 
Jazz in un giorno d’estate del mar 06/08

Jazz in un giorno d’estate del mar 06/08

05 agosto 2019
 
Jazz in un giorno d’estate del lun 05/08

Jazz in un giorno d’estate del lun 05/08

02 agosto 2019
 
1975: Chet Baker (seconda parte)

L’edizione 1975 del festival jazz di Pescara entrò negli annali non solo ..per la qualità del suo cartellone, ma anche per gli incidenti che la ..caratterizzarono. La sera precedente quella dell’esibizione di Chet ..Baker, al Parco delle Naiadi dei giovani cercarono di sfondare, ci ..furono tafferugli con la polizia, e il povero Don Cherry che era in ..programma col suo pacifico e sognante Organic Music Theatre nel ..parapiglia si prese una manganellata. Neanche i festival del jazz ..sfuggivano al clima generale: dieci giorni dopo sarebbe iniziata una ..indimenticabile edizione di Umbria Jazz, turbolenta ed esaltante, che ..una massa sterminata di “proletariato giavanile” trasformò in una ..propria festa. A Pescara la sera dopo i disordini il concerto del ..quartetto di Chet Baker si tenne non alle Naiadi ma allo stadio ..comunale. E l’ambiente più freddo dello stadio rese per contrasto ancora ..più affascinante la musica e la figura mitologica di Chet Baker, e il

31 luglio 2019
 
Marche 1985: Chet Baker; Pescara 1975: Chet Baker (prima parte)

Presentare l’esibizione di Joao Gilberto a Umbria Jazz ’96 è anche il .modo per Jazz in un giorno d’estate di rendere omaggio al grande artista .brasiliano che è mancato ai primi di luglio. Gilberto conclude la sua .esibizione al Teatro Morlacchi interpretando Chega de saudade, il brano .che nella sua interpretazione nel ’58 aveva fatto esplodere in Brasile .la bossa nova; e finisce poi con Garota de Ipanema: oltre ad essere uno .dei brani della bossa nova e in generale della musica brasiliana più .popolari in tutto il mondo, The Girl from Ipanema nel ’64 apriva l’Lp .Getz/Gilberto: tanto l’album quanto il singolo di The Girl from Ipanema .avrebbero ottenuto a livello internazionale un successo clamoroso..In questa puntata da un mito, Joao Gilberto, passiamo poi ad un altro .mito, Chet Baker.

30 luglio 2019
 
1996: Joao Gilberto (terza parte); Macerata 1985: Chet Baker

Presentare l’esibizione di Joao Gilberto a Umbria Jazz ’96 è anche il ..modo per Jazz in un giorno d’estate di rendere omaggio al grande artista ..brasiliano che è mancato ai primi di luglio. Gilberto conclude la sua ..esibizione al Teatro Morlacchi interpretando Chega de saudade, il brano ..che nella sua interpretazione nel ’58 aveva fatto esplodere in Brasile ..la bossa nova; e finisce poi con Garota de Ipanema: oltre ad essere uno ..dei brani della bossa nova e in generale della musica brasiliana più ..popolari in tutto il mondo, The Girl from Ipanema nel ’64 apriva l’Lp ..Getz/Gilberto: tanto l’album quanto il singolo di The Girl from Ipanema ..avrebbero ottenuto a livello internazionale un successo clamoroso…In questa puntata da un mito, Joao Gilberto, passiamo poi ad un altro ..mito, Chet Baker.

29 luglio 2019
 
1996: Joao Gilberto (seconda parte)

La presentazione di Joao Gilberto a Umbria Jazz ’96 rientrava ..nell’apertura al Brasile che il festival aveva operato dal ’93. Ma Joao ..Gilberto era più strettamente pertinente rispetto ad una manifestazione ..deputata al jazz, perché la bossa nova era stata influenzata dal cool ..jazz americano degli anni cinquanta e perché poi Gilberto era stato uno ..dei protagonisti del matrimonio di bossa nova e jazz che negli anni ..sessanta aveva fatto epoca, in particolare con gli album di Stan Getz: e ..il più popolare in assoluto, Getz/Gilberto, era cointestato e ..cointitolato al sassofonista e a Joao. nella parte del concerto di ..Gilberto che ascoltiamo in questa puntata, Joao interpreta uno dei brani ..più celebri della bossa nova, Desafinado, che nel ’62 apriva Jazz Samba ..di Stan Getz e Charlie Byrd e che nella versione di Getz era diventato ..un successo clamoroso.

 
 
1
2
3
>
>>
podcast
Clicca sull’icona per sottoscrivere il servizio podcast Jazz in un giorno d'estate