Approfondimenti

Ricandidatura di Sala. Zingaretti: “Lo decideranno lui e i milanesi”

Nicola Zingaretti

Il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti, tornato in Lombardia per sostenere i candidati sindaci che tra qualche giorno affronteranno il ballottaggio dopo il voto del 20 e 21 settembre scorsi, è intervenuto a Radio Popolare e ha parlato dei cambiamenti in arrivo nel governo dopo il risultato alle regionali, lo smantellamento dei decreti Sicurezza di Matteo Salvini e della possibile ricandidatura di Beppe Sala a sindaco di Milano.

L’intervista di Alessandro Braga a Prisma.

Prima delle elezioni regionali alcuni leader della destra dicevano “finirà 7-0”. È finita 4-3. Questo è l’esempio più concreto, più che un’opinione, che in gran parte il risultato elettorale è figlio anche della battaglia politica che si fa in queste ore. E questo è un bene perché è il segnale di una democrazia che si sta liberando e di un Paese molto più critico e intelligente e mobile di quanto si pensi. E quindi sono ore molto importanti per una mobilitazione generale che, soprattutto nei ballottaggi come prevede la legge, unisca un popolo per fermare le destre.

Le regionali, ma anche queste comunali, già al primo turno hanno dimostrato una forza che forse non ci si aspettava del Partito Democratico. Anche a livello nazionale cosa cambia con gli alleati del Movimento 5 Stelle?

Io sono molto contento che sta avvenendo qualcosa che io credo sia molto importante e che richiedo dal primo giorno della formazione del governo: si governa da alleati e non da avversari. Quello che è accaduto in queste settimane è una maggiore consapevolezza della necessità di collaborare e unire per fare una comune proposta all’Italia. Ora c’è il Recovery Fund che, al di là delle belle parole, è una visione: è un modello possibile per permettere a questo Paese di rialzarsi in piedi, di creare lavoro, di creare benessere, di investire su quei punti di fragilità del sistema italiano dei quali parliamo da anni, che sono la Green Economy, l’investimento sul digitale, la scuola, la formazione, la conoscenza e la sanità. Ora ci sono le condizioni per farlo e quindi le forze politiche che sostengono il governo non possono vivere in una perenne condizione di diffidenza. Tanto è vero che sono state premiate, nelle ultime ore della campagna elettorale delle regionali, proprio quelle figure che più hanno scommesso sulla necessità di unire l’elettorato. Io sono convinto che il popolo e le persone del centrosinistra che governano l’Italia sono molto più unite dei vertici. E questa è una bella notizia.

Per noi milanesi c’è una sfida l’anno prossimo con le elezioni comunali di Milano. Oggi ha incontrato Giuseppe Sala qui a Legnano. Il sindaco non ha ancora sciolto le riserve sulla sua candidatura. Cosa ne pensa?

Innanzitutto, e non si può dire ovunque, Milano ha un grande sindaco che ha garantito in uno dei momenti più drammatici della storia di Milano e di altre città italiane una qualità di tenuta, di presenza e di governo eccezionale. Io non credo, e noi non lo faremo mai, che i candidati sindaco si decidano a Roma nelle stanze della spartizione tra partiti. Lo decideranno lui e i milanesi. Lo decideranno nelle prossime settimane. È giusto che si prenda non tanto il tempo, ma si rifletta sulle modalità per arrivare alla candidatura. Se posso dire una cosa, dobbiamo smetterla anche noi di essere ossessionati da questo tema della candidatura. Io non conosco, perché non c’è, un nome e un cognome di un candidato in una città italiana del centrodestra per le amministrative del 2021. Adesso facciamo le amministrative del 2020, vinciamole e dopo cominciamo a pensare a quelle del 2021. Non creiamo problemi lì dove i problemi non esistono.

I decreti Sicurezza. Quando li cambiamo o li cancelliamo?

Quelli di Salvini non sono decreti sicurezza, sono i decreti della paura, utilizzati da Matteo Salvini, pessimo ministro degli Interni, per parlare alle paure degli italiani. Abbiamo discusso per mesi e nel programma di governo ora c’è un accordo per fare decreti che finalmente uniscono legalità e umanità, integrazione e sicurezza. Io sono convinto che nelle prossime ore verranno approvati, perché l’Italia ha bisogno di decreti che garantiscono la sicurezza, perché non l’ha garantita Salvini checché se ne dica. Noi dobbiamo evitare di essere subalterni culturalmente all’agenda che la destra ha imposto all’Italia. Con la sicurezza quei decreti non c’entravano niente e lo dico da amministratore.

Intanto a Milano riapre un CPR.

Per questo è importante che nelle prossime ore vengano approvati i decreti.

Foto dalla pagina Facebook di Nicola Zingaretti

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 21/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 21/10/20 delle 19:48

    Metroregione di mer 21/10/20 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 22/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 21/10/20

    A casa con voi di mer 21/10/20

    A casa con voi - 22/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 21/10/20

    Ora di punta di mer 21/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 21/10/20

    1-Coronavirus. Dalla mezzanotte scatta il lockdown in repubblica d’Irlanda. Sistema sanitario al collasso. Toccherà ai nuovi positivi informare le persone…

    Esteri - 22/10/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 21/10/20

    Malos di mer 21/10/20

    MALOS - 22/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 21/10/20

    Uno di Due di mer 21/10/20

    1D2 - 22/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 21/10/20

    Ospite della puntata l'Orchestra di Piazza Vittorio

    Jack - 22/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 21/10/20

    Considera l'armadillo mer 21/10/20

    Considera l’armadillo - 22/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 21/10/20

    Celia Cruz, Toto, Pooh, Queen of the Stone Age, Madonna, Paul McCarntey, Adele, Elisa, Blondie, Miley Cyrus

    Stay human - 22/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 21/10/20

     Covid-19, tra paura dell’infezione e logoramento psicofisico (“pandemic fatigue”). Come la pandemia alimenta la stanchezza e la sfiducia verso obblighi…

    Memos - 22/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 21/10/20

    BELLA CIAO E IL CANTO DELLA RESISTENZA - LORENA CANOTTIERE - presentato da ANNA BREDICE

    Note dell’autore - 22/10/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 21/10/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, tiziana ricci, lea vergine, teatro franco parenti, andree ruth shammah, stagione 20 21, filippo…

    Cult - 22/10/2020

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 21/10/20

    Aggiornamento TikTok; rischio spezzatino per Facebook; corruzione in Amazon; problemi anche per Twitter; che cos’è la net neutrality e perché…

    Doppio Click - 22/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 21/10/20

    Prisma di mer 21/10/20

    Prisma - 22/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 21/10/20

    Rassegna stampa internazionale di mer 21/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 22/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 21/10/20

    Il demone del tardi - copertina di mer 21/10/20

    Il demone del tardi - 22/10/2020

Adesso in diretta