Approfondimenti

Ricandidatura di Sala. Zingaretti: “Lo decideranno lui e i milanesi”

Nicola Zingaretti

Il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti, tornato in Lombardia per sostenere i candidati sindaci che tra qualche giorno affronteranno il ballottaggio dopo il voto del 20 e 21 settembre scorsi, è intervenuto a Radio Popolare e ha parlato dei cambiamenti in arrivo nel governo dopo il risultato alle regionali, lo smantellamento dei decreti Sicurezza di Matteo Salvini e della possibile ricandidatura di Beppe Sala a sindaco di Milano.

L’intervista di Alessandro Braga a Prisma.

Prima delle elezioni regionali alcuni leader della destra dicevano “finirà 7-0”. È finita 4-3. Questo è l’esempio più concreto, più che un’opinione, che in gran parte il risultato elettorale è figlio anche della battaglia politica che si fa in queste ore. E questo è un bene perché è il segnale di una democrazia che si sta liberando e di un Paese molto più critico e intelligente e mobile di quanto si pensi. E quindi sono ore molto importanti per una mobilitazione generale che, soprattutto nei ballottaggi come prevede la legge, unisca un popolo per fermare le destre.

Le regionali, ma anche queste comunali, già al primo turno hanno dimostrato una forza che forse non ci si aspettava del Partito Democratico. Anche a livello nazionale cosa cambia con gli alleati del Movimento 5 Stelle?

Io sono molto contento che sta avvenendo qualcosa che io credo sia molto importante e che richiedo dal primo giorno della formazione del governo: si governa da alleati e non da avversari. Quello che è accaduto in queste settimane è una maggiore consapevolezza della necessità di collaborare e unire per fare una comune proposta all’Italia. Ora c’è il Recovery Fund che, al di là delle belle parole, è una visione: è un modello possibile per permettere a questo Paese di rialzarsi in piedi, di creare lavoro, di creare benessere, di investire su quei punti di fragilità del sistema italiano dei quali parliamo da anni, che sono la Green Economy, l’investimento sul digitale, la scuola, la formazione, la conoscenza e la sanità. Ora ci sono le condizioni per farlo e quindi le forze politiche che sostengono il governo non possono vivere in una perenne condizione di diffidenza. Tanto è vero che sono state premiate, nelle ultime ore della campagna elettorale delle regionali, proprio quelle figure che più hanno scommesso sulla necessità di unire l’elettorato. Io sono convinto che il popolo e le persone del centrosinistra che governano l’Italia sono molto più unite dei vertici. E questa è una bella notizia.

Per noi milanesi c’è una sfida l’anno prossimo con le elezioni comunali di Milano. Oggi ha incontrato Giuseppe Sala qui a Legnano. Il sindaco non ha ancora sciolto le riserve sulla sua candidatura. Cosa ne pensa?

Innanzitutto, e non si può dire ovunque, Milano ha un grande sindaco che ha garantito in uno dei momenti più drammatici della storia di Milano e di altre città italiane una qualità di tenuta, di presenza e di governo eccezionale. Io non credo, e noi non lo faremo mai, che i candidati sindaco si decidano a Roma nelle stanze della spartizione tra partiti. Lo decideranno lui e i milanesi. Lo decideranno nelle prossime settimane. È giusto che si prenda non tanto il tempo, ma si rifletta sulle modalità per arrivare alla candidatura. Se posso dire una cosa, dobbiamo smetterla anche noi di essere ossessionati da questo tema della candidatura. Io non conosco, perché non c’è, un nome e un cognome di un candidato in una città italiana del centrodestra per le amministrative del 2021. Adesso facciamo le amministrative del 2020, vinciamole e dopo cominciamo a pensare a quelle del 2021. Non creiamo problemi lì dove i problemi non esistono.

I decreti Sicurezza. Quando li cambiamo o li cancelliamo?

Quelli di Salvini non sono decreti sicurezza, sono i decreti della paura, utilizzati da Matteo Salvini, pessimo ministro degli Interni, per parlare alle paure degli italiani. Abbiamo discusso per mesi e nel programma di governo ora c’è un accordo per fare decreti che finalmente uniscono legalità e umanità, integrazione e sicurezza. Io sono convinto che nelle prossime ore verranno approvati, perché l’Italia ha bisogno di decreti che garantiscono la sicurezza, perché non l’ha garantita Salvini checché se ne dica. Noi dobbiamo evitare di essere subalterni culturalmente all’agenda che la destra ha imposto all’Italia. Con la sicurezza quei decreti non c’entravano niente e lo dico da amministratore.

Intanto a Milano riapre un CPR.

Per questo è importante che nelle prossime ore vengano approvati i decreti.

Foto dalla pagina Facebook di Nicola Zingaretti

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 17/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di martedì 17/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 17/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 17/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 17/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 17/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 17/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 17/05/2022

    1-Ucraina. Verso una nuova evacuazione dal sito Azovstal. Ieri 264 combattenti si erano arresi alle truppe russe. Il Punto di…

    Esteri - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 17/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 17/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 17/05/2022

    Dove si parla del bando dell'ARPAC della Campania per cercare "esaminatori di odori". Richiesto buon naso e un'estrema pulizia del…

    Muoviti muoviti - 17/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 17/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 17/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 17/05/2022

    Si parla con Gianluca Felicetti presidente di Lav su ministro Cingolani, Europa, caccia, cinghiali, Roma, ma anche del censimento del…

    Considera l’armadillo - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 17/05/2022

    Novità e approfondimenti con Jack Box a cura di Ilaria Bonelli

    Jack - 17/05/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 15/05/2022

    http://vitowar.blogspot.it/ A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae…

    Reggae Radio Station - 17/05/2022

  • PlayStop

    La famiglia di 2,3 membri

    quando vi chiediamo quanto spendete al mese, poi andiamo a lezioni di cinese e infine torniamo a Singapore a vedere…

    Poveri ma belli - 17/05/2022

  • PlayStop

    Milano ricorda il commissario Luigi Calabresi, ucciso 50 anni fa

    Per quell'omicidio sono stati condannati Ovidio Bompressi, Adriano Sofri e Giorgio Pietrostefani, per la cui estradizione proprio domani si terrà…

    Clip - 17/05/2022

  • PlayStop

    Valeria Parrella, La fortuna

    VALERIA PARRELLA - LA FORTUNA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 17/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 17/05/2022

    la direttrice della fotografia ucraina Nastya Roshuk, l’UpToYou Festival a Bergamo, Antonio Rezza torna all’Elfo Puccini con Flavia Mastrella, Raffaele…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 17/05/2022

    la direttrice della fotografia ucraina Nastya Roshuk, l’UpToYou Festival a Bergamo, Antonio Rezza torna all’Elfo Puccini con Flavia Mastrella, Raffaele…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 17/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 17/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 17/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti e Mariella Cao, portavoce del comitato “Gettiamo le basi”,…

    Prisma - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 17/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 17/05/2022

Adesso in diretta