Approfondimenti

A Draghi non basterà l’album delle figurine

Draghi Quirinale "terza repubblica"

Mario Draghi aveva un “facciario” sulla scrivania, ieri, quando incontrava le delegazioni dei partiti. Cioè dei fogli con i nomi e le fotografie delle persone che aveva di fronte e che non sempre conosceva.

Il “facciario” rivela non solo la politica ridotta ad album delle figurine ma anche una delle questioni che Draghi ha già davanti, cioè scegliere chi imbarcare nel suo governone, tra quei volti.

Sì perché – lo avrete notato – queste consultazioni si svolgono un po’ al contrario, non è il presidente del consiglio incaricato che chiede appoggio ai partiti ma sono i partiti a chiedere al presidente del consiglio incaricato di poter entrare. E anche questo la dice lunga sui rapporti di forza attuali tra economia e politica.

Ma il tempo delle scelte per Draghi non si fermerà lì, alle figurine.

Subito dopo ci saranno le decisioni politiche urgenti. Perché tutti parlano del Recovery Fund, che però non arriverà subito né tutto insieme ma a rate, spalmato negli anni.

E ci sono scelte immediate da fare, “pre Recovery”, per capirci.

Ad esempio sblocco o no dei licenziamenti a fine marzo? Proroga o no dei  cosiddetti ristori, della cassa integrazione e degli altri ammortizzatori sociali che sono stati indispensabili per evitare la mattanza sociale in pandemia?

E poi ci sono le pensioni: tra pochi mesi si chiude la finestra di quota 100 e si dovrà decidere tra un ritorno secco alla temuta legge Fornero oppure se lo scalone verrà attenuato, mitigato.

Infine ci sono anche tantissime scelte non economiche. Per dirne solo una: i migranti e le politiche di accoglienza o respingimento. Proprio in questi giorni, in queste ore, migliaia di persone hanno ricominciato ad arrivare dalla Libia e dalla Tunisia, non si sa per quali questioni geopolitiche del nord Africa o per quali strategie dei trafficanti.

Un premier democristiano di tanti anni fa, Giovanni Goria, lasciando Palazzo Chigi disse che quando arrivi al governo scopri subito che le belle intenzioni di prima sono inutili, perché è la realtà a travolgerti con le sue urgenze, spesso previste ma talvolta no.

E lo abbiamo visto anche con il Conte due, che era partito con grandi intenti riformatori poi è stato l’esecutivo della pandemia, dei provvedimenti urgenti e imprevisti per provare a contenerne gli effetti.

Sulla scrivania di Draghi il catalogo delle facce verrà presto sostituito da quello dei bivi, delle decisioni politiche urgenti.

E anche noi, fuori, si dovrà smettere presto di parlare del liceo gesuita che Draghi ha frequentato, di come giocava a calcetto, della moglie Serenella, del loro bracco ungherese e di altre solenni cretinate.

  • Autore articolo
    Alessandro Gilioli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

Adesso in diretta