Approfondimenti

A Draghi non basterà l’album delle figurine

Draghi Quirinale "terza repubblica"

Mario Draghi aveva un “facciario” sulla scrivania, ieri, quando incontrava le delegazioni dei partiti. Cioè dei fogli con i nomi e le fotografie delle persone che aveva di fronte e che non sempre conosceva.

Il “facciario” rivela non solo la politica ridotta ad album delle figurine ma anche una delle questioni che Draghi ha già davanti, cioè scegliere chi imbarcare nel suo governone, tra quei volti.

Sì perché – lo avrete notato – queste consultazioni si svolgono un po’ al contrario, non è il presidente del consiglio incaricato che chiede appoggio ai partiti ma sono i partiti a chiedere al presidente del consiglio incaricato di poter entrare. E anche questo la dice lunga sui rapporti di forza attuali tra economia e politica.

Ma il tempo delle scelte per Draghi non si fermerà lì, alle figurine.

Subito dopo ci saranno le decisioni politiche urgenti. Perché tutti parlano del Recovery Fund, che però non arriverà subito né tutto insieme ma a rate, spalmato negli anni.

E ci sono scelte immediate da fare, “pre Recovery”, per capirci.

Ad esempio sblocco o no dei licenziamenti a fine marzo? Proroga o no dei  cosiddetti ristori, della cassa integrazione e degli altri ammortizzatori sociali che sono stati indispensabili per evitare la mattanza sociale in pandemia?

E poi ci sono le pensioni: tra pochi mesi si chiude la finestra di quota 100 e si dovrà decidere tra un ritorno secco alla temuta legge Fornero oppure se lo scalone verrà attenuato, mitigato.

Infine ci sono anche tantissime scelte non economiche. Per dirne solo una: i migranti e le politiche di accoglienza o respingimento. Proprio in questi giorni, in queste ore, migliaia di persone hanno ricominciato ad arrivare dalla Libia e dalla Tunisia, non si sa per quali questioni geopolitiche del nord Africa o per quali strategie dei trafficanti.

Un premier democristiano di tanti anni fa, Giovanni Goria, lasciando Palazzo Chigi disse che quando arrivi al governo scopri subito che le belle intenzioni di prima sono inutili, perché è la realtà a travolgerti con le sue urgenze, spesso previste ma talvolta no.

E lo abbiamo visto anche con il Conte due, che era partito con grandi intenti riformatori poi è stato l’esecutivo della pandemia, dei provvedimenti urgenti e imprevisti per provare a contenerne gli effetti.

Sulla scrivania di Draghi il catalogo delle facce verrà presto sostituito da quello dei bivi, delle decisioni politiche urgenti.

E anche noi, fuori, si dovrà smettere presto di parlare del liceo gesuita che Draghi ha frequentato, di come giocava a calcetto, della moglie Serenella, del loro bracco ungherese e di altre solenni cretinate.

  • Autore articolo
    Alessandro Gilioli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 19:49

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 26/02/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 26/02/21

    Serve And Volley di ven 26/02/21

    Serve&Volley - 26/02/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 25/02/21

    Rotoclassica di gio 25/02/21

    Rotoclassica - 26/02/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 25/02/21

    A casa con voi di gio 25/02/21

    A casa con voi - 26/02/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 25/02/21

    Ora di punta di gio 25/02/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 25/02/21

    1-In Francia la variante inglese rappresenta la metà dei casi positivi". Verso nuove misure restrittive ma il governo vuole evitare…

    Esteri - 26/02/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Lucia Castellano

    Quarto incontro del nuovo ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Lezioni di antimafia - 26/02/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 25/02/21

    Sunday Blues di gio 25/02/21

    Sunday Blues - 26/02/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 25/02/21

    Uno di Due di gio 25/02/21

    1D2 - 26/02/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l’armadillo - 26/02/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 25/02/21

    Ospiti Carota e Lodo dello Stato Sociale che raccontano i loro progetti solisti e Venerus intervistato sul suo disco Magica…

    Jack - 26/02/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay human - 26/02/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 25/02/21

    Europa, tra aiuti e vaccini. Non si parla d’altro nel vecchio continente: dei soldi del Recovery Plan e dei vaccini…

    Memos - 26/02/2021

  • PlayStop

    Giuseppe Martini, Regio People

    GIUSEPPE MARTINI - REGIO PEOPLE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 26/02/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 25/02/21

    ira rubini, cult, milano sanremo, l'ultima ruota, rita pelusio, duccio fabbri, doc squizo, louis wolfman, barbara sorrentini, davide steccanella, perché…

    Cult - 26/02/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 25/02/21

    Cominciamo lanciando uno sguardo dentro gli ospedali: raccontiamo due storie segnalateci dai nostri ascoltatori; medici di medicina generale e vaccini…

    37 e 2 - 26/02/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma - 26/02/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale - 26/02/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - 26/02/2021

Adesso in diretta