Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 20/11 delle ore 09:31

    GR di mer 20/11 delle ore 09:31

    Giornale Radio - 20/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 20/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 20/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 20/11 delle 07:15

    Metroregione di mer 20/11 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 20/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di mer 20/11

    Prisma di mer 20/11

    Prisma - 20/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 20/11

    Il demone del tardi - copertina di mer 20/11

    Il demone del tardi - 20/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/11

    Rassegna stampa internazionale di mer 20/11

    Rassegna stampa internazionale - 20/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 20/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di mer 20/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 20/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 20/11 (terza parte)

    Fino alle otto di mer 20/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 20/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 20/11 (prima parte)

    Fino alle otto di mer 20/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 20/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 20/11

    Fino alle otto di mer 20/11

    Fino alle otto - 20/11/2019

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 19/11

    Stile Libero di mar 19/11

    Stile Libero - 20/11/2019

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 19/11

    Notte Vulnerabile di mar 19/11

    Notte vulnerabile - 20/11/2019

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L’Altro Martedì - 20/11/2019

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-fi Area - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mar 19/11

    Privatizzazione della terra su ampia scala. È il piano che vuole mettere in campo il presidente ucraino Zelensky con la…

    Esteri - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11

    Malos di mar 19/11

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    C. C. Patterson, l'uomo che ci ha salvato dagli zombie

    Fino agli anni '80, la norma era la benzina con il piombo. Cosa sarebbe successo se non fossero cambiate le…

    PopCast - 20/11/2019

  • PlayStop

    Il bambino senza nome

    Favola tratta da una raccolta curata da Amnesty International e narrata dalla cia. teatrale Aresina. A cura di Diana Santini

    Favole al microfono - 20/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

La senatrice Liliana Segre è sotto scorta

Liliana Segre e Sergio Mattarella

Le minacce contro Liliana Segre sono il frutto velenoso dell’ostilità della destra neofascista italiana contro questa straordinaria donna diventata bersaglio politico di Lega e Fratelli d’Italia perché ha fatto approvare al Senato la mozione per l’istituzione della commissione contro l’odio, il razzismo e l’antisemitismo.

Ricordate la scena? Seduti ai loro banchi i senatori dei partiti di Matteo Salvini e Giorgia Meloni, ma anche di Forza Italia, sono rimasti in un silenzio per alcuni minaccioso e rancoroso, per altri opportunista e indifferente, mentre il resto dell’emiciclo applaudiva la coraggiosa iniziativa di Liliana Segre.

La proposta della Commissione è un’arma potente contro questo modello di fascismo 2.0 travestito lessicalemente con la parola sovranismo che tanto ha già preso piede nel nostro Paese, vedi alla voce migranti, ed è per questo che Salvini e Meloni la combattono aspramente.

Ma in quel silenzio dell’aula del Senato c’è qualche cosa di più. Per la prima volta nel Parlamento italiano la destra neofascista, con la morale complicità di Silvio Berlusconi, non ha avuto alcuna remora ad indicare come bersaglio politico nemica una sopravvissuta della Shoah. Anzi proprio quel silenzio è suonato come una sorta di assunzione politica e storica non esplicita del passato. Per chi ha voluto vederle sono emerse dallo sfondo di quel silenzio così violento le leggi razziali del ’38 e la complicità di Salò nella macchina dello sterminio.

Gianfranco Fini per far approdare al governo Alleanza Nazionale condannò l’Olocausto. Matteo Salvini invece ha voluto banalizzarlo quando ha equiparato le minacce ricevute da Segre con quelle che anche lui avrebbe ricevuto.

Segniamoci sul calendario la data di oggi: il giorno della scorta a Liliana Segre, il giorno della vergogna per il nostro Paese 81 anni dopo. In futuro potremmo scoprire che è stata la nostra simbolica e contemporanea notte dei cristalli.

  • Autore articolo
    Michele Migone
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Venezia e le acque

Venezia e le acque

Venezia può essere il campo di sperimentazione per una nuova arte di manutenzione della città nell’era del cambiamento climatico. L'analisi…

POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni