direzione pd

La disfatta degli antirenziani

giovedì 03 maggio 2018 ore 19:05

Forse sarebbe meglio continuare a chiamarle ‘minoranze’ anche se Matteo Renzi formalmente non è più il segretario del Pd. Le ‘componenti non renziane’ del Partito Democratico ci hanno provato, a indebolire il senatore di Firenze, ma non ce l’hanno fatta.

A Renzi è bastata una intervista in tv per riaffermare il suo controllo sul partito.

La domanda da porsi non è se gli altri sarebbero riusciti a mandare sotto Renzi nella Direzione del partito (in teoria sì, visto che molti tra i componenti la maggioranza renziana sono stati in passato vicini a Dario Franceschini, e hanno ancora buoni rapporti con lui e avrebbero anche potuto ascoltarlo, se avesse posto argomenti forti). La domanda è: se per assurdo ci fossero riuscite, poi cosa avrebbero saputo fare?

La chiave dell’ennesima crisi interna al Partito Democratico, che si dibatte in queste convulsioni fin dal referendum costituzionale, è questa. Renzi continua a essere il più forte, grazie alla debolezza dei suoi avversari. Renzi in questo momento è il solo a continuare ad avere un’idea netta in cui credere. Un’idea che lo ha portato a due gravi sconfitte, il referendum e le elezioni politiche, ma un’idea. Gli altri sono uniti solo nel contrapporsi a lui. Per il resto non hanno una linea politica comune e una candidatura unitaria per la segreteria, e non hanno un progetto chiaro per il paese.

La maniera in cui il reggente Martina ha gestito le consultazioni lo dimostra. Prima la forzatura con l’apertura verso il Movimento 5 Stelle; poi la sconfessione di se stesso, con un discorso in cui ha chiuso in maniera netta a qualsiasi possibilità di accordo con Di Maio e soci letto nella Direzione che era stata convocata proprio per discutere dell’ipotesi di dialogo con i pentastellati. Per tutto ieri e per tutta la vigilia dell’appuntamento al Nazareno, Martina ha limato il suo discorso subendo la pressione renziana.

Altro elemento che rende più chiara la vittoria di Renzi: a Martina viene rinnovata la fiducia come segretario reggente fino all’assemblea nazionale e non fino al congresso. Ancora: Renzi ha stoppato l’emorragia di consensi che rischiava di subire dentro al partito, e adesso può rilanciare la sua candidatura puntanto alle primarie. Gli altri hanno bisogno di tempo. Per organizzarsi, per trovare un accordo tra loro e un nome e un progetto da contrapporgli.

Ecco perché in fondo va bene così anche a loro. Una rottura li avrebbe trovati impreparati, incapaci di gestire le macerie di una scissione o comunque di una spaccatura. Renzi invece, si comporta già da tempo come un partito nel partito, con la sua idea di politica macroniana che potrebbe, quando fosse necessario, trasformarsi in un progetto concreto. Un piano da attuare se il controllo del partito fosse messo in discussione. Il 3 maggio, però, dice che comanda ancora lui.

Matteo Renzi

Aggiornato lunedì 07 maggio 2018 ore 17:08
TAG