sylos labini/viesti

Università, più matricole e meno soldi

mercoledì 14 giugno 2017 ore 13:32

Tra una settimana, il 21 giugno, iniziano gli esami di maturità. Sono 505 mila gli studenti coinvolti. Passata l’estate, più della metà di loro si iscriverà in una delle università italiane. Almeno così dicono i dati riferiti al passato. Gli ultimi del Miur del 2016 parlano di 283 mila matricole. Il 2016 è stato un anno di ripresa delle iscrizioni all’università, dopo anni di declino. Resta comunque lontano il record assoluto del 1993 quando furono 360 mila i nuovi iscritti.

Che tipo di università accoglierà le future matricole? Non sarà certo un’istituzione florida, se si pensa ad esempio ai tagli dei finanziamenti pubblici di questi ultimi anni.

Memos ha chiesto oggi a Francesco Sylos Labini e Gianfranco Viesti una descrizione dello stato di salute dell’università italiana, in particolare di quella pubblica.

Francesco Sylos Labini è un fisico teorico, tra i fondatori dell’associazione ROARS che si occupa di valutazione e politiche della ricerca. Autore di Rischio e Previsione. Cosa può dirci la scienza sulla crisi (Laterza, 2016).

Gianfranco Viesti, economista dell’Università di Bari, ha curato un volume scritto a più mani dal titolo Università in declino (Donzelli, 2016).

Ascolta tutta la puntata di Memos

Aggiornato mercoledì 14 giugno 2017 ore 15:13
TAG