spazi sotto sfratto

Macao, il Comune apre al dialogo

martedì 14 febbraio 2017 ore 18:06

Non c’è alcuno sgombero imminente per Macao, lo spazio sociale che occupa la palazzina Liberty di viale Molise 68 a Milano. O almeno, non per il sindaco Sala.

Nei giorni scorsi era circolata la notizia del possibile sgombero e dello sfratto delle altre associazioni che in questo momento hanno casa nelle palazzine Liberty di proprietà della Sogemi, la società del Comune di Milano che gestisce l’Ortomercato e i mercati milanesi.

“Lo sgombero non dipende da noi ma è nel nostro interesse e solleciteremo le azioni necessarie” ha detto a Repubblica il presidente di Sogemi, Cesare Ferrero. Annunciando entro due o tre mesi un primo bando di assegnazione o vendita delle palazzine per fare cassa e sistemare il bilancio della società.

Per il sindaco Sala non c’è questa urgenza, l’amministrazione, secondo quanto risulta a Radio Popolare, è pronta a dialogare con tutti, anche con gli attivisti di Macao. Un confronto per trovare soluzioni che offrano benefici per la città compatibili con il rispetto delle regole, è il pensiero del sindaco.

Un confronto che potrebbe aprirsi già nelle prossime settimane se l’ipotesi di vendita delle palazzine messa in campo da Sogemi andrà avanti, o se ci saranno accelerazioni sul fronte dell’ordine pubblico.

Macao occupa il civico 68 da giugno 2012, dopo la storica occupazione lampo della Torre Galfa. In questi anni la palazzina è stata ristrutturata, hanno trovato casa collettivi artistici, politici e musicali.

“I progetti di Sogemi sulle palazzine di viale Molise non sono una novità” hanno scritto gli attivisti di Macao in un comunicato. “Non ci è mai interessato assecondare, attraverso pratiche di riusi temporanei, i movimenti del mercato immobiliare: al contrario, ciò che vogliamo è sottrarre, in modo permanente, Macao e pezzi di territorio a quelle dinamiche, per trasformarli in beni comuni. Da tempo stiamo lavorando in questa direzione, sulla possibilità di osare e formalizzare risposte nuove”. Osare e formalizzare risposte nuove che saranno al centro del dialogo con il Comune.

Posizione diversa per altri inquilini delle palazzine Liberty, come Temporiuso, associazione culturale per la promozione di progetti di riuso temporaneo di spazi in abbandono. Il loro contratto con Sogemi scadrà il 26 aprile e rischiano lo sfratto. La società pare infatti intenzionata a non rinnovare il contratto e mettere in vendita anche le palazzine utilizzate dall’associazione, che in questi anni ha aperto alla collaborazione di altre realtà milanesi che hanno trovato casa in quegli spazi. Anche su questo sfratto il Comune frena Sogemi.

Aggiornato martedì 14 febbraio 2017 ore 18:10
TAG