APRE la prima FABBRICA

La Costa d’Avorio avrà il suo cioccolato

venerdì 20 maggio 2016 ore 17:27

Per la prima volta, arriverà sul mercato anche il cioccolato “100% made in Costa d’Avorio”. Il più grande produttore mondiale di cacao ha inaugurato ad Abidjan la sua prima fabbrica di cioccolato. L’obiettivo è di riuscire a esportare su scala mondiale un prodotto finito o semi-finito.

“Volevamo riuscire a produrre cioccolato per gli ivoriani, gli africani e soprattutto per gli abitanti dell’Africa occidentale”, ha detto il Presidente ivoriano Alassane Ouattara, dopo aver visitato la fabbrica. Il cacao è il motore dell’economia dell’Africa occidentale da quando ha ottenuto l’indipendenza dalla Francia nel 1960: la Costa d’Avorio produce più del 35 per cento del cacao mondiale e nel 2014, come primo produttore assoluto, ha raggiunto il record di 1,7 milioni di tonnellate. Secondo la Banca Mondiale, in Costa d’Avorio le fave di cacao rappresentano il 22 per cento del Pil nazionale, più della metà delle esportazioni e oltre il 60 per cento dei posti di lavoro.

Eppure il cibo degli dei non rientra nelle abitudini alimentari degli ivoriani e nei supermercati si trova cioccolato di importazione troppo costoso. “L’Africa occidentale finora non ha potuto beneficiare dei piaceri del cioccolato”, ha detto Patrick Poirrier, direttore dell’azienda francese Cémoi e proprietario del nuovo stabilimento ivoriano. Adesso anche questo Paese vuole la sua fetta di mercato.

Lo stabilimento si estende per 2.000 metri quadrati e sorge nella zona industriale di Youpogon ad Abidjan. Con un investimento di 6,7 milioni di euro e una capacità di produzione di 10mila tonnellate all’anno, il governo spera di riuscire a lavorare almeno il 50 per cento del prodotto entro il 2020, permettendo così alla Costa d’Avorio di diventare leader mondiale nella produzione di cioccolato.

Se prima i produttori ivoriani percepivano solo il 6 per cento del valore di una tavoletta di cioccolato, adesso si creano nuove possibilità di lavoro, nuove entrate per lo Stato e si dà una spinta all’economia. Una piccola vittoria nella battaglia per sfruttare le proprie risorse naturali invece di esportarle e lavorarle altrove, una battaglia che non tutti i grandi produttori di materie prime hanno intrapreso.

Aggiornato venerdì 20 maggio 2016 ore 17:27
TAG