Karim Franceschi

L’italiano che ha difeso Kobane

martedì 16 febbraio 2016 ore 17:07

“Il combattente – storia dell’italiano che ha difeso Kobane dall’Isis” è il racconto di una storia speciale. La storia di Karim Franceschi, ventiseienne di Senigallia (AN) che nel gennaio 2015 decide di unirsi ai miliziani curdi che resistono a Kobane, la cittadina nel Kurdistan siriano assediata dagli uomini del Califfo. Una decisione maturata durante un viaggio in cui Franceschi portava aiuti umanitari al confine tra Siria e Turchia e, vedendo la guerra da vicino, decideva di passare clandestinamente la frontiera per offrire il suo apporto alla resistenza curda.

“Ho sentito che dovevo fare una scelta, e una parte di me sarebbe morta se non l’avessi fatto”, ha raccontato Karim a Radio Popolare. “Mi hanno addestrato in quattro giorni e spedito subito sulla linea del fronte. Fino a quel momento avevo sparato molte volte, sì, ma nei videogiochi”.

“Sono andato completamente impreparato. Avevo un borsone pieno di cose inutili, tra cui un calzino pieno di caramelle”, ricorda Karim sorridendo. “Ma quando arrivai a Kobane scoprii che erano tutti impreparati: molti partigiani e partigiane erano ragazzini che non avevano mai nemmeno fatto sport. Insomma, decisi di andare sul fronte per primo, perché per quanto inadeguato fossi, lo ero meno di molti miei compagni”.

“I combattimenti erano spaventosi, eppure credevo molto in quello che facevo, la mia era una scelta profonda, pensata. E poi al fronte si combatte per i propri compagni, si vuole stare al loro fianco”.

“Sono cambiato? Sì, la persona che è entrata a Kobane sotto assedio non è la stessa che ne è uscita

Ascolta l’intervista integrale a Karim Franceschi di Gianmarco Bachi e Lorenza Ghidini

Karim Franceschi

Aggiornato giovedì 18 febbraio 2016 ore 20:33
TAG
MondoCurdiGuerraIsisJihadSiria