Approfondimenti

“Non ce la facciamo più”: la testimonianza di un’infermiera del Trivulzio

Pio Albergo Trivulzio

Una infermiera del Pio Albergo Trivulzio denuncia: non è cambiato niente, anche dopo le denunce e le inchieste. “I pazienti continuano a essere spostati di reparto in reparto, gli operatori si ammalano. E noi facciamo fatica a reggere psicologicamente“.

L’intervista di Luigi Ambrosio e Florencia Di Stefano-Abichain a Tempi Diversi.

Continuano a spostare i pazienti da un reparto all’altro e continuano a spostare soprattutto noi dipendenti, che venivamo a mancare sempre di meno, da un reparto all’altro. Non c’è fine a questo strazio.

Quando dice “stanno ancora spostando i pazienti“, di quante persone stiamo parlando?

Stiamo parlando di 7 pazienti che da venerdì scorso a ieri sono già stati spostati due volte da un reparto all’altro e in orari impossibili. A mio avviso i pazienti non si spostano alle otto di sera per non farlo sapere a nessuno. Queste persone sono state spostate da un reparto all’altro, aggiunte ad altri pazienti di un altro reparto in cui c’erano delle positività. Li hanno presi come dei pacchi postali questi pazienti?

Con quale motivazione i pazienti vengono spostati da un reparto all’altro del Trivulzio?

Sostengono che lo spostamento sia necessario per la sanificazione dei reparti. Però finché i pazienti girano così non sanificano niente: sanificano in un posto e contagiano in un altro.

Voi chiedete ai dirigenti per qualche motivo vengono prese queste decisioni?

Noi in questo momento non abbiamo neanche il tempo per respirare. Siamo sotto organico: ci sono 250 operatori sanitari, infermieri e fisioterapisti in malattia. Non c’è più nessuno e quando siamo in reparto a lavorare dobbiamo lavorare.

Quei 250 sono tutti in malattia per il COVID-19?

Sì, certo. Oggi abbiamo saputo che uno dei fisioterapisti è stato messo prono perché non respira e non so se ce la farà. È in terapia intensiva da tanto tempo. Siamo tutti molto amareggiati.

Gli ospiti come stanno in questo momento?

Quelli che sono positivi e che hanno i sintomi del COVID stanno veramente male. Gli altri, poverini, se non stanno male per il COVID sono comunque depressi. È una vita che non vedono i familiari e non vedono nessuno. L’unico loro punto di riferimento siamo noi, ma cosa possiamo fare più che consolarli? Noi che siamo in 2 invece di essere in 4 a lavorare, noi che veniamo lasciati da soli di notte invece di essere in 2 come dice il regolamento. Spesso e volentieri, invece, ci lasciano da soli. Ormai lasciare da solo un infermiere è una pratica, perchè “tanto poi arriva l’altro ad aiutarti se hai bisogno“: se arriva l’altro infermiere è perchè l’altro reparto resta scoperto. E non si deve lavorare mai da soli, perché l’assistenza al paziente si dà in 2.

Questo vuol dire che non si riesce a dare assistenza alle persone.

Come si deve, sicuramente no.

Secondo te c’è qualcosa che sfugge alla magistratura?

No, non credo. Ma sentire anche noi che lavoriamo lì dentro forse sarebbe meglio.

Cosa vuol dire che i pazienti COVID erano stati messi in un reparto chiuso?

Il reparto in cui sono stati messi i pazienti positivi non era un reparto chiuso. Era un reparto in cui c’erano altri pazienti e in cui il personale doveva passarci in mezzo per andare in un’altra ala. Questi sono particolari che contano. Non erano chiusi in una stanza sigillata. Era un reparto normale. Loro hanno sempre detto di non aver mai preso pazienti COVID, ma non hanno neanche mai fatto un tampone per vedere se erano positivi o negativi. E, comunque, i primi ad essere contagiati o a stare a casa in malattia sono proprio le persone che hanno preso in carico questi pazienti quando sono arrivati. Chissà come mai… Per la direzione non sono mai stati positivi, ma non possono neanche affermare il contrario perché non hanno mai fatto un tampone all’arrivo.

Cosa si può dire a molti dei nostri ascoltatori che hanno dei parenti al Pio Albergo Trivulzio e che da giorni o settimane non riescono a mettersi in contatto con loro?

Come infermiera posso dire loro di stare tranquilli. Noi vigiliamo, facciamo loro una carezza e in qualche modo li confortiamo. Non posso dire di più. Questo facciamo: aiutarli, cambiarli, consolarli. Non possiamo fare altro. Noi tutto questo lo facciamo per loro e anche per noi, perché anche noi abbiamo a casa delle famiglie da tutelare.

Deve essere essere difficilissimo per voi anche dal punto di vista psicologico.

Non ce la facciamo più, credimi. Non ce la facciamo più.

In quanto personale avete del supporto psicologico?

No, non abbiamo mai avuto un supporto del genere. Ci consoliamo e ci facciamo forza a vicenda. Io ho 63 anni, ne ho tanto di lavoro alle spalle, ma una cosa così non l’avevo mai vista.

Foto dalla pagina Facebook del Pio Albergo Trivulzio

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 25/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 26/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 25/01/21 delle 19:48

    Metroregione di lun 25/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 26/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Indie-Re di mar 26/01/21

    Indie-Re di mar 26/01/21

    Radio Muse Indie-re - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 25/01/21

    Jazz Anthology di lun 25/01/21

    Jazz Anthology - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 25/01/21

    Bobi Wine

    Jailhouse Rock - 26/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 25/01/21

    con Matteo Villaci. - punto quotidiano metro..- volontaria italiana in Croazia..- Servizio civile-cittadinanza attiva con arci..- studenti al primo giorno…

    A casa con voi - 26/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 25/01/21

    Ora di punta di lun 25/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 25/01/21

    1-Stati Uniti. Al via la procedura di impeachment di Trump nel Senato. ( Roberto Festa) ..2-Prova di dialogo tra Turchia…

    Esteri - 26/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 25/01/21

    Sunday Blues di lun 25/01/21

    Sunday Blues - 26/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 25/01/21

    Si parla con Sandro Mazzariol, professore dell'Università di Padova e Responsabile dell'unità d'intervento del Cetaceans strandings Emergency Response Team Cert…

    Considera l’armadillo - 26/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 25/01/21

    Puntata 23 - I viaggi come materiali da costruzione. La vita è un giardino di rose, pronto per una nuova…

    Gimme Shelter - 26/01/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 25/01/21

    Yo Yo Mundi. A cura di Andrea Cegna

    Jack - 26/01/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 25/01/21

    Il grammelot nella popular music

    Record Store - 26/01/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 25/01/21

    Senti un po' di lun 25/01/21

    Senti un po’ - 26/01/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 25/01/21

    DOC di lun 25/01/21

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/01/2021

  • PlayStop

    Alberto Schiavone, Alfabeto Simenon

    ALFABETO SIMENON - ALBERTO SCHIAVONE - presentato da CHAWKI SENOUCI

    Note dell’autore - 26/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 25/01/21

    scuola per librai mauri, libreria IlTrittico, pietro linzalone, tiziana ricci, collezione adler, biblioteca braidense, tiziana ricci, performing italy 2021, carla…

    Cult - 26/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 25/01/21

    Gianfranco Goretti, presidente di Famiglie arcobaleno, presenta la campagna "Non esistono genitori fantasma: dichiariamolo per legge"; è morta Cecilia Mangini,…

    Sui Generis - 26/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 25/01/21

    Prima parte: la crisi di governo. Con il sotto segretario ai rapporti con il parlamento Gianluca Castaldi, il politologo Carlo…

    Prisma - 26/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 25/01/21

    Fino alle otto di lun 25/01/21

    Fino alle otto - 26/01/2021

Adesso in diretta