Approfondimenti

Tano D’Amico, Misericordia e tradimento

Tano D'amico miseria e tradimento

Tano D’Amico è un giornalista, fotoreporter classe 1941, nato a Filicudi poi trasferitosi a Roma.
Dagli anni sessanta ha collaborato con lotta continua e potere operaio. I primi reportage li ha dedicati al sud, alla Sicilia e alla Sardegna. Poi ha iniziato a viaggiare, è stato in Irlanda ai tempi della guerra civile, ha seguito la guerra dei colonnelli in Grecia, è stato in Spagna durante il periodo franchista, in Portogallo per la rivoluzione dei garofani e in Palestina. Negli anni 80 e 90 ha lavorato in Somalia, in Bosnia Chiapas e negli Stati Uniti.

Nel corso del suo lavoro ha seguito molto da vicino il movimento studentesco e operaio.
È vicino agli operai, ai minatori e alle femministe, fotografa le carceri, le caserme e i manicomi.
Ha scritto molti libri, l’ ultimo è intitolato Misericordia e tradimento. Fotografia, bellezza, verità” edito da Mimesis nella collana sguardi e visioni. Ai microfoni di Radio Popolare, nella puntata di Cult del 9 giugno 2021, Tiziana Ricci lo ha intervistato.

Lei ha avuto una storia lunghissima come fotografo, ha fotografato con grande partecipazione gli ultimi, quelli che a Radio Popolare diciamo che non hanno voce.

La voce ce l’hanno, uno però deve sentirla, questo è il tema. Loro urlano ma bisogna ascoltarli, sentirli e prestare attenzione.

Nel suo ultimo libro Misericordia e tradimento ha descritto la misericordia come un sentimento che l’universo cerca con intensità, cosa intendeva?

Penso che la misericordia possa essere il fondamento della convivenza e anche molto di più. È un termine che è consumato, come “compagno”, che in partenza era una parola bellissima che ricordava il mangiare e lo spezzare il pane insieme.
Anche misericordia è una parola bellissima, contiene il suono dei miseri e dei cuori “cor-cordis”. È un termine che rappresenta il cuore dei miseri che batte o il cuore di tutti noi che batte insieme a quello dei miseri e ci ricorda che siamo miseri anche noi.
La misericordia è un sentimento che nel nostro mondo è calpestato continuamente perché tutto è fatto per ovattare il suono del battito del cuore, e tante volte per spegnerlo.
Invece penso che se ascoltassimo di più il nostro cuore vedremmo questo mondo orribile sfaldarsi, dissolversi, scopriremmo un altro modo di vivere, un altro mondo, fondato sui cuori che battono insieme.
Io nella mia vita ho vissuto dei periodi in cui i cuori di noi miseri battevano tutti quanti insieme, per le carceri, per le persone che non avevano casa, per gli uomini e le donne comprati e venduti, per la prima volta nella storia dell’umanità abbiamo lottato accanto a quelli che nessuno non ha mai considerato.
Mi sono sempre occupato anche di quello che è sfuggito all’attenzione di Marx ed Engels. Se leggiamo le poche pagine del loro lavoro che riguardano quelli che lei chiama “gli ultimi” e a cui io preferisco riferirmi come “noi” essi vengono rappresentati come la sentina di tutti mali del mondo borghese, per esempio, quando si andava in carcere si distingueva tra politici e comuni. I comuni erano la “merda” dell’umanità e il politico invece brillava. Questo nei nostri anni è scomparso, abbiamo capito che siamo tutti uguali nella sofferenza e nella rivolta.

Si sentiva vicino a Pasolini?

Ho fatto un lavoro sulla sua infanzia e sulla sua giovinezza ma bisogna dire che Pasolini, in un secondo periodo, si è staccato molto dagli ultimi, lo dicevano anche i suoi attori. Dal successo di “La ricotta”, che è un film meraviglioso e coltissimo, Pasolini, secondo me, per quello che vale, si è un po’ perso.

Tornando al suo libro, perché tradimento?

Tradimento perché ogni volta che sembra che la misericordia sia ad un passo dal cambiare il mondo si mettono in moto mille forze per tentare di schiacciarla. Tante volte queste forze non bastano e deve subentrare il tradimento.
Il tradimento arriva dalle proprie fila, dalla propria famiglia, dai propri affetti.
Quando la misericordia ti porta, come è successo a me, a stare con i miseri nei momenti difficili molti intorno a te fanno delle scelte diverse.

Che rapporto hanno le immagini raccolte nel suo libro con le riflessioni che le accompagnano?

Si potrebbe dire che le immagini servono per aprire la strada ai pensieri, nella mia vita ho notato che le immagini possono aiutare ad aprire la mente e io le amo perché sono punti di partenza per delle riflessioni.
Quando parlo con le persone devo sempre servirmi delle immagini perché le immagini aprono la strada alle parole.

FOTO | Una foto di Tano D’Amico che fa parte della mostra “’77 una storia di quarant’anni fa nei lavori di Tano D’Amico e Pablo Echaurren”, visitabile dal 22 settembre al 14 gennaio 2018 nel Museo di Roma in Trastevere

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 18/06/21 delle 19:50

    Metroregione di ven 18/06/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 19/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 19/06/21

    Mash-Up di sab 19/06/21

    Mash-Up - 19/06/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 18/06/21

    Doppia Acca di ven 18/06/21

    Doppia Acca - 19/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 18/06/21

    News Della Notte di ven 18/06/21

    News della notte - 19/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di ven 18/06/21

    A casa con voi di ven 18/06/21

    A casa con voi - 19/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 18/06/21

    1-Francia. Elezioni regionali questa domenica...Focus sulla regione PACA, Provenza-Alpi-Costa Azzurra , diventata il laboratorio per le presidenziali 2022. Reportage da…

    Esteri - 19/06/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 18/06/21

    Ora di punta di ven 18/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/06/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 18/06/21

    Follow Friday di ven 18/06/21

    Follow Friday - 19/06/2021

  • PlayStop

    Lupi giganti e cani fantasma

    ..Margherita Fruzza, Pink washing, rainbow washing, scienza, scienziatissimo, Andrea bellati, cani, cane, estinto

    1D2 - 19/06/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 18/06/21

    intervista a Andrea Cegna e Danilo De Biasio per Festival Diritti Umani

    Jack - 19/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 18/06/21

    Stay Human di ven 18/06/21

    Stay human - 19/06/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 18/06/21

    Lina Khan, 32 anni, giurista laureata a Yale, docente alla Columbia Law School, è stata nominata dal presidente Usa Biden…

    Memos - 19/06/2021

  • PlayStop

    Giovanni Candida, Il burrone e il salto

    GIOVANNI CANDIDA - IL BURRONE E IL SALTO - presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 19/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 18/06/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 18 giugno 1815 – Europa,…

    Fino alle otto - 19/06/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 18/06/21

    ira rubini, cult, bardolino fim festival, barbara sorrentini, tiziana ricci, casa degli artisti milano, avrei brio, stay hungry, teatro franco…

    Cult - 19/06/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 18/06/21

    Con Chiara Delmastro, ricercatrice dell’International Energy Agency, parliamo di energia e, in particolare, dei consumi energetici degli edifici; Letizia Palmisano,…

    C’è luce - 19/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 18/06/21

    Prisma di ven 18/06/21

    Prisma - 19/06/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 18/06/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 18/06/21

    Il giorno delle locuste - 19/06/2021

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 18/06/21

    Serve And Volley di ven 18/06/21

    Serve&Volley - 19/06/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 17/06/21

    dopo due puntate dedicate alle novità discografiche..ROTOCLASSICA torna al normale impaginato..giovedi' 17 giugno alle 23..sulle frequenze di Radio Popolare:....-La meravigliosa…

    Rotoclassica - 19/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di gio 17/06/21

    News Della Notte di gio 17/06/21

    News della notte - 19/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 17/06/21

    in diretta dallo scalo ferroviario di porta genova - Alessandro Diegoli in co-conduzione.

    A casa con voi - 19/06/2021

Adesso in diretta