Memos
liguori
24 aprile 2018
Memos di mar 24/04

Domani 25 aprile, Festa della Liberazione dal nazifascismo. Le torsioni della democrazia tra fascismi diffusi, razzismi e nazionalismi. La critica delle ideologie autoritarie, l’antifascismo. Memos ne ha parlato con lo storico Luca Alessandrini, direttore dell’Istituto “Ferruccio Parri” di Bologna.

Twitter Email
Conduttori

Raffaele Liguori

In onda

da martedì a venerdì dalle 13.00 alle 13.30

Twitter Email
Conduttori

Raffaele Liguori

In onda

da martedì a venerdì dalle 13.00 alle 13.30

 
 
1
2
3
>
>>
GLI ULTIMI PODCAST
21 gennaio 2015
 
Aspettando Atene – 3. L’Italia, la sinistra e l’euro. Intervista con Patrizio Bianchi.

«Restiamo nell’euro, ma giochiamo una partita per capire dove l’euro, ma soprattutto l’Europa, non ha funzionato». Patrizio Bianchi, economista di scuola prodiana, ex rettore dell’università di Ferrara, si presenta così di fronte al dilemma dei pro e contro la moneta unica, un dilemma che attraversa anche la sinistra. «Credo che una sinistra, non so se riformista o altro, un movimento che ha la giustizia sociale come cardine del proprio pensiero debba ripartire dal volere un’Europa in cui la giustizia sociale sia al centro. E poi – prosegue il professor Bianchi – ci vuole un’Europa con un sistema di governo in cui tutti contiamo allo stesso modo: non ci può essere un “furbino” che mi viene a bacchettare sulle mani perchè ha studiato una parola in più». Secondo Patrizio Bianchi dalle elezioni greche può arrivare un messaggio forte per tutta l’Europa: «Mi auguro che la Grecia, calpestata dalla politica europea di questi anni, sia talmente forte da dire che dobbiamo riprendere a ragionare sul significato di Europa, di vita comune, ma anche sul significato della politica. E’ la politica che c’è in gioco. Se crediamo che l’Europa non sia solo l’euro, allora bisogna costruirla su basi politicamente solide».

20 gennaio 2015
 
Aspettando Atene – 2. L’Italia, la sinistra e l’euro. Intervista con Salvatore Biasco e Emiliano Brancaccio.

Gli ospiti di questa seconda puntata di Memos, dedicata alla sinistra e l’euro a pochi giorni dalle elezioni in Grecia, sono due economisti: Salvatore Biasco, dell’università La Sapienza di Roma, e Emiliano Brancaccio, dell’università del Sannio di Benevento. «L’euro ormai c’è, non ne possiamo uscire – dice Biasco – . L’uscita dalla moneta unica sarebbe catastrofica dal punto di vista analitico, indipendentemente dalle opzioni politiche che ciascuno può mettervi dentro. Occorre operare in modo che l’Unione europea esca dall’ossessione della politica dell’offerta di questi anni e apra spazi ad una politica della domanda». Diverso il quadro di riferimento di Brancaccio. «Proseguendo con le attuali politiche di austerità e precarizzazione del mercato del lavoro – dice l’economista – l’assetto dell’Eurozona risulta insostenibile. Se si va avanti di questo passo l’Eurozona è destinata all’implosione».

19 gennaio 2015
 
Aspettando Atene – 1. L’Italia, la sinistra e l’euro. Intervista con Sergio Cesaratto.

Le elezioni in Grecia di domenica prossima saranno un referendum sulle politiche di austerità di questi ultimi anni in Europa. I sondaggi – a pochi giorni dal voto – danno ancora in vantaggio il partito di sinistra Syriza, di Alexis Tsipras, che di quelle politiche è da sempre un oppositore convinto. “Siamo come una cavia”, ha detto nei giorni scorsi Dimitris Liakos, uno dei consiglieri economici di Tsipras. Al di là dell’espressione poco felice, l’esperimento politico che potrebbe iniziare in Grecia è quello di un’alternativa di sinistra alle politiche di austerità, un’alternativa in in chiave “europeista”. Per quanto raccontato finora, Tsipras non vuole l’uscita della Grecia dall’euro. Syriza, il suo partito, è lontano dalla retorica anti-europea che, invece, viene brandita dalla destra: in Francia e Gran Bretagna da Le Pen e Farage, in Germania e in Italia da Pegida e Salvini. In Italia, contemporaneamente alla lunga campagna elettorale greca, si è aperto a sinistra un dibattito sull’euro che coinvolge politici ed economisti: bisogna uscire o restare nella moneta unica? Come restarci contrastando l’austerità? Oppure, quali passi vanno compiuti per liberarsi dei vincoli della moneta sovranazionale? Memos dedicherà le puntate di questa settimana alla discussione in corso. L’ospite di oggi è Sergio Cesaratto, economista dell’università di Siena. «Le mie simpatie – dice – vanno con le posizioni più radicali, con chi dice “meglio fuori dall’euro”. Io non credo, come pensano quelli della lista Tsipras, che quest’Europa cambierà mai». Partendo da questo assunto Cesaratto spiega l’insostenibilità non solo dell’euro, ma di qualunque progetto di unione monetaria. «Un’unione monetaria – sostiene l’economista – per di più tra paesi disomogenei, impedisce la svalutazione della moneta e blocca di fatto il conflitto sociale e distributivo tra salari e profitti. In questo modo causa un vulnus alla democrazia».

15 gennaio 2015
 
«W la République 3». Intervista con Luciano Canfora e Massimo Cacciari.

Luciano Canfora è uno storico, un filologo. Insegna all’Università di Bari. E’ stato uno degli ospiti di oggi a Memos, che torna sui fatti di Parigi della settimana scorsa. «Il concetto di scontro di civiltà – dice – lo trovo primitivo, rozzo, non ha alcun valore scientifico». Per Canfora sono altre e più profonde le radici di quanto accaduto a Parigi la settimana scorsa. «La sconfitta dell’ipotesi socialista nel mondo arabo, dovuta a vari fattori compresa la scelta delle grandi potenze occidentali di contrastare comunque il socialismo in tutte le sue forme, ha avuto come effetto inevitabile che grandi masse, per esempio del mondo islamico, riconoscessero la religione come àncora alternativa al modello occidentale. E’ un gigantesco passo indietro rispetto al livello del XX secolo. Inoltre è strettamente connesso al fatto che, sconfitto il socialismo, per larghe masse l’alternativa è il fanatismo religioso. L’Occidente non può limitarsi a piangere, ma deve chiedersi quali sono le proprie responsabilità nel causare questa deriva. E’ ammirevole che milioni e milioni di francesi si siano radunati, ma sarebbe bello evitare di dover fare funerali e molto meglio sarebbe prevenire le derive politiche». Massimo Cacciari, filosofo, è l’altro ospite della puntata di oggi e punta in particolare sull’Europa. «Le retoriche, come quelle di questi giorni sui valori, coprono sempre dei vuoti politici. In Europa si è affermata negli anni un’unica religione: quella tecnico-scientifica, quando va bene; quando invece va male quella della pecunia. Hai voglia di affermare valori, idee: da noi diventano pura retorica». Lo scontro è dunque politico, sulle scelte che si sanno o non si sanno compiere. Le civiltà non c’entrano.

14 gennaio 2015
 
Napolitano, l’abdicazione del presidente. Intervista con Claudio Sardo.

Annunciate da tempo, oggi sono arrivate le dimissioni di Napolitano. Il presidente della Repubblica lascia. “Ho il dovere di non sottovalutare i segni dell’affaticamento”, aveva detto nell’ultimo discorso di fine anno. Ospite di Memos oggi Claudio Sardo, giornalista politico, ex direttore dell’Unità. Con lui abbiamo ripercorso alcune tappe della lunga presidenza Napolitano.

13 gennaio 2015
 
“W la République 2”. Intervista con Michela Marzano, filosofa e deputata del Pd.

Memos è dedicata anche oggi ai “fatti di Parigi” – un’espressione generica, ma che serve a tenere insieme la catena di eventi della settimana scorsa: la strage nella redazione di Charlie Hebdo, l’assalto al supermercato Cacher e la manifestazione dell’altro ieri a Parigi. Ospite di Memos è Michela Marzano. E’ deputata del Pd, insegna filosofia morale alla Sorbona di Parigi. «Oggi sono in discussione – dice Marzano – i valori repubblicani di libertà, uguaglianza e fratellanza. Gli attentati sono in qualche modo il frutto della decostruzione di questi valori. Gli attentatori erano cittadini francesi, nati con quei valori che, forse, noi stessi anche come insegnanti siamo stati poco capaci di trasmettere. E’ difficile parlare di fraternità, solidarietà, in un mondo che lascia per strada molte persone. E’ difficile difendere, spiegare il significato della libertà quando le persone non hanno la libertà di portare avanti la propria esistenza». Marzano parla anche della crisi della laicità, del ruolo e delle responsabilità della sinistra. «Credo che (in alcuni casi, ndr) sia venuta meno la capacità, e forse anche la voglia, da parte della sinistra di costruire il famoso progetto per la difesa di questi valori. E’ una sconfitta, come l’aveva sottolineato già Norberto Bobbio. In “Destra e Sinistra” Bobbio scrisse che la battaglia per l’uguaglianza non era stata vinta e che si doveva ancora ragionare in termini di uguaglianza-disuguaglianza. Bobbio aveva ragione: la battaglia contro la disuguaglianza non era stata vinta negli anni ’90 e ancora meno è stata vinta oggi. Non si può rinunciare a questa coppia di concetti e credo che occorra ancora approfondire la questione dell’accesso egualitario alla democrazia (e cioè all’istruzione, alla salute, al lavoro). E per questa ragione si sente ancora la mancanza di sinistra».

12 gennaio 2015
 
«W la République». Intervista con lo storico Giovanni De Luna e l’economista Massimo D’Antoni.

Centinaia di migliaia di francesi in piazza a Parigi in una domenica di difesa delle libertà repubblicane, dopo le stragi di Charlie Hebdo e del supermercato Cacher. In testa al corteo, i leader d’Europa a braccetto insieme a Abu Mazen e Netanyahu. «Un evento che ci fa riflettere sull’identità profonda dell’Europa», ha raccontato a Memos lo storico Giovanni De Luna. «Mi ha colpito l’imponenza della manifestazione e la presenza dei 40 capi di stato. Ieri in piazza non c’era l’Europa dell’euro, della Bce, tutta appiattita su un pragmatismo economicistico e che non riesce a parlare alle emozioni della gente». Cosa teneva insieme i 40 capi di governo? «Credo una profonda sensazione di inadeguatezza», dice il professor De Luna. «Tutti loro esprimono un senso di inadeguatezza rispetto alle sfide che il post ‘900 ci sta ponendo. La dimensione identitaria o religiosa che assumono i conflitti in questo post ‘900 è un qualcosa che sfugge ai giochi tradizionali tra le grandi potenze. Certo – conclude De Luna – esisterà sempre il problema delle risorse, delle materie prime, del petrolio così come sarà difficile da smaltire completamente il problema dell’imperialismo e del colonialismo, ma non saranno più questi i problemi centrali. Ne esistono degli altri rispetto ai quali siamo smarriti, lo siamo noi come opinione pubblica e lo sono soprattutto i nostri governi». Ospite di Memos oggi anche Massimo D’Antoni, economista dell’Università di Siena. «Non vedo una contrapposizione tra un paradigma economicistico e i valori, come sosteneva De Luna. Semmai – dice D’Antoni – bisognerebbe chiedersi di quale economia e di quali valori è espressione oggi l’Europa. Dovremmo chiederci se le scelte economiche che sono state compiute non siano scelte che vanno in contrasto con alcuni valori fondanti dell’Europa. Nella piazza parigina di ieri c’è stata una forte affermazione del valore della libertà, però non dobbiamo dimenticare il valore dell’uguaglianza e della fratellanza».

08 gennaio 2015
 
“Je suis Charlie”. Violenza e libertà, dogma e laicità. Intervista con il filosofo Salvatore Natoli.

Ventiquattro ore fa la strage di Parigi, l’assalto alla redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo con le sue 12 vittime (il gotha della satira francese, giornalisti, ospiti, agenti di polizia). Nessuna rivendicazione scritta, finora. L’unica firma della strage sta, per ora, nelle grida dei terroristi armati inneggianti alla vendetta compiuta in nome del profeta Maometto. Memos oggi ha ospitato il filosofo Salvatore Natoli e a lui ha proposto alcuni temi di riflessione sull’attentato di ieri: la violenza che uccide le parole, simbolo di libertà; le parole che possono essere anche carnefici quando istigano all’odio; i dogmi imposti come verità contro la laicità della cultura e delle istituzioni; la religione brandita come un’arma e, infine, la richiesta di abiura “religiosa” fatta ai musulmani al posto di una condanna “civile” e “repubblicana”.

07 gennaio 2015
 
La sinistra e il vento della storia. Intervista a Franco Cassano

L’intervista che ascolterete doveva essere trasmessa alle 13 del 7 gennaio ed è stata registrata intorno alle 10 dello stesso giorno…Ma quella mattina del 7.1 intorno alle 12 le notizie da Parigi sulla strage nella sede del settimanale satirico “Charlie Hebdo” hanno sconvolto il nostro palinsesto. Per lasciare spazio ad una doverosa diretta sulle notizie dalla capitale francese l’intervista a Cassano non è mai andata in onda sulle frequenze di Rp. Ve la propongo ora nel formato di un podcast. Qui di seguito il testo di presentazione. ..Franco Cassano è un sociologo all’Università di Bari. Conosciuto per il suo “pensiero meridiano”, un’espressione con la quale quasi vent’anni fa sintetizzò – in un libro – il suo tentativo di reinterpretare la questione meridionale su scala globale, Cassano oggi è anche deputato del Pd. A Memos dice la sua sulle ultime vicende della politica. La norma salva-Berlusconi: «è stata una manna – dice Cassano – per chi vuole creare problemi per l’elezione del prossimo presidente della repubblica. Renzi voleva un partito unito per il Quirinale, ora questa vicenda lo sta ridividendo». Cassano ha pubblicato di recente un libro (“Il Vento della Storia. La Sinistra nell’Era del Cambiamento”, Laterza) che lancia un appello alla sinistra, con un approccio riformista: «la sinistra guardi il mondo – dice a Memos – e osservi come sta cambiando. Le disuguaglianze si sono accresciute a seguito di quest’ultima fase neoliberista del capitalismo, ma il capitale è anche andato ad investire nei paesi arretrati: grandi soggetti come Cina, India e parte dell’America Latina si sono messi in movimento. Bisogna fare attenzione – aggiunge Cassano – a non mantenere una distanza abissale da questi processi. Non basta dire dei “no”, occorrono anche dei “si” se si vogliono affrontare i problemi, come ad esempio quello della disuguaglianza».

24 dicembre 2014
 
Gramsci e la questione meridionale, rovesciata. Intervista a Nando Dalla Chiesa.

Il Nord colonizzatore del Sud, l’industria settentrionale che impone i suoi diktat al meridione agricolo. E’ la vecchia “questione meridionale” rappresentata e descritta in decenni di storiografia italiana. Ma i fatti di questi ultimi anni raccontano una storia rovesciata: «il peggio del Sud che va alla conquista del Nord con il consenso delle classi dirigenti del Nord». Sono le parole con cui Nando Dalla Chiesa sintetizza la nuova questione meridionale. “Il peggio del Sud” sono i poteri criminali della ‘ndrangheta che si sono insediati in modo stabile in diverse aree del Nord. Nando Dalla Chiesa insegna Sociologia della criminalità organizzata all’Università di Milano. Ha appena pubblicato un libro: “Antonio Gramsci. La questione meridionale” (Melampo Editore). E’ un libro che raccoglie gli scritti di Gramsci sulla questione meridionale insieme ad altri testi – sempre di Gramsci – sul Risorgimento italiano e sul ruolo degli intellettuali. E’ un tentativo di rispondere a molte domande di oggi (il rapporto tra legalità e illegalità, tra stato di diritto e poteri criminali) andando a cercare delle risposte in alcune pagine di Gramsci. A Memos Dalla Chiesa racconta anche la novità del suo approccio ai testi gramsciani: l’aiuto maggiore alla comprensione delle radici del fenomeno criminale di oggi arriva più dai testi sul Risorgimento e sugli intellettuali che non da quelli propriamente conosciuti come gli scritti su “la questione meridionale”. «Sono convinto – dice Dalla Chiesa a Memos – che nella produzione di Gramsci sulla storia della cultura italiana, degli intellettuali, ci sia molto materiale importante per capire cosa sta accadendo oggi. Ci sono fenomeni che possono essere interpretati soltanto con uno sguardo profondo sulla storia del paese. Serve ad avere una maggiore coscienza delle cose che bisogna fare. Continuiamo a dire che non basta la risposta giudiziaria e repressiva, ma se non andiamo a fondo nelle cose allora anche la risposta culturale rischia di rimanere inadeguata».

11 dicembre 2014
 
Europa, democrazia e lo “spettro” Tsipras. Intervista con Miguel Gotor e Luca Fantacci.

Lo spettro Tsipras inquieta i mercati finanziari. Due giorni fa l’ipotesi di elezioni anticipate in Grecia si è fatta più probabile, e con essa quella di una vittoria della sinistra di Alexis Tsipras. Tanto è bastato per far cadere tutte le borse europee. Non un crollo epocale, ma un tonfo comunque rumoroso, un segnale importante. Dunque, i mercati non vogliono Tsipras al governo ad Atene. E’ un po’ come prendere in ostaggio la democrazia? «E’ il compimento di un processo di lungo periodo – risponde a Memos Miguel Gotor, senatore del Pd e storico – Un lungo periodo di predominio e di presa del potere dei grandi capitali finanziari che aspirano – e a volte ci riescono – a controllare, influenzare il gioco politico». Il senatore del Pd parla anche delle responsabilità storiche che a sinistra, nel campo riformista, ci sono state nella cessione ai mercati finanziari di un pezzo della sovranità politica. Quanto a Tsipras, Gotor dice di sperare che la sinistra riformista in Europa sappia cogliere lo spazio politico contro l’austerità che dovesse aprirsi con l’eventuale vittoria di Syriza in Grecia. Ospite a Memos oggi anche Luca Fantacci, economista all’Università Bocconi. Perchè i mercati finanziari temono di più Tsipras al governo ad Atene che non la mafia a Roma, viste le reazioni di questi giorni? «I mercati finanziari sono miopi – dice Fantacci -. La mafia fa PIL nel breve periodo e danni nel lungo; le politiche di Tsipras, invece, farebbero male (soprattutto agli investitori) nel breve, ma farebbero bene (anche agli investitori) nel lungo periodo». L’economista spiega cosa significa la ristrutturazione del debito greco proposta da Tsipras, quali interessi colpirebbe. Luca Fantacci è autore di un libro, tra gli altri, scritto insieme a Massimo Amato: “Come salvare il mercato dal capitalismo. Idee per un’altra finanza” (Donzelli). Il blog di Luca Fantacci e Massimo Amato: http://bit.ly/1upiB4b

10 dicembre 2014
 
La mia, una storia complessa. Intervista a Umberto Veronesi.

Umberto Veronesi, oncologo, ha appena compiuto 89 anni. Da un paio di mesi ha lasciato la direzione scientifica della sua creatura, l’Istituto Europeo di Oncologia di Milano. Una struttura che ha fondato nel 1994 dopo aver lavorato per un quarto di secolo all’Istituto dei Tumori, sempre di Milano dove – in modo solitario – sperimentò la sua terapia contro il tumore al seno. E’ lì, in quell’ospedale, che inizia la sua storia di oncologo. «La mia – dice Veronesi a Memos – è una storia complessa. Prima di essere chirurgo ero un anatomopatologo, facevo autopsie ed esami al microscopio. La mia passione per il mondo femminile nasce da giovanissimo quando ho perso mio padre e sono cresciuto con mia madre». Veronesi racconta l’inizio contrastato della sua sperimentazione per la cura del tumore al seno. «La presentai ad un congresso dell’OMS a Ginevra. Ricevetti fischi, ingiurie, fui trattato proprio male. Allora, oltre quarant’anni fa, la mastectomia era un dogma assoluto». Il professore ricorda come a quei tempi l’intervento chirurgico parziale che lui proponeva fosse considerato un’eresia. A Memos Veronesi ripercorre le tappe della sua autobiografia (“Il mestiere di uomo”, Einaudi) attraverso i suoi principi (pensiero scientifico autonomo e trasgressivo, etica laica, autodeterminazione) e i diritti che vorrebbe si affermassero nelle società contemporanee (il diritto di non soffrire, alla cura, il diritto all’amore universale, alla genitorialità – omo ed etero -, il diritto di scegliere il momento conclusivo della propria vita).

podcast
Clicca sull’icona per sottoscrivere il servizio podcast Memos