Approfondimenti

I primi passi di governo di Aung San Suu Kyi

Con i 391 seggi raggiunti domenica e con solo una circoscrizione ancora in ballottaggio, il partito di Aung San Suu Kyi ha superato di gran lunga i 329 seggi necessari per avere la maggioranza assoluta in entrambe le camere parlamentari, che ne contano congiuntamente 664, di cui solo tre quarti in lizza, dato il quarto di seggi assegnati dalla costituzione alle forze armate.

Di conseguenza, la leader non solo potrà gestire legittimamente la vita del Paese per il prossimo quinquennio, ma ha la forza sufficiente per controllare l’elezione del prossimo presidente che a sua volta designerà il premier del nuovo governo.

Una carica, quella presidenziale che sfuggirà probabilmente a Aung San Suu Kyi, più probabile candidata al premierato.

Per renderle possibile accedere in futuro alla massima carica dello stato, occorrerà infatti modificare la costituzione successivamente all’inaugurazione del nuovo parlamento, a febbraio. Una operazione complessa, dato che i militari hanno ancora diritto di veto con il 25% dei voti di diritto in parlamento, contro il 76% necessario per emendamenti costituzionali.

La Lega nazionale per la democrazia ha vinto con ampia maggioranza le prime elezioni realmente democratiche del paese in 25 anni ma, contrariamente a quelle del 1990 in cui risultato venne negato dal regime militare che avviò una dura persecuzione, questa volta la via di una restaurazione militare è sbarrata da un risultato corale che ha coinvolto ogni settore sociale, etnia e fede e dall’attenzione internazionale sulla sorte della più immatura democrazia asiatica.

Quasi unanime è stata infatti la soddisfazione per la vittoria della Lega e la comunità internazionale è ora ancora più disponibile a sostenere la volontà di progresso di un Paese un tempo ai vertici del benessere asiatico e affondato nella povertà dal controllo militare iniziato nel 1962.

Da una prima analisi del voto, appare essenziale nella sconfitta degli avversari del Partito per l’unità, la solidarietà e lo sviluppo, erede del regime militare, la forte contrazione dei partiti regionali, a base etnica, i cui elettori hanno optato in maggioranza per il partito che garantisce il progresso del paese nel suo complesso, rispetto gli interessi locali.

A più riprese negli ultimi giorni – e anche ieri dopo il colloqui con il presidente del parlamento, l’ex generale moderato Shwe man cui sarà probabilmente assegnata al carica di capo dello stato – Aung San Suu Kyi ha specificato che il suo vuole essere un programma e un governo di unità nazionale cui chiederà di partecipare al Partito per l’unione, la solidarietà e lo sviluppo (41 seggi finora), che aveva stravinto nelle elezioni del 2010 dalle quali la Lega nazionale per la democrazia si era astenuta.

Alle forze armate la costituzione in vigore, da essi dettata, assegna il controllo dei ministeri dell’Interno, delle Aree di confine e degli Esteri.

  • Autore articolo
    Stefano Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 25/11/20 delle 19:52

    Metroregione di mer 25/11/20 delle 19:52

    Rassegna Stampa - 26/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 26/11/20

    Funk shui di gio 26/11/20

    Funk shui - 26/11/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 25/11/20

    Jazz Ahead di mer 25/11/20

    Jazz Ahead - 26/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 25/11/20

    A casa con voi di mer 25/11/20

    A casa con voi - 26/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 25/11/20

    speciale maradona, giornata contro la violenza sulle donne, paulette

    Esteri - 26/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 25/11/20

    Ora di punta di mer 25/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 25/11/20

    Sunday Blues di mer 25/11/20

    Sunday Blues - 26/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 25/11/20

    Uno di Due di mer 25/11/20

    1D2 - 26/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 25/11/20

    Considera l'armadillo mer 25/11/20

    Considera l’armadillo - 26/11/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 25/11/20

    Jack di mer 25/11/20

    Jack - 26/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 25/11/20

    Stay Human di mer 25/11/20

    Stay human - 26/11/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 25/11/20

    Giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne. Memos ha ospitato la statistica Linda Laura Sabbadini che dal prossimo primo…

    Memos - 26/11/2020

  • PlayStop

    Stefania Prandi, Le conseguenze

    STEFANIA PRANDI - LE CONSEGUENZE presentato da ANNA BREDICE

    Note dell’autore - 26/11/2020

  • PlayStop

    psicoradio di mar 24/11/20

    Alice si risveglia dal paese delle meraviglie. Alice Cavicchioli,“esperta per esperienza” di problemi della psiche, racconta su Facebook il suo…

    Psicoradio - 26/11/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 25/11/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, sergio ferrentino, radioamarcord, barbara sorrentini, lella costa, invictae podcast, audible, tiziana ricci, il luogo…

    Cult - 26/11/2020

Adesso in diretta