Approfondimenti

Giuseppe Sala parla da candidato sindaco

Ha parlato da aspirante sindaco di fatto il commissario unico a Expo 2015 Giuseppe Sala.

Nella città metropolitana – ha detto – dobbiamo occuparci innanzitutto di trasporti e housing sociale”.

Lo ha fatto in un dibattito organizzato dalla Fondazione Ambrosianeum e dalle Acli, cui ha partecipato anche il sindaco di Milano Giuliano Pisapia.

A meno di settantadue ore dalla chiusura dell’Esposizione, il manager è dunque ancora in piena azione, “e non a farsi una settimana di meritato riposo”, come hanno fatto notare alcuni ben informati.

Il titolo della serata era: Il Futuro di Milano Grande dopo l’Expo. Alquanto simbolico il luogo dell’incontro, l’auditorium Ambrosianeum, pensatoio cattolico rivolto al sociale ospitato nell’Arcivescovado. Nel 2010 fu uno dei motori delle primarie del centrosinistra, ospitando il comitato del presidente emerito della Corte Costituzionale Valerio Onida.

Cinque anni dopo, in questo spazio ci si ritrova Giuseppe Sala, che all’inizio del suo intervento ha conquistato l’applauso della platea: “Cercherò di dire quello che penso evitando di cadere nella trappola che se dico una cosa voglio farla, oppure se quello che dico è da manager politico o da politico manager, se è di destra o di sinistra, e quanto di sinistra”.

Durante la discussione il suo pensiero sulla città è apparso a tutti i presenti ben più di una riflessione di una persona che vive elavora a Milano. Sala ha ribadito il suo profilo di uomo che arriva dal mondo delle imprese e ha detto di non condividere l’idea che “la politica – come scritto nel documento delle Acli – sia il fulcro del rinnovamento della società. E’ chiaro però che la politica non può semplicemente assistere all’andamento dell’economia, assecondandola, cercando di non dare fastidio. La politica deve assumere una valenzapiù larga del passato”. “Io non credo – ha aggiunto – che i milanesi diano tutto questo spazio e tutto questo credito alla politica; riconoscono chi la gestisce bene e chi no, e alle elezioni si vede anche. Hanno l’idea che questa è una città che comunque va avanti e fa le sue cose”.

Durante la discussione al manager più volte è venuto naturale parlare in prima persona su che cosa sia necessario fare per la città metropolitana. “Innanzitutto occuparci di trasporti e housing sociale”, è stato uno dei suoi passaggi chiave.

Il sindaco Pisapia non ha voluto dire nulla sulla candidatura Sala e ha ribadito ancora una volta che appoggerà “il candidato che vincerà le primarie del centrosinistra, chiunque sia”.

A questo proposito, la discussione sta iniziando a spostarsi sulla data di svolgimento delle primarie, anche se l’opzione che queste non si svolgano del tutto rimane aperta per alcuni dirigenti, in caso di candidatura condivisa.

Per ora rimane fissato l’appuntamento del 7 febbraio, ma è aperta nel Pd nazionale l’ipotesi di un giorno unico per tutte le grandi città, all’inizio di marzo, visto che la data delle elezioni dovrebbe essere il 12 giugno.

A Milano si fa l’ipotesi del 28 febbraio, e anche questo aiuterebbe Sala, visto che fino al 31 dicembre il commissario si occuperà del post-Expo.

  • Autore articolo
    Fabio Fimiani
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 26/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 26/01/21 delle 19:48

    Metroregione di mar 26/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 27/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 27/01/21

    Stile Libero di mer 27/01/21

    Stile Libero - 27/01/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 26/01/21

    Music Revolution di mar 26/01/21

    Music Revolution - 27/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 26/01/21

    A casa con voi di mar 26/01/21

    A casa con voi - 27/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 26/01/21

    Ora di punta di mar 26/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 26/01/21

    1-Effetto Joe Biden. Negli Stati Uniti la casa bianca annuncia una serie di decreti contro la discriminazione della popolazione afroamericana.…

    Esteri - 27/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 26/01/21

    Sunday Blues di mar 26/01/21

    Sunday Blues - 27/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 26/01/21

    Considera l'armadillo mar 26/01/21

    Considera l’armadillo - 27/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 26/01/21

    Jack di mar 26/01/21

    Jack - 27/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mar 26/01/21

    Stay Human di mar 26/01/21

    Stay human - 27/01/2021

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 24/01/21

    Antica leggenda Mohawk trascritta dal nostro ascoltatore Giorgio e letta da Marco Sambinello

    Favole al microfono - 27/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 26/01/21

    ira rubini, cult, himmelweg, roberto abbati, teatro due parma, elfo puccini milano, juan mayorga, lydia cevedalli, note per la shoa,…

    Cult - 27/01/2021

  • PlayStop

    A come America del mar 26/01/21

    A come America del mar 26/01/21

    A come America - 27/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 26/01/21

    Prisma di mar 26/01/21

    Prisma - 27/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 26/01/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 26/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 27/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 26/01/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 26/01/21

    Il demone del tardi - 27/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 26/01/21

    Fino alle otto di mar 26/01/21

    Fino alle otto - 27/01/2021

  • PlayStop

    Indie-Re di mar 26/01/21

    ..In questa puntata di Indie Re, Cecilia Paesante ha intervistato due artisti indipendenti italiani da far conoscere agli ascoltatori delle…

    Radio Muse Indie-re - 27/01/2021

Adesso in diretta