Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 21/01 delle ore 18:30

    GR di mar 21/01 delle ore 18:30

    Giornale Radio - 21/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 21/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 21/01 delle 07:14

    Metroregione di mar 21/01 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 21/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Malos di mar 21/01

    Malos di mar 21/01

    MALOS - 21/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 21/01 (prima parte)

    Due di due di mar 21/01 (prima parte)

    Due di Due - 21/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 21/01 (seconda parte)

    Due di due di mar 21/01 (seconda parte)

    Due di Due - 21/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 21/01 (seconda parte)

    ira rubini, cult, giuseppe miale di mauro, dodici baci sulla bocca, compagnia nest, elfo puccini, cesare picco, alchemy, connected, marco…

    Cult - 21/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 21/01 (prima parte)

    ira rubini, cult, giuseppe miale di mauro, dodici baci sulla bocca, compagnia nest, elfo puccini, cesare picco, alchemy, connected, marco…

    Cult - 21/01/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 21/01

    Due di due di mar 21/01

    Due di Due - 21/01/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 21/01 (seconda parte)

    Jack di mar 21/01 (seconda parte)

    Jack - 21/01/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 21/01 (prima parte)

    Jack di mar 21/01 (prima parte)

    Jack - 21/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session 21-01-20

    a cura di Vic White

    Radio Session - 21/01/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 21/01

    Considera l'armadillo mar 21/01

    Considera l’armadillo - 21/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session di mar 21/01

    Radio Session di mar 21/01

    Radio Session - 21/01/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 21/01

    Calabria al voto, il testa-coda dei partiti. Il Pd ha presentato l’imprenditore del tonno, Pippo Callipo, un uomo che piaceva…

    Memos - 21/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mar 21/01

    Tazebao di mar 21/01

    Tazebao - 21/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 21/01

    Note dell'autore di mar 21/01

    Note dell’autore - 21/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 21/01/2020 (prima parte)

    Cult di mar 21/01 (prima parte)

    Cult - 21/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 21/01/2020 (seconda parte)

    Cult di mar 21/01 (seconda parte)

    Cult - 21/01/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 21/01

    A come America del mar 21/01

    A come America - 21/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 21/01 (terza parte)

    Prisma di mar 21/01 (terza parte)

    Prisma - 21/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 21/01 (prima parte)

    Prisma di mar 21/01 (prima parte)

    Prisma - 21/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 21/01 (seconda parte)

    Prisma di mar 21/01 (seconda parte)

    Prisma - 21/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

“Divisivo” is the new fascismo

Pietre d'inciampo a Bratislava

A Schio, in provincia di Vicenza, la giunta comunale ha detto no alla posa di 14 pietre d’inciampo dedicate a 14 concittadini che furono deportati, e morirono, nei campi di sterminio nazisti durante la seconda guerra mondiale. La proposta era stata avanzata dal Partito Democratico.

Motivazione del rifiuto: “È una iniziativa divisiva”. La maggioranza di destra in consiglio comunale aveva obiettato che la posa delle pietre d’inciampo avrebbe portato nuovo “odio e divisioni a Schio”. Quindi niente pietre d’inciampo.

Il caso di Schio è emblematico dell’uso politico della memoria da parte di una destra che in Italia è venata di nostalgie per il fascismo e di spirito di rivalsa e di vendetta, e di disprezzo, nei confronti dell’antifascismo. Non è il solo caso. Nelle ultime ore a Roma sono state imbrattate le targhe di due vie dedicate a deportati.

Nei giorni scorsi due comuni avevano detto no alla cittadinanza onoraria a Liliana Segre: Biella e Sesto San Giovanni. Il sindaco di Biella poi, travolto dalla popolarità di Ezio Greggio, il quale aveva rifiutato il riconoscimento che gli era stato proposto in luogo di Liliana Segre, ha cambiato idea e ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria alla donna sopravvissuta al campo di sterminio di Auschwitz, diventata oggetto di attacchi e minacce e costretta alla scorta.

A Sesto San Giovanni, che da icona della sinistra comunista si è trasformata ormai nel laboratorio politico della destra radicale italiana, invece tengono il punto.

Da Schio a Roma a Sesto San Giovanni la destra radicale manipola la memoria, e tenta una operazione in fondo banale ma che rischia di essere efficace, in assenza di risposte adeguate: la trasformazione della memoria della Resistenza, dell’antifascismo, delle deportazioni, delle vittime del nazifascismo da patrimonio comune a valore di una sola, minoritaria parte.

E la parola d’ordine, in tutti i casi, è “divisivo”. Se sei antifascista, sei “divisivo” perché il fascismo ha pari dignità con l’antifascismo, non può essere discriminato. Semplice, nella sua brutalità. Semplice e pericoloso.

Foto di Christian Michelides

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni