Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Sabato 18 aprile 2020

che cosa è successo oggi 18 aprile 2020

Il racconto della giornata di sabato 18 aprile 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dall’analisi dei dati dell’epidemia al conteggio dei decessi, tantissimi, nelle RSA bergamasche. La Gran Bretagna resta chiusa anche se i dati sembrano non peggiorare; il Partito Comunista Cinese prende provvedimenti economici per spingere la ripresa. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

(di Chiara Ronzani)

Gli unici dati che scendono con una certa costanza sono quelli di ricoverati e pazienti in terapia intensiva. Sono in calo da circa 2 settimane. 

Nuovi positivi e decessi, invece, vedono ancora un andamento altalenante e sostenuto, per quanto la tendenza sia al lento ribasso.

Praticamente invariati nuovi casi accertati in Italia, sfiorano i 3500 nelle scorse 24 ore, così come il giorno precedente. Se la variabilità di questo dato è legata al numero di tamponi, cioè alla capacità di fare i test, diverso è il dato dei decessi per coronavirus. 

Sono stati 482, 93 in meno rispetto al giorno prima. Una cifra comunque elevata, del tutto simile a quella di un mese prima, il 18 marzo, pochi giorni prima dell’impennata che portò al picco dei decessi, 919 in un solo giorno.

Una tendenza al ribasso, insomma, molto lenta.

Che in Lombardia appare ancora più incerta. Se è vero che anche nella regione più colpita e che determina con il suo peso l’andamento statistico dei casi, i morti sono stati 199, in calo di 44 rispetto al giorno precedente, ma i nuovi positivi sono invece aumentati, oltre 200 in più, a quota 1246.

Di questi, la maggioranza in provincia di Milano, 269, seguita da Brescia, 191, e Como, 154.

Tra le regioni, in controtendenza è il Piemonte. La curva dei contagi invece che scendere, cresce leggermente. I dati di questa settimana sui nuovi positivi sono più elevati di quelli di un mese fa.

Nelle RSA bergamasche è stata un’ecatombe

(di Claudio Jampaglia)

Struttura per struttura, la funzione pubblica Cgil, ha passato l’ultima settimana a mappare i decessi nelle Rsa accreditate in Regione nella provincia di Bergamo, spesso con la collaborazione delle direzioni delle strutture, e il dato è quello di un’ecatombe. Uno su quattro dei 5mila anziani delle 55 Rsa per cui è stato possibile avere dati certi è morto dall’inizio dell’epidemia. Con diversificazioni impressionanti: dal 10% per le strutture di Grumello, Lovere o Brignano d’Adda, al 46%, a Covo, nella bassa, il 40% a Gazzaniga o il 37% a Nembro entrambe in Val Seriana. Sono tutte strutture piccole con meno di cento ospiti, ma a Dalmine o a Villa d’Adda, tra le più grandi, la percentuale dei decessi è attorno al 35%. L’ATs di Bergamo ancora ieri si rifiutava di fornire ai sindacati i dati sui decessi, perché una circolare della protezione civile ne impedirebbe la comunicazione. A Cgil-Cisl-Uil non risulta. E  i tre sindacati attaccano: “è emersa la consapevolezza che l’ATS abbia agito da “palo” per la Regione nella gestione “post covid” nelle RSA”. Il riferimento è alla delibera regionale del 8 marzo che invitava le Rsa a prendere i dimessi dagli ospedali per liberare posti letto. Ma dall’inchiesta della funzione pubblica Cgil emerge che il contagio sia arrivato anche tra chi non ha ricevuto nuovi pazienti ma non aveva guanti e mascherine. E la conclusione dei sindacati è un vero atto d’accusa: “lo smantellamento della medicina di territorio”, “il totale svuotamento” di personale e mezzi nel passaggio da Asl a Ats, sono la causa dell’inadeguatezza del sistema. “La grande sanità lombarda è crollata come un castello di sabbia”. E sotto migliaia di morti.

L’andamento dell’epidemia in Gran Bretagna

(di Daniele Fisichella)

Continua a diminuire il numero dei malati ammessi in ospedale a Londra e nelle Midlands, le due aree più colpite dal virus. Segnale questo, secondo il Governo, che le misure restrittivve stanno funzionando anche se non è ben chiaro se si sia raggiunto il picco dei contagi. Al numero ufficiale dei decessi in ospedale vanno aggiunti quelli nelle case di cura, che potrebbero essere oltre 7 mila: e questo è dovuto, per gran parte, alla mancanza di mascherine e altri indumenti protettivi.

Da diverse settimane anche gli infermieri e I dottori nei vari ospedali britannici lamentano la carenza di materiali e la poca chiarezza delle linee guida sull’utilizzo degli stessi. Dunque il Governo rimane sotto pressione da più parti, benché tutti abbiano accettato che bisognerà restare in casa fino ad almeno il 7 Maggio, in molti chiedono che venga resa pubblica la strategia per uscire, anche in diverse fasi scaglionate, dal lockdown.

Il tentativo di “new deal” cinese dopo l’epidemia

(di Gabriele Battaglia)

Il presidente cinese Xi Jinping ha presieduto un vertice del Politburo ieri, nello stesso giorno in cui venivano resi noti i risultati economici negativi del primo trimestre 2020. È stato deciso che si ricorrerò a strumenti macroeconomici più decisi per attutire le ricadute dell’epidemia”, recita una nota di Xinhua: leggi, un pacchetto di stimoli che però bisognerà capire come sarà orientato. Alcune indicazioni vengono dal fatto che il Politburo ha citato anche misure più specifiche. Innanzitutto, l’emissione di titoli di Stato speciali, chiamiamoli “Cina-bond”. Poi, politiche monetarie “per incanalare capitali nell’economia reale, in particolare verso le medie, le piccole e le microimprese”, cioè quelle in maggiore difficoltà in questo momento, perché si prevedono tempi bui per l’export, che nelle intenzioni dovrebbe essere sostituito dal mercato domestico. Ed è per questo che si parla anche di “stimolare la spesa dei consumatori e aumentare la spesa pubblica, se necessario”. Cioè welfare e sostegno dei consumi delle famiglie.

L’agenzia Xinhua riporta anche che la priorità è dare lavoro nelle regioni più povere, mantenere stabili i prezzi dei prodotti agricoli e offrire occupazione alla nuova generazione di laureati. Quest’anno saranno 8 milioni e 700mila, il premier Li Keqiang ha già detto che difficilmente troveranno un’occupazione al livello delle loro aspettative, di solito la soluzione in questi casi è prolungare gli studi con master e specializzazioni. Insomma, sembrerebbe delinearsi un New Deal alla cinese ed è certo che anche il futuro del Partito e dell’attuale leadership dipenderà dalle risposte economiche che sapranno dare alla crisi post-epidemica.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 23/06/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/06/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 23/06/21 delle 19:51

    Metroregione di mer 23/06/21 delle 19:51

    Rassegna Stampa - 23/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 23/06/21

    Ora di punta di mer 23/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 23/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 23/06/21

    1-Arabia Saudita. Gli assassini del giornalista dissidente Jamal Khashoggi furono addestrati negli Stati Uniti. Le rivelazioni del New York Times.…

    Esteri - 23/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 23/06/21

    Sunday Blues di mer 23/06/21

    Sunday Blues - 23/06/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 23/06/21

    Uno di Due di mer 23/06/21

    1D2 - 23/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 23/06/21

    Considera l'armadillo mer 23/06/21

    Considera l’armadillo - 23/06/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 23/06/21

    Jack di mer 23/06/21

    Jack - 23/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 23/06/21

    Stay Human di mer 23/06/21

    Stay human - 23/06/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 23/06/21

    Caporali, imprese di comodo, criminalità: è la coalizione dello schiavismo che sfrutta il lavoro bracciantile, soprattutto dei migranti. Ma in…

    Memos - 23/06/2021

  • PlayStop

    Pietro MInto, Come annoiarsi meglio

    PIETRO MINTO - COME ANNOIARSI MEGLIO - presentato da FLORENCIA DI STEFANO-ABICHAIN

    Note dell’autore - 23/06/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 23/06/21

    ira rubini, pesaro film festival, nightwalk, adriano valerio, barbara sorrentini, tiziana ricci, rivista segnature, francesca pasini, marina ballo charmet, oliviero…

    Cult - 23/06/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 23/06/21

    Doppio Click di mer 23/06/21

    Doppio Click - 23/06/2021

  • PlayStop

    Silenzio

    dove si parla di incredibili dischi silenziosi, di John Cage, di vasche da bagno, modi di dire e si afferma…

    Il gufo e l’allodola - 23/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 23/06/21

    Prisma di mer 23/06/21

    Prisma - 23/06/2021

  • PlayStop

    Valcareggi di dom 20/06/21

    Italia x Galles

    Tutta colpa di Valcareggi - 23/06/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 23/06/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 23/06/21

    Rassegna stampa internazionale - 23/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 23/06/21

    Fino alle otto di mer 23/06/21

    Fino alle otto - 23/06/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 23/06/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 23/06/21

    Il demone del tardi - 23/06/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 22/06/21

    Puntata 24 - Playlist: 01 – Brand X – Sun in the Night ..02 –Robert Wyatt – Free Will and…

    Music Revolution - 23/06/2021

Adesso in diretta