Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di dom 17/11 delle ore 10:30

    GR di dom 17/11 delle ore 10:30

    Giornale Radio - 17/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 17/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 17/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 15/11 delle 19:49

    Metroregione di ven 15/11 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 17/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Onde Road di dom 17/11

    Onde Road di dom 17/11

    Onde Road - 17/11/2019

  • PlayStop

    Varia umanita di dom 17/11

    Varia umanita di dom 17/11

    Varia umanità - 17/11/2019

  • PlayStop

    Chassis di dom 17/11 (prima parte)

    Chassis di dom 17/11 (prima parte)

    Chassis - 17/11/2019

  • PlayStop

    Chassis di dom 17/11 (seconda parte)

    Chassis di dom 17/11 (seconda parte)

    Chassis - 17/11/2019

  • PlayStop

    Chassis di dom 17/11

    Chassis di dom 17/11

    Chassis - 17/11/2019

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 17/11

    Favole al microfono di dom 17/11

    Favole al microfono - 17/11/2019

  • PlayStop

    Snippet di sab 16/11

    Snippet di sab 16/11

    Snippet - 17/11/2019

  • PlayStop

    The Box di sab 16/11

    The Box di sab 16/11

    The Box - 17/11/2019

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 16/11 (prima parte)

    Il Sabato del Villaggio di sab 16/11 (prima parte)

    Il sabato del villaggio - 17/11/2019

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 16/11 (seconda parte)

    Il Sabato del Villaggio di sab 16/11 (seconda parte)

    Il sabato del villaggio - 17/11/2019

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 16/11

    Il Sabato del Villaggio di sab 16/11

    Il sabato del villaggio - 17/11/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 16/11 (terza parte)

    Pop Up di sab 16/11 (terza parte)

    Pop Up Live - 17/11/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 16/11 (seconda parte)

    Pop Up di sab 16/11 (seconda parte)

    Pop Up Live - 17/11/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 16/11 (prima parte)

    Pop Up di sab 16/11 (prima parte)

    Pop Up Live - 17/11/2019

  • PlayStop

    Il Suggeritore di sab 16/11

    Il Suggeritore di sab 16/11

    Il suggeritore - 17/11/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 16/11

    Pop Up di sab 16/11

    Pop Up Live - 17/11/2019

  • PlayStop

    Ten ten Chart di sab 16/11

    Ten ten Chart di sab 16/11

    Ten ten chart - 17/11/2019

  • PlayStop

    Mind the Gap di sab 16/11

    Mind the Gap di sab 16/11

    Mind the gap - 17/11/2019

  • PlayStop

    Passatel di sab 16/11

    Passatel di sab 16/11

    Passatel - 17/11/2019

  • PlayStop

    Sidecar di sab 16/11

    Sidecar di sab 16/11

    Sidecar - 17/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Il corpo del Capo dello Stato

Scuro in volto, severo nella postura, intransigente nel tono di voce.

Sergio Mattarella, il Capo dello Stato, ha usato il corpo per mostrare agli italiani il suo stato d’animo, e il suo corpo è stato il dato politico più importante del suo breve discorso pubblico al termine delle consultazioni. Mattarella è furioso per il cinismo e la spregiudicatezza con cui tutti i principali attori politici stanno giocando questa assurda partita d’agosto. Dove gli interessi in gioco sono quelli di bottega e non quelli degli italiani. La crisi aperta in maniera incomprensibile da Salvini al culmine di un delirio politico di onnipotenza, per ragioni pubbliche poco condivise dal Quirinale e forse ragioni altre, inconfessate. Il Partito Democratico dove anche questa volta la guerriglia interna permanente prevale e rischia di fare saltare tutto, con Renzi che diceva no ai grillini che ora dice sì pensando al suo domani, Zingaretti che diceva sì e prima ha detto no, poi sì ma in realtà se fosse no ne approfitterebbe per muovere contro Renzi. Il Movimento 5 Stelle che pensava che passare dalla destra radicale al centrosinistra significasse solo cambiare i nomi di alcuni ministri.

L’aut aut che Mattarella ha dato è reale: proroga delle trattative fino a martedi poi, se non c’è accordo, elezioni anticipate. Ha imposto tutto il peso del Quirinale e ha dovuto spiegare ai leader politici che hanno anche una responsabilità verso il Paese, non solo verso i propri partiti o correnti o carriere.

Non è detto che sia sufficiente perché se tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico le differenze sul taglio dei parlamentari sembrano di bandiera, su economia e immigrazione, soprattutto sull’economia, si stanno nascondendo al dibattito pubblico differenze che in un recente passato sono state notevoli.

E va bene che in politica accade di tutto, ma se per assurdo Lega e 5 Stelle dovessero riavvicinarsi, dopo aver sacrificato Conte, il Quirinale vorrebbe tante di quelle garanzie che altro che contratto.

Il corpo del Capo dello Stato ieri sera a ora di cena ha detto agli italiani: ‘tutto questo deve finire, nessuno è fesso e i giochi sono chiari ed è ora dell’assunzione delle responsabilità. Altrimenti, i soggetti in campo si assumerebbero ben altra responsabilità, quella di elezioni che ci porterebbero verso scenari pericolosi’

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni