Nodi da sciogliere

Decreto Dignità, ci vorrà la fiducia?

giovedì 26 luglio 2018 ore 13:21

Tra la grottesca opposizione da destra del Partito Democratico e i litigi dentro la maggioranza, il Decreto Dignità, provvedimento simbolo del Movimento 5 Stelle, stenta a decollare. Tutto rimandato alla prossima settimana, dunque, per una discussione in Commissione fin qui molto faticosa. E non è detto che l’Aula sia meno complicata.

A rendere più difficili le cose c’è l’opposizione sempre più esplicita di Confindustria. Non solo quella del Presidente nazionale Vincenzo Boccia, che ha definito il testo “antitetico al contratto di programma” perchè si aumenta il costo dei contratti a tempo determinato, ma anche nel cuore del bacino elettorale della Lega, il Veneto, dove gli industriali legati a Confindustria hanno preso duramente posizione:

“Ad accendere la polemica erano state due riunioni di Confindustria Veneto-Centro con la propria base. Centinaia di imprenditori riuniti a Treviso e a Padova dal Presidente Massimo Finco avevano attaccato il provvedimento accusando sostanzialmente il decreto di disincentivare le assunzioni”.

E gli imprenditori se la sono presa in particolare con la Lega, attaccando frontalmente il partito, reo secondo loro di averli traditi, compreso il Presidente della Regione, Zaia. Ma dal Veneto viene anche quel Massimo Colombari, imprenditore vicino ai 5Stelle, che insieme all’imprenditore milanese Arturo Artom è fautore di quella tessitura di ottimi rapporti tra le piccole imprese e l’attuale governo. In una relazione costruita da anni già da Gianroberto Casaleggio e consolidata col fondo per le piccole e medie imprese, dove i Parlamentari 5 Stelle versavano le eccedenze dei loro stipendi.

I nodi da sciogliere restano però legati soprattutto al lavoro, dai voucher all’indennità per le imprese che licenziano, ma anche le norme anti delocalizzazione. Restano anche i consueti contrasti con il Ministro dell’Economia Giovanni Tria, blindato da Mattarella che chiede di rispettare i vincoli dell’Unione Europea quando buona parte del programma economico di Lega e M5S va invece a lavorare in deficit:

“Molto significative ritengo anche le misure che sono state adottate per contrastare la delocalizzazione delle attività produttive e delle attività imprenditoriali” – Giuseppe Conte

I dubbi sull’efficacia di queste norme arrivano anche dai sindacati. Prendiamo proprio le delocalizzazioni, difficile intanto fare dei numeri. Ci ha provato la Cgia di Mestre: tra il 2009 e il 2015 il numero delle partecipazioni all’estero delle aziende italiane è aumentato di quasi il 13%. Se verso la fine del decennio scorso i quasi erano quasi 32mila, nel 2015 hanno sfiorato i 36mila.

Ancora più difficile capire il numero di imprese che hanno chiuso l’attività in Italia per trasferirsi all’estero. Ci hanno provato due ricercatori, Matteo Gaddi e Nadia Garbellini, elaborando i dati del 2016 di Eurofound dedicati alle ristrutturazioni di impresa negli otto Paesi europei più industrializzati: 222mila posti di lavoro persi. Gran Bretagna, Germania, Francia, Belgio, Olanda, Italia nell’ordine i Paesi che demoralizzano di più. La domanda è ovviamente come evitarlo.

In Italia una legge esiste già. Un articolo del 2014 passato proprio grazie al Movimento 5 Stelle prevede che se un’azienda beneficia di contributi pubblici ed entro 3 anni va all’estero con riduzione di almeno il 50% del personale, perderà quel beneficio. I 5Stelle, con la loro proposta, continuano dunque su questa strada fin qui, però, poco o per nulla incisiva.

“Si va in aula giovedì con la discussione generale. Io sarò in Aula in questi giorni per seguire tutto” – Luigi Di Maio

Intanto alla Camera il via libera definitivo atteso per il 2 agosto va in là. Al Senato il Decreto Dignità sarà esaminato dal 6 agosto e se i tempi si restringessero ulteriormente si alzerebbero le quote dell’ipotesi della richiesta di una fiducia. Ci sarà poi una pausa estiva, ma il decreto scade il 12 settembre e questo rende forte la preoccupazione che i tempi per approvarlo prima della pausa estiva non ci siano. Non farebbe una grande differenza sul piano concreto, ma per Di Maio sarebbe uno smacco clamoroso sul piano dell’immagine.

Luigi Di Maio

Aggiornato lunedì 30 luglio 2018 ore 12:05
TAG