Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 13/11 delle ore 08:31

    GR di mer 13/11 delle ore 08:31

    Giornale Radio - 13/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 13/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 13/11 delle 07:14

    Metroregione di mer 13/11 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (prima parte)

    Prisma di mer 13/11 (prima parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale - 13/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (seconda parte)

    Prisma di mer 13/11 (seconda parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 13/11

    i raid aerei israeliani hanno causato la morte di 24 palestinesi, 73 i feriti. ..Tra le vittime un bambino di…

    Esteri - 13/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (terza parte)

    Prisma di mer 13/11 (terza parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 13/11

    Barrilete Cosmico di mer 13/11

    Barrilete Cosmico - 13/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (prima parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 13/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mer 13/11

    Tazebao di mer 13/11

    Tazebao - 13/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (seconda parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 13/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mer 13/11

    Radio Session di mer 13/11

    Radio Session - 13/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 13/11

    MIRIAM TOEWS-LA MIA ESTATE FORTUNATA-DONNE CHE PARLANO- Presentato da:IRA RUBINI e CHIARA RONZANI

    Note dell’autore - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11

    Due di due di mer 13/11

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11 (prima parte)

    Due di due di mer 13/11 (prima parte)

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11 (seconda parte)

    Due di due di mer 13/11 (seconda parte)

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11

    Malos di mer 13/11

    MALOS - 13/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 13/11

    Si parla con Piero Milani del Centro Fauna Selvatica Il Pettirosso, dell'Operazione Pettirosso contro il bracconaggio, di valli bresciane, di…

    Considera l’armadillo - 13/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 13/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    MALOS - 13/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 13/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Germania, la nazionale divide il Paese

La nazionale tedesca ai Mondiali di Russia 2018

Mannshaft, specchio politico e sociale di una Germania divisa”. Cosi titolava, alcune ore prima della partita con la Corea del sud, Libération. Citava Toni Kroos. Dopo la partita vinta contro la Svezia, il centrocampista del Real si era sfogato con i giornalisti: “A molte persone in Germania sarebbe piaciuto se fossimo usciti“.

Le ‘molte persone’ sono quelle che sono saltate in questi anni sul carro dell’Afd, il partito di estrema destra, che sogna una Mannshaft bianca, senza tedeschi di origine turca, come Özil e Gündoğan o ghanese come Jerome Boateng.

Nel 2014, durante i mondiali del Brasile, Angela Merkel e Joachim Löw, ct della Nazionale, erano al massimo della popolarità. La Germania intera festeggiò allora la Mannshaft multietnica, capolavoro della Cancelliera e della sua politica di integrazione.

Quattro anni dopo e un milione di rifugiati in più, Angela Merkel, logorata da troppi anni al potere, è alle prese con una grave crisi di consenso. L’unione con i bavaresi della Csu rischia di spaccarsi proprio sulla questione dei migranti. Questa sera l’eliminazione della Mannshaft diventa il miglior alleato dell’estrema destra.

E parafrasando Toni Kroos, a molti tedeschi è piaciuta la sconfitta contro la Corea del sud.

La nazionale tedesca ai Mondiali di Russia 2018
Foto dalla pagina FB della Nazionale della Germania https://www.facebook.com/DFBTeamEN/
  • Autore articolo
    Chawki Senouci
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni