Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 18/11 delle ore 22:31

    GR di lun 18/11 delle ore 22:31

    Giornale Radio - 19/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/11 delle 19:50

    Metroregione di lun 18/11 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di lun 18/11

    From Genesis to Revelation di lun 18/11

    From Genesis To Revelation - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology - 19/11/2019

  • PlayStop

    Basse Frequenze di lun 18/11

    Basse Frequenze di lun 18/11

    Basse frequenze - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 18/11

    Jailhouse Rock di lun 18/11

    Jailhouse Rock - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11 (seconda parte)

    Ora di punta di lun 18/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11 (prima parte)

    Ora di punta di lun 18/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di lun 18/11

    ..1-Ucrainagate: a sorpresa Donald Trump annuncia che sarebbe pronto a testimoniare sul suo impeachment. (Roberto Festa)..2-Hong Kong. Il politecnico nuovo…

    Esteri - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11

    Ora di punta di lun 18/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 18/11 (seconda parte)

    Malos di lun 18/11 (seconda parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 18/11 (prima parte)

    Malos di lun 18/11 (prima parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 18/11

    Malos di lun 18/11

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di lun 18/11 (seconda parte)

    Due di due di lun 18/11 (seconda parte)

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di lun 18/11 (prima parte)

    Due di due di lun 18/11 (prima parte)

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11 (prima parte)

    Cult di lun 18/11 (prima parte)

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di lun 18/11

    Due di due di lun 18/11

    Due di Due - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11 (seconda parte)

    Cult di lun 18/11 (seconda parte)

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    50 anni di piazza Fontana - sesta puntata

    Parliamo dei processi per la strage, del primo di Catanzaro con Benedetta Tobagi, scrittrice e studiosa dello stragismo nero, e…

    Cinquant’anni di Piazza Fontana - 18/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di lun 18/11

    Note dell'autore di lun 18/11

    Note dell’autore - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11

    Fino alle otto di lun 18/11

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (prima parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Libia, accordo per il voto il 10 dicembre

Accordo Libia a Parigi

Un accordo per la Libia in otto punti. Lo hanno firmato a Parigi i quattro rappresentanti delle istituzioni in cui è diviso il Paese: il premier Fayez al-Sarraj, il generale Khalifa Haftar, il presidente della Camera Aguila Saleh e del Senato Khaled al-Mishri.

L’accordo prevede elezioni il 10 dicembre di quest’anno e l’approvazione di una Costituzione e una Legge elettorale entro settembre e da subito la riunificazione della Banca Centrale.

Alla conferenza di Parigi, voluta dal Presidente francese Emmanuel Macron, hanno partecipato 19 Paesi influenti sulla crisi libica, tra i quali l’Italia ed i cinque Paesi membri del Consiglia di Sicurezza dell’ONU.

Il summit si è svolto sotto l’egida dell’ONU, ma il vero attore è stato la diplomazia francese. L’accordo è sicuramente un passo in avanti rispetto alla situazione di stallo precedente, raggiunta nell’incontro di al-Sarraj e Haftar a Parigi nel luglio 2017.

Manca però lo strumento attuativo sul territorio. In Libia non c’è un esercito né forze di sicurezza nazionali unanimemente riconosciuti. E i rappresentati delle milizie esclusi dalle trattative hanno pubblicato un comunicato parlando di interferenze esterne e faranno di tutto per impedire lo svolgimento delle elezioni.

La diplomazia italiana, infastidita dall’ottimismo francese, è rimasta con il cerino in mano.

Accordo Libia a Parigi
Foto dal profilo Twitter di Emmanuel Macron https://twitter.com/emmanuelmacron
  • Autore articolo
    Farid Adly
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni