Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 22/11 delle ore 08:30

    GR di ven 22/11 delle ore 08:30

    Giornale Radio - 22/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 22/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 22/11 delle 07:15

    Metroregione di ven 22/11 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 22/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 22/11 (terza parte)

    Fino alle otto di ven 22/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 22/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 22/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di ven 22/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 22/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 22/11 (prima parte)

    Fino alle otto di ven 22/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 22/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 22/11

    Fino alle otto di ven 22/11

    Fino alle otto - 22/11/2019

  • PlayStop

    Oltre i 70 di gio 21/11

    Oltre i 70 di gio 21/11

    Oltre i ’70 - 22/11/2019

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 21/11

    Rotoclassica di gio 21/11

    Rotoclassica - 22/11/2019

  • PlayStop

    Rock is Dead di gio 21/11

    Rock is Dead di gio 21/11

    Rock is dead - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 21/11 (seconda parte)

    Ora di punta di gio 21/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 21/11 (prima parte)

    Ora di punta di gio 21/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di gio 21/11

    Esteri di gio 21/11

    Esteri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di gio 21/11

    Esteri di gio 21/11

    Esteri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 21/11

    Ora di punta di gio 21/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 21/11 (prima parte)

    Malos di gio 21/11 (prima parte)

    MALOS - 22/11/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 21/11 (seconda parte)

    Malos di gio 21/11 (seconda parte)

    MALOS - 22/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di gio 21/11 (prima parte)

    Due di due di gio 21/11 (prima parte)

    Due di Due - 22/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di gio 21/11 (seconda parte)

    Due di due di gio 21/11 (seconda parte)

    Due di Due - 22/11/2019

  • PlayStop

    Jack di gio 21/11 (seconda parte)

    Jack di gio 21/11 (seconda parte)

    Jack - 22/11/2019

  • PlayStop

    Jack di gio 21/11 (prima parte)

    Jack di gio 21/11 (prima parte)

    Jack - 22/11/2019

  • PlayStop

    FRANK ZAPPA

    FRANK ZAPPA

    Jailhouse Rock - 22/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 21/11

    Considera l'armadillo gio 21/11

    Considera l’armadillo - 22/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

I fattorini di Foodora: “la nostra lotta continua”

Un algoritmo è più importante di un essere umano?

Il Tribunale di Torino ha respinto il ricorso di sei fattorini di Foodora, la società che distribuisce cibo a domicilio servendosi di cosiddetti ‘riders’ ossia, appunto, fattorini che usano la bicicletta e i cui ritmi e modalità di lavoro sono governati da un software.

I sei fattorini avevano protestato per le condizioni di lavoro, sostenendo di essere sfruttati, monitorati, tracciati dall’algoritmo e pagati sotto forma di cottimo. Per questo, Foodora non ha più dato loro lavoro. Per i fattorini si tratta di un licenziamemento, per la società no perché, sostiene, non c’era alcun tipo di lavoro subordinato.

Il Tribunale ha dato ragione a Foodora.

Intervistati da Radio Popolare, i lavoratori rilanciano adesso rilanciano: “non ci arrendiamo, faremo ricorso”.

Jamy Salati è uno degli ex fattorini Foodora:

“nessuno di noi ha capito come sia potuta succedere una cosa del genere -spiega a Chiara Ronzani, commentando la sentenza-  siamo rimasti un po’ sorpresi ma sicuramente andremo avanti, non molliamo certo per una sciocchezza del genere. Avevamo preso in considerazione l’ipotesi di una sentenza simile.

Ma i lavoratori non mollano, anzi rilanciano: “dopo tutte le azioni che abbiamo fatto si sono accesi focolai in tutto il mondo -continua Jamy- abbiamo una meravigliosa rete di contatti europea e internazionale di tutte le persone che fanno questo lavoro. Cresce la consapevolezza rispetto a questo lavoro. Non mi pentirei mai di quello che ho fatto, anzi sono molto orgoglioso”.

A riprova delle parole del lavoratore Jamy, nel fine settimana a Bologna i fattorini delle piattaforme online si riuniranno in una sorta di ‘stati generali’.

Tommaso Falchi fa parte della Riders Union Bologna, il primo sindacato autorganizzato dei fattorini bolognesi:

“faremo l’assemblea nazionale a Bologna anzitutto per  confrontarci tra riders di varie città e ragionare sia di aspetti quali l’organizzazione o il mutualismo, sia delle rivendicazioni. E poi  vogliamo stringere nuove relazioni con altri riders di altre città che sono appena partite, per creare una rete forte contro i giganti del food delivery”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni