Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 13/11 delle ore 08:31

    GR di mer 13/11 delle ore 08:31

    Giornale Radio - 13/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 13/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 13/11 delle 07:14

    Metroregione di mer 13/11 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (prima parte)

    Prisma di mer 13/11 (prima parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale - 13/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (seconda parte)

    Prisma di mer 13/11 (seconda parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 13/11

    i raid aerei israeliani hanno causato la morte di 24 palestinesi, 73 i feriti. ..Tra le vittime un bambino di…

    Esteri - 13/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (terza parte)

    Prisma di mer 13/11 (terza parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 13/11

    Barrilete Cosmico di mer 13/11

    Barrilete Cosmico - 13/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (prima parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 13/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mer 13/11

    Tazebao di mer 13/11

    Tazebao - 13/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (seconda parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 13/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mer 13/11

    Radio Session di mer 13/11

    Radio Session - 13/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 13/11

    MIRIAM TOEWS-LA MIA ESTATE FORTUNATA-DONNE CHE PARLANO- Presentato da:IRA RUBINI e CHIARA RONZANI

    Note dell’autore - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11

    Due di due di mer 13/11

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11 (prima parte)

    Due di due di mer 13/11 (prima parte)

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11 (seconda parte)

    Due di due di mer 13/11 (seconda parte)

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11

    Malos di mer 13/11

    MALOS - 13/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 13/11

    Si parla con Piero Milani del Centro Fauna Selvatica Il Pettirosso, dell'Operazione Pettirosso contro il bracconaggio, di valli bresciane, di…

    Considera l’armadillo - 13/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 13/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    MALOS - 13/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 13/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Lega 5 Stelle, nuovi tasselli dell’accordo

ll Movimento 5 Stelle offre alla Lega ‘ministeri importanti’ per l’alleanza di governo. E il pensiero è al ministero dell’Interno, il posto sognato da Matteo Salvini, la poltrona da cui potrebbe attuare le sue promesse politiche contro gli immigrati. Ma non solo quello. Anche il ministero dell’economia, ad esempio. Al comizio finale di piazza Duomo, Salvini promise che avrebbe portato al governo l’economista Alberto Bagnai, anti Europa, anti Euro, uno gradito anche a molti grillini, meno al Quirinale che vuole che non vengano messe in discussione Europa e tenuta dei conti.

Quello che ambienti del M5S ribadiscono è Di Maio deve essere presidente del consiglio. Del resto, Salvini ieri affermava che per lui non è fondamentale esserlo. Lo scenario potrebbe anche avere un altro sviluppo, ossia un presidente del consiglio terzo, un tecnico, una figura autorevole che possa mettere tutti d’accordo. Qualche esempio? Carlo Cottarelli, l’ex mister spending review. E a Milano, silente, c’è sempre Roberto Maroni. Il quale avrebbe il vantaggio di essere accettabile da tutti: dai 5 Stelle, dal presidente della Repubblica, visto che è stato uomo delle Istituzioni, avendo guidato il Viminale per tanti anni. E da Silvio Berlusconi con cui esiste un feeling speciale.

Berlusconi: ieri lanciando Salvini premier ha dimostrato di voler mantenere unita la coalizione di centrodestra e di voler partecipare al governo con Forza Italia. Per i 5 Stelle rimane un problema e per questo ribadiscono il nome di Di Maio e tessono la tela di programma e ministeri solo con la Lega.

A proposito di programmi: si apre e si smussa da entrambe le parti. Salvini dice si al tra virgolette reddito di cittadinanza, “se si stratta di misure per la disoccupazione” e Di Maio apre alla abolizione della Legge Fornero se si tratta di “graduale superamento” afferma.

Cambia la sostanza. Rimangono i titoli. Il governo Lega 5 Stelle si costruisce così

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni