Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 18/11 delle ore 22:31

    GR di lun 18/11 delle ore 22:31

    Giornale Radio - 19/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/11 delle 19:50

    Metroregione di lun 18/11 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di lun 18/11

    From Genesis to Revelation di lun 18/11

    From Genesis To Revelation - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology - 19/11/2019

  • PlayStop

    Basse Frequenze di lun 18/11

    Basse Frequenze di lun 18/11

    Basse frequenze - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 18/11

    Jailhouse Rock di lun 18/11

    Jailhouse Rock - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11 (seconda parte)

    Ora di punta di lun 18/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11 (prima parte)

    Ora di punta di lun 18/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di lun 18/11

    ..1-Ucrainagate: a sorpresa Donald Trump annuncia che sarebbe pronto a testimoniare sul suo impeachment. (Roberto Festa)..2-Hong Kong. Il politecnico nuovo…

    Esteri - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11

    Ora di punta di lun 18/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 18/11 (seconda parte)

    Malos di lun 18/11 (seconda parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 18/11 (prima parte)

    Malos di lun 18/11 (prima parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 18/11

    Malos di lun 18/11

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di lun 18/11 (seconda parte)

    Due di due di lun 18/11 (seconda parte)

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di lun 18/11 (prima parte)

    Due di due di lun 18/11 (prima parte)

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (terza parte)

    Prisma di lun 18/11 (terza parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11

    Senti un po' di lun 18/11

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Doppio Click di lun 18/11

    Doppio Click di lun 18/11

    Doppio Click - 18/11/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11 (prima parte)

    Senti un po' di lun 18/11 (prima parte)

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11

    Cult di lun 18/11

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11 (seconda parte)

    Senti un po' di lun 18/11 (seconda parte)

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11 (prima parte)

    Cult di lun 18/11 (prima parte)

    Cult - 18/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Taleban attivi in quasi il 70% del territorio

È difficile fare una mappatura del conflitto in Afghanistan. Una buona parte del paese è off-limits. Fuori dalle grandi città regnano diversi gruppi armati. Oltre agli attentati in grande stile nelle zone urbane – quelli che raccontano i media internazionali – ci sono attacchi di ogni tipo su base quotidiana, non coperti dalla stampa ma se sommati tra loro ancora più deleteri.

Un tentativo molto interessante lo ha fatto la britannica BBC, mandando i suoi reporter in giro per tutto il paese per diversi mesi. La loro ricerca è stata appena pubblicata, e racconta un paese dove continua a dominare una sola cosa, la guerra.

Secondo l’inchiesta della TV britannica i taleban controllerebbero direttamente 14 distretti – il 4% del territorio afghano – ma attenzione, sarebbero attivi e presenti nel 66% del paese. Una percentuale più alta rispetto a quella di altre ricerche in passato. Nel territorio sotto la costante minaccia dei taleban vivono 15 milioni di persone. Non siamo solo nelle tradizionali roccaforti del sud, come la provincia di Helmand, ma anche nei distretti dell’est, dell’ovest e del nord.

Alcune aree sono cadute nelle mani dei taleban o sotto la loro minaccia dopo la partenza delle truppe internazionali nel 2014. È successo per esempio proprio ad Helmand, dove britannici e americani persero centinaia di militari. La domanda, ovviamente, è a cosa sia servito l’intervento, durato più di dieci anni, guidato dagli Stati Uniti.

Gli attacchi di questo inizio 2018 hanno confermato anche la capacità d’azione dello Stato Islamico, che sembra voler bilanciare le sue sconfitte in Medio Oriente – Iraq e Siria – con una crescente attività in Afghanistan.

Sempre secondo la ricerca di BBC, l’ISIS sarebbe presente in 30 distretti su 400, ma non ne controllerebbe nemmeno uno. Certo gli attentati degli ultimi giorni dimostrano come dicevamo tutta la sua capacità organizzativa, ma rispetto ai taleban la sua presenza sul territorio è praticamente nulla, confinata a est verso il confine pakistano.

L’anno scorso Donald Trump aumentò di 3mila unità la presenza militare degli Stati Uniti. Oggi in Afghanistan ci sono circa 14mila soldati americani. In questi giorni Trump ha detto che non c’è alcuno spazio di trattativa politica con i taleban. Il governo di Kabul ha confermato. Ma un importante funzionario dell’amministrazione americana ha ricordato che l’obiettivo finale rimane quello. Difficile però ipotizzare quando possa cominciare sul serio una trattativa.

Un ultimo elemento importante da tenere a mente su questo quadrante è il blocco degli aiuti militari degli Stati Uniti al Pakistan, come sempre accusato di garantire rifugio a diverse milizie afghane.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni