Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 18/11 delle ore 15:30

    GR di lun 18/11 delle ore 15:30

    Giornale Radio - 18/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11 (seconda parte)

    Senti un po' di lun 18/11 (seconda parte)

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11 (prima parte)

    Senti un po' di lun 18/11 (prima parte)

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 18/11

    Senti un po' di lun 18/11

    Senti un po’ - 18/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 18/11

    Considera l'armadillo lun 18/11

    Considera l’armadillo - 18/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di lun 18/11

    Radio Session di lun 18/11

    Radio Session - 18/11/2019

  • PlayStop

    Piazza Fontana di lun 18/11

    Parliamo dei processi per la strage, del primo di Catanzaro con Benedetta Tobagi, scrittrice e studiosa dello stragismo nero, e…

    Cinquant’anni di Piazza Fontana - 18/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di lun 18/11

    Tazebao di lun 18/11

    Tazebao - 18/11/2019

  • PlayStop

    Radio Agora' di lun 18/11

    Radio Agora' di lun 18/11

    Radio Agorà - 18/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di lun 18/11

    Note dell'autore di lun 18/11

    Note dell’autore - 18/11/2019

  • PlayStop

    50 anni di piazza Fontana - sesta puntata

    Parliamo dei processi per la strage, del primo di Catanzaro con Benedetta Tobagi, scrittrice e studiosa dello stragismo nero, e…

    Cinquant’anni di Piazza Fontana - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11 (seconda parte)

    Cult di lun 18/11 (seconda parte)

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11 (prima parte)

    Cult di lun 18/11 (prima parte)

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 18/11

    Cult di lun 18/11

    Cult - 18/11/2019

  • PlayStop

    Doppio Click di lun 18/11

    Doppio Click di lun 18/11

    Doppio Click - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (terza parte)

    Prisma di lun 18/11 (terza parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (prima parte)

    Prisma di lun 18/11 (prima parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11 (seconda parte)

    Prisma di lun 18/11 (seconda parte)

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/11

    Prisma di lun 18/11

    Prisma - 18/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/11

    Rassegna stampa internazionale di lun 18/11

    Rassegna stampa internazionale - 18/11/2019

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 18/11

    Di Lunedi di lun 18/11

    DiLunedì - 18/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Un futuro tutto da scrivere

Gli attori di questa vicenda si muovono su un palcoscenico, su un territorio sconosciuto, lo abbiamo detto più volte. Bene, dopo il discorso, l’attesissimo discorso di Puigdemont, questo territorio è ancora più sconosciuto.

Fino a un certo punto il presidente della Generalitat ha fatto un intervento molto chiaro, anche molto utile nella ricostruzione del conflitto catalano. Parole nitide, chiare, sincere. Tutto un altro tono rispetto a quello che si era sentito finora da Madrid, anche rispetto al discorso di Re Felipe VI.

Il nostro è un progetto democratico che guarda all’Europa, non siamo dei pazzi e nemmeno dei golpisti. A volte la democrazia – ha detto Puigdemont – va oltre la costituzione”.

Ma la dichiarazione d’indipendenza e la sua immediata sospensione sono per molti, a prescindere dalla loro posizione politica, di difficile comprensione. Nel popolo indipendentista c’è chi parla di tradimento e chi invece di grande mossa strategica. Non si esclude una crisi della maggioranza di governo. Tra chi è contrario alla secessione prevale invece la paura per una situazione che appare ancora più confusa di prima.

Di sicuro Puigdemont ha voluto tranquillizzare la comunità internazionale e le capitali europee. Questo è anche quello che dicevano la notte scorsa fonti del governo catalano. E di sicuro il leader indipendentista ha evitato un’escalation pericolosissima. Con quella mano tesa al dialogo Puigdemont ha lanciato la palla nel campo avversario.

Qui a Barcellona però, e arriviamo al passaggio chiave, sanno bene che con ogni probabilità Madrid non aprirà alcuna trattativa. E così saremo tornati al punto di partenza.

È difficile capire la natura di questo passaggio, ma in fondo la situazione in cui ci troviamo conferma semplicemente una cosa: l’enorme complessità della crisi catalana, una contrapposizione antica di secoli che non si può certo risolvere in poche settimane.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni