Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 19/11 delle ore 10:29

    GR di mar 19/11 delle ore 10:29

    Giornale Radio - 19/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 19/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 19/11 delle 07:15

    Metroregione di mar 19/11 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di mar 19/11 (terza parte)

    Prisma di mar 19/11 (terza parte)

    Prisma - 19/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 19/11 (seconda parte)

    Prisma di mar 19/11 (seconda parte)

    Prisma - 19/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 19/11 (prima parte)

    Prisma di mar 19/11 (prima parte)

    Prisma - 19/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 19/11

    Prisma di mar 19/11

    Prisma - 19/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 19/11

    Il demone del tardi - copertina di mar 19/11

    Il demone del tardi - 19/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/11

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/11

    Rassegna stampa internazionale - 19/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 19/11 (terza parte)

    Fino alle otto di mar 19/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 19/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 19/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di mar 19/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 19/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 19/11 (prima parte)

    Fino alle otto di mar 19/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 19/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 19/11

    Fino alle otto di mar 19/11

    Fino alle otto - 19/11/2019

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di lun 18/11

    From Genesis to Revelation di lun 18/11

    From Genesis To Revelation - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology - 19/11/2019

  • PlayStop

    Basse Frequenze di lun 18/11

    Basse Frequenze di lun 18/11

    Basse frequenze - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 18/11

    Jailhouse Rock di lun 18/11

    Jailhouse Rock - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11 (seconda parte)

    Ora di punta di lun 18/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11 (prima parte)

    Ora di punta di lun 18/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di lun 18/11

    ..1-Ucrainagate: a sorpresa Donald Trump annuncia che sarebbe pronto a testimoniare sul suo impeachment. (Roberto Festa)..2-Hong Kong. Il politecnico nuovo…

    Esteri - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 18/11

    Ora di punta di lun 18/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 18/11 (seconda parte)

    Malos di lun 18/11 (seconda parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 18/11 (prima parte)

    Malos di lun 18/11 (prima parte)

    MALOS - 19/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

“Stupri, torture, violenza: l’Europa è colpevole”

Riportiamo l’atto di accusa della presidente internazionale di Medici senza frontiere Joanne Liu, appena tornata dalla Libia. E’ una lettera aperta indirizzata agli Stati membri e alle istituzioni dell’Unione Europea.

“Quello che ho visto in Libia è la più estrema incarnazione della violenza che abbia mai conosciuto. C’è un business di trafficanti che trae profitto da questa situazione. Trafficano in esseri umani e li rendono schiavi a un livello indicibile. I leader europei sono complici e noi vogliamo una loro risposta.

I politici si congratulano tra loro per il successo: ci sono meno persone che arrivano sulle coste europee. Ma lasciatemi dipingere un affresco di quel successo. 

Quando sono entrata nei centri di detenzione a Tripoli una enorme guardia ha aperto le porte della cella e ha frustato sulla schiena i detenuti con un bastone di legno. Ho visto persone emaciate, accovacciate, picchiate come bestie. Sussurravano e, porgendomi le mani mi dicevamo: aiutami, portami fuori di qui, aiutami. 

Questo è quello che i leader europei chiamano successo. Tutto quello che potuto dire a quelle persone che mi supplicavano è stato: “Ti ascolto, ti ascolto”. Ed ora sono qui a dirvelo. Medici senza frontiere ha ricevuto alcuni di loro negli ospedali. Una era una donna incinta che è stata portata in un centro di detenzione dopo essere stata costretta per ore a rimanere sotto il sole, su una gamba sola. Mi ha detto: “Il mio cuore, il mio bambino, se ne è  andato mentre ero lì in piedi”. E mi ha raccontato che un’altra donna incinta è stata stuprata mentre il marito veniva picchiato nel cortile.

Le persone sono trattate come merci da sfruttare. Ammassate in stanze buie e sudicie, prive di ventilazione, costrette a vivere una sopra l’altra. Gli uomini ci hanno raccontato come a gruppi siano costretti a correre nudi nel cortile finché collassano esausti. Le donne vengono violentate e poi obbligate a chiamare le proprie famiglie e chiedere soldi per essere liberate. Tutte le persone che abbiamo incontrato avevano le lacrime agli occhi e continuavano ripetutamente a chiedere di uscire da lì.

Dobbiamo essere chiari: stiamo parlando di crudeltà sistematiche. Giovani che violentano le persone e le torturano per estorcere loro denaro. Coloro che non sono in grado di pagare vengono rinchiusi nei centri di detenzione dove sono lasciati morire di fame e torturati. Queste cose sono ampiamente documentate e le abbiamo presentate ai leader europei.

Ora i leader europei devono guardare in faccia la realtà. Rimandare le persone in Libia significa cancellare la loro umanità. Questo è il loro cosiddetto ‘successo’. 

I migranti devono poter accedere a protezione, asilo e quando possibile a migliori procedure di rimpatrio volontario. Hanno bisogno di un’uscita di emergenza verso la sicurezza, attraverso canali sicuri e legali; l’accordo Ue-Turchia del 2016 e tutte le atrocità che abbiamo visto in Grecia, Francia, nei Balcani e altrove ancora indicano una prospettiva sempre più definita, fatta di frontiere chiuse e respingimenti. Tutto questo toglie qualunque alternativa alle persone che cercano modi sicuri e legali di raggiungere l’Europa e le spinge sempre più nelle reti di trafficanti”.

Joanne Liu, presidente di Msf
Joanne Liu, presidente di Msf

ASCOLTA IL DISCORSO DI JOANNE LIU, PRESIDENTE DI MSF

LIU 1230 libia msf

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni