Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 21/11 delle ore 06:30

    GR di gio 21/11 delle ore 06:30

    Giornale Radio - 21/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 20/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 20/11 delle 19:48

    Metroregione di mer 20/11 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 21/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 21/11

    Fino alle otto di gio 21/11

    Fino alle otto - 21/11/2019

  • PlayStop

    Funk shui di mer 20/11

    Funk shui di mer 20/11

    Funk shui - 21/11/2019

  • PlayStop

    psicoradio di mer 20/11

    psicoradio di mer 20/11

    Psicoradio - 21/11/2019

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 20/11

    Cosa ne Bici del mer 20/11

    Cosa ne BICI? - 21/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 20/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 20/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 20/11 (prima parte)

    Ora di punta di mer 20/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 20/11

    Esteri di mer 20/11

    Esteri - 21/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 20/11

    Ora di punta di mer 20/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 20/11 (prima parte)

    Malos di mer 20/11 (prima parte)

    MALOS - 21/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 20/11 (seconda parte)

    Malos di mer 20/11 (seconda parte)

    MALOS - 21/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 20/11

    Malos di mer 20/11

    MALOS - 21/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 20/11 (seconda parte)

    Due di due di mer 20/11 (seconda parte)

    Due di Due - 21/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 20/11 (prima parte)

    Due di due di mer 20/11 (prima parte)

    Due di Due - 21/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 20/11

    Due di due di mer 20/11

    Due di Due - 21/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 20/11 (seconda parte)

    Jack di mer 20/11 (seconda parte)

    Jack - 21/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 20/11 (prima parte)

    Jack di mer 20/11 (prima parte)

    Jack - 21/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 20/11

    Jack di mer 20/11

    Jack - 21/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 20/11

    Considera l'armadillo mer 20/11

    Considera l’armadillo - 21/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mer 20/11

    Radio Session di mer 20/11

    Radio Session - 21/11/2019

  • PlayStop

    Memos di mer 20/11

    30 anni fa la firma della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. L’Osservatoriosuidiritti.it oggi ricorda – come segno del cambiamento…

    Memos - 21/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Taiwan verso i matrimoni gay

Taiwan potrebbe diventare il primo Paese asiatico a legalizzare le nozze tra persone dello stesso sesso, dopo che la corte costituzionale di Taipei ha sancito che vietarlo significa discriminare e non rispettare l’uguaglianza di tutti i cittadini. “Non consentire a due persone dello stesso sesso di sposarsi per salvaguardare un sistema etico, costituisce una discriminazione di trattamento con nessuna base razionale“, dice letteralmente la sentenza.

La corte dà tempo due anni al parlamento di varare leggi apposite o di emendare quelle vecchie, adesso la palla passa al legislativo. Il movimento Lgbt dell’isola è soddisfatto e spera che il parlamento allargherà a tutta la popolazione la legge già esistente sul matrimonio, che dà anche diritto all’adozione, all’affido, all’eredità e a prendere decisioni in caso di situazioni mediche estreme del partner. Il rischio è infatti che si decida invece di fare una legge specifica, che consente il matrimonio tra persone dello stesso sesso ma nega gli altri diritti.

In Cina continentale non esiste una legislazione che consenta le nozze omosessuali, ma il movimento Lgbt organizza spesso manifestazioni pubbliche in cui si effettuano matrimoni gay a titolo simbolico e una corte di Changsha, nello Hunan, ha accettato l’anno scorso il ricorso di un uomo contro il locale ufficio degli affari civili che gli aveva vietato di sposare il suo compagno. L’uomo poi perse la causa, ma il fatto che una corte abbia comunque accettato di discuterla fa pensare che qualcosa si stia movendo anche grazie all’attivismo del movimento Lgbt.

In tutto il mondo cinese, si tratta sempre di trovare un compromesso tra la tradizionale struttura confuciana della società e la velocità con cui i costumi cambiano. E quindi, molto spesso, le cose avvengono comunque ma senza sanzione legale. Forse, come fu già per le riforme di mercato, Taiwan aprirà ancora una volta la strada alla Cina tutta.

  • Autore articolo
    Gabriele Battaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni