Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 11/11 delle ore 07:01

    GR di lun 11/11 delle ore 07:01

    Giornale Radio - 11/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 11/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 11/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 11/11 delle 19:48

    Metroregione di lun 11/11 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 11/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Malos di mar 12/11 (seconda parte)

    Malos di mar 12/11 (seconda parte)

    MALOS - 11/12/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 12/11 (prima parte)

    Malos di mar 12/11 (prima parte)

    MALOS - 11/12/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 12/11

    Ora di punta di mar 12/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11 (prima parte)

    Due di due di mar 12/11 (prima parte)

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11 (seconda parte)

    Due di due di mar 12/11 (seconda parte)

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Varia Umanità

    - Segnalazioni dagli inserti domenicali dei quotidiani nazionali..- Lavoro precario durante le "week" milanesi: servizio di Roberto Maggioni ..- 150…

    Varia umanità - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11

    Due di due di mar 12/11

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mar 12/11

    Radio Session di mar 12/11

    Radio Session - 11/12/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mar 12/11

    Tazebao di mar 12/11

    Tazebao - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (terza parte)

    Prisma di mar 12/11 (terza parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (prima parte)

    Prisma di mar 12/11 (prima parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (seconda parte)

    Prisma di mar 12/11 (seconda parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11

    Prisma di mar 12/11

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (terza parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (prima parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11

    Fino alle otto di mar 12/11

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 11/11

    Rassegna stampa internazionale di lun 11/11

    Rassegna stampa internazionale - 11/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 11/11 (prima parte)

    Malos di lun 11/11 (prima parte)

    MALOS - 11/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 11/11 (seconda parte)

    Malos di lun 11/11 (seconda parte)

    MALOS - 11/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

“Appendino? Popolare perché seria e attenta”

Il sindaco più popolare d’Italia è una donna, la prima cittadina di Torino Chiara Appendino. Eletta a giugno per il Movimento 5 Stelle con il 54,6% dei consensi, gode oggi del consenso del 62% dei suoi concittadini.

La ricerca, commissionata a Ipr Marketing dal quotidiano Il Sole-24 Ore, vede piazzato al secondo posto il sindaco di Firenze Dario Nardella e al terzo quello di Parma, Federico Pizzarotti. Ultima classificata Maria Rita Rossa (Alessandria), penultima la collega grillina di Appendino, Virginia Raggi.

Abbiamo chiesto le ragioni della popolarità della sindaca di Torino a qualcuno che conosce molto bene la città: lo storico e sociologo Marco Revelli.

“Non sono stupito – ci ha risposto Revelli – perchè Chiara Appendino ha offerto un’immagine di serietà, sobrietà, e soprattutto di disponibilità all’ascolto, di attenzione a tutta la città e non solo a una sua parte – cosa che era mancata all’amministrazione precedente”.

“Certo la macchina amministrativa di Torino è sabauda, ha una sua efficienza a prescindere dalla guida politica – ha aggiunto Revelli – ma voglio far notare che, quanto a indebitamento, Torino viene subito dopo Roma, quindi non è che Appendino abbia soldi da scialare. Piace la strategia che ha applicato ad esempio per le periferie: picoli obiettivi anzichè grandi opere, interventi distribuiti e non concentrati in una sola zona della città”.

“Occorreva una narrativa diversa, che non facesse sentire i cittadini troppo distanti dalla realtà che vivono ogni giorno. La giunta precedente parlava di una Torino che ce l’aveva fatta, di una città che si era trasformata e finalmente volava, mentre invece Torino è appensantita da un’infinità di sofferenze sociali. Chiara Appendino ha dato la sensazione di saper guardare a tutta la popolazione, non solo a una fetta”.

Ascolta l’intervista a Marco Revelli di Lorenza Ghidini e Gianmarco Bachi

Marco Revelli

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni