Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 13/11

    Jazz Ahead di mer 13/11

    Giornale Radio - 14/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 13/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 13/11 delle 19:50

    Metroregione di mer 13/11 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 14/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di mer 13/11

    Funk shui di mer 13/11

    Funk shui - 14/11/2019

  • PlayStop

    Memos di mer 13/11

    Democrazia, una questione non solo dell’est Europa. Trent’anni dopo il Muro di Berlino, la promessa non mantenuta della democrazia riguarda…

    Memos - 14/11/2019

  • PlayStop

    psicoradio di mer 13/11

    psicoradio di mer 13/11

    Psicoradio - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 13/11

    Cosa ne Bici del mer 13/11

    Cosa ne BICI? - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (seconda parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (prima parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 14/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 13/11

    i raid aerei israeliani hanno causato la morte di 24 palestinesi, 73 i feriti. ..Tra le vittime un bambino di…

    Esteri - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 13/11 (seconda parte)

    Jack di mer 13/11 (seconda parte)

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 13/11 (prima parte)

    Jack di mer 13/11 (prima parte)

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 13/11

    Si parla con Piero Milani del Centro Fauna Selvatica Il Pettirosso, dell'Operazione Pettirosso contro il bracconaggio, di valli bresciane, di…

    Considera l’armadillo - 14/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 13/11

    MIRIAM TOEWS-LA MIA ESTATE FORTUNATA-DONNE CHE PARLANO- Presentato da:IRA RUBINI e CHIARA RONZANI

    Note dell’autore - 14/11/2019

  • PlayStop

    Tributo a Piero Scaramucci

    Diretta dalla Sala Alessi a Palazzo Marino. Presentazione di Lorenza Ghidini. Con gli interventi di Massimo Bacchetta (RP), Carlo Smuraglia…

    Gli speciali - 11/12/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11

    Ora di punta di mer 13/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (seconda parte)

    Malos di mer 13/11 (seconda parte)

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11

    Malos di mer 13/11

    MALOS - 14/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Una pessima campagna referendaria

È stata una campagna referendaria pessima.

Un tema importantissimo, una riforma che modifica in senso radicale le istituzioni, è passata in secondo piano nonostante tutti gli attori in campo affermassero di voler “stare nel merito”.

E invece è stata una battaglia strettamente politica.

Il primo responsabile è Renzi con la sua “personalizzazione” dello scontro. Lo ha fatto per trasformare il voto di domenica in un’investitura di se stesso. Per preparare le elezioni politiche future da una posizione di forza.

Ma anche i suoi avversari hanno deciso di sfruttare il No al referendum come pretesto per mandarlo a casa.

La Costituzione interessa poco o nulla alle destre. E anche tra le forze di sinistra ha prevalso il tentativo di regolare i conti con Renzi. Come se fosse una lotta, con scarse possibilità di successo reale, per l’egemonia sia dentro al Partito Democratico che nel campo della sinistra.

Hanno prevalso i toni populistici, la contesa da fine del mondo, giocata spesso sulla disinformazione o, come va di moda dire oggi, sulla post-verità. Populismo del fronte del No e populismo renziano, accentuato, quest’ultimo, dopo la vittoria di Trump negli Stati Uniti.

Ha prevalso la delegittimazione dell’avversario. I social network hanno avuto un peso importante ma, invece che contribuire al confronto, hanno amplificato il clima di contrapposizione senza margini di ricomposizione. In molti, a poche ore dal voto, iniziano ad affermare di non poterne più e si dicono disgustati dal livore dei social dove l’attività principale è stata quella del tentativo di distruzione dell’avversario.

Una corsa alla delegittimazione che lascerà i suoi strascichi dal 5 dicembre e che sarà un problema soprattuto nel campo del centro-sinistra.

Probabilmente lunedì resteranno due attori principali sulla scena: Renzi e Grillo. Nel mondo del centro-sinistra o di quel che ne rimane sono state poche le voci che hanno pensato al dopo, alle elezioni politiche, in vista di un dialogo e di una unità, prospettiva che in queste ore appare complicata.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni