Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 13/11 delle ore 08:31

    GR di mer 13/11 delle ore 08:31

    Giornale Radio - 13/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 13/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 13/11 delle 07:14

    Metroregione di mer 13/11 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (prima parte)

    Prisma di mer 13/11 (prima parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale - 13/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (seconda parte)

    Prisma di mer 13/11 (seconda parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 13/11

    i raid aerei israeliani hanno causato la morte di 24 palestinesi, 73 i feriti. ..Tra le vittime un bambino di…

    Esteri - 13/11/2019

  • PlayStop

    Prisma di mer 13/11 (terza parte)

    Prisma di mer 13/11 (terza parte)

    Prisma - 13/11/2019

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 13/11

    Barrilete Cosmico di mer 13/11

    Barrilete Cosmico - 13/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (prima parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 13/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mer 13/11

    Tazebao di mer 13/11

    Tazebao - 13/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (seconda parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 13/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mer 13/11

    Radio Session di mer 13/11

    Radio Session - 13/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 13/11

    MIRIAM TOEWS-LA MIA ESTATE FORTUNATA-DONNE CHE PARLANO- Presentato da:IRA RUBINI e CHIARA RONZANI

    Note dell’autore - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11

    Due di due di mer 13/11

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11 (prima parte)

    Due di due di mer 13/11 (prima parte)

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - 13/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mer 13/11 (seconda parte)

    Due di due di mer 13/11 (seconda parte)

    Due di Due - 13/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11

    Malos di mer 13/11

    MALOS - 13/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 13/11

    Si parla con Piero Milani del Centro Fauna Selvatica Il Pettirosso, dell'Operazione Pettirosso contro il bracconaggio, di valli bresciane, di…

    Considera l’armadillo - 13/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 13/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    MALOS - 13/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 13/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Scenari del dopo voto

Se vincesse il Sì, Renzi potrebbe essere tentato di andare al voto anticipato per sfruttare l’onda lunga, ma Renzi stesso sa che i voti per il Sì non sono automaticamente voti per il Partito Democratico. Quindi lo scenario di un voto anticipato sarebbe più probabile se il margine fosse ampio.

Anche perché il Pd dovrà tenere il congresso e sarà un passaggio difficilissimo, dove Renzi proverà a regolare i conti con le minoranze che, in questo momento, non sono in grado di proporre una candidatura unitaria per la segreteria.

E poi c’è la modifica della legge elettorale. Per tenere fede agli accordi con la minoranza Pd e per tentare di fermare il Movimento 5 Stelle che potrebbe tentare di approfittare, alle politiche, dell’Italicum con la Costituzione riformata. Forse è per questo che fonti del mondo 5 Stelle descrivono un Movimento diviso sullo scenario post-voto se vincesse il No: collaborare col Pd per modificare la legge elettorale o non farlo?

Con la vittoria del No una riforma della legge sarebbe più urgente. Renzi, se il No non fosse nei numeri una disfatta, potrebbe dimettersi e accettare un reincarico, per gestire da Palazzo Chigi il resto della legislatura e la campagna elettorale per le politiche. Ma sarebbe esposto a un continuo logoramento e quindi potrebbe optare per affidare il timone a un fedelissimo come Padoan, ad esempio, per un Governo di transizione ma che abbia carattere politico.

L’altra incognita riguarda le forze di sinistra. Su quali basi e presupposti inizieranno a riorganizzarsi? Decideranno di tentare di aprire un non semplice dialogo con Renzi con l’obiettivo di arrivare a un nuovo accordo politico con il Pd -il “costruire ponti” auspicato dalla Presidente della Camera Laura Boldini, dall’ex sindaco di Milano Giuliano Pisapia e dall’area cuperliana del Pd- o prevarrà la scelta di costruire una alternativa antagonista al Partito Democratico?

In ogni caso la partita, da domani, si sposterà sulle elezioni politiche e si può immaginare che sarà da subito un clima da lunga campagna elettorale con due protagonisti principali: il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni