Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 13/11

    Jazz Ahead di mer 13/11

    Giornale Radio - 14/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 13/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 13/11 delle 19:50

    Metroregione di mer 13/11 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 14/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di mer 13/11

    Funk shui di mer 13/11

    Funk shui - 14/11/2019

  • PlayStop

    Memos di mer 13/11

    Democrazia, una questione non solo dell’est Europa. Trent’anni dopo il Muro di Berlino, la promessa non mantenuta della democrazia riguarda…

    Memos - 14/11/2019

  • PlayStop

    psicoradio di mer 13/11

    psicoradio di mer 13/11

    Psicoradio - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 13/11

    Cosa ne Bici del mer 13/11

    Cosa ne BICI? - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (seconda parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (prima parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 14/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 13/11

    i raid aerei israeliani hanno causato la morte di 24 palestinesi, 73 i feriti. ..Tra le vittime un bambino di…

    Esteri - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 13/11 (seconda parte)

    Jack di mer 13/11 (seconda parte)

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 13/11 (prima parte)

    Jack di mer 13/11 (prima parte)

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 13/11

    Si parla con Piero Milani del Centro Fauna Selvatica Il Pettirosso, dell'Operazione Pettirosso contro il bracconaggio, di valli bresciane, di…

    Considera l’armadillo - 14/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 13/11

    MIRIAM TOEWS-LA MIA ESTATE FORTUNATA-DONNE CHE PARLANO- Presentato da:IRA RUBINI e CHIARA RONZANI

    Note dell’autore - 14/11/2019

  • PlayStop

    Tributo a Piero Scaramucci

    Diretta dalla Sala Alessi a Palazzo Marino. Presentazione di Lorenza Ghidini. Con gli interventi di Massimo Bacchetta (RP), Carlo Smuraglia…

    Gli speciali - 11/12/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11

    Ora di punta di mer 13/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (seconda parte)

    Malos di mer 13/11 (seconda parte)

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11

    Malos di mer 13/11

    MALOS - 14/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

L’Austria resta un Paese spaccato in due

“Gli austriaci non vogliono un populista di destra come presidente. E vogliono restare nell’Unione europea”.

Così scrive il quotidiano progressista der Standard, sottolineando che a rendere possibile la vittoria di Alexander Van der Bellen sono state la paura di una svolta a destra e l’ampia coalizione (dai Verdi ai funzionari del partito socialdemocratico, fino ad un nutrito gruppo di sindaci del partito popolare) che lo ha sostenuto.

Il giornale conservatore Die Presse afferma invece che “la Repubblica ha schierato tutte le risorse per evitare l’ascesa di un esponente della Fpoe”. Avvertendo però: “Così di nuovo non funzionerà”.

“Finalmente presidente” titola il popolare quotidiano Kronen Zeitung, che pubblica in prima pagina una foto del neo-eletto presidente sorridente accanto alla moglie, ricordando quanto sono stati lunghi e faticosi questi 11 mesi di campagna elettorale.

Van der Bellen – professore di economia, in passato politico dei Verdi, convinto europeista – ha ottenuto consensi soprattutto tra le donne, i giovani e le persone con un alto livello di istruzione. Oltre a chi lo ha votato per evitare la vittoria di Hofer. Al quale sono andati i voti della maggioranza degli uomini e degli anziani. L’immagine dell’Austria come Paese diviso in due, insomma, resta.

Hofer – che ha perso anche questo secondo ballottaggio – ha fatto appello perché gli austriaci ora siano coesi, non importa chi abbiano votato, e ha mostrato un buon fair play nella sconfitta. Meno concilianti i toni del suo partito, a partire dal leader Heinz Christian Strache, che ha parlato di “paura del cambiamento” e accusato: “tutti i partiti si sono coalizzati contro Hofer”.

A giocare un ruolo importante – secondo diverse analisi – è stato, tra gli altri, l’atteggiamento aggressivo che il candidato dell’Fpoe ha tenuto durante l’ultimo dibattito tv con Van der Bellen – “è caduta la maschera”, dicevano alcuni. E i toni moderati del giorno seguente, alla chiusura della campagna elettorale nell’elegante sala della Borsa di Vienna, a questo punto evidentemente non sono bastati.

La Fpoe ha perso certo una battaglia. Resta però il partito in testa ai sondaggi. E oggi già guarda avanti, alle prossime elezioni.

Vedremo come andrà.

Per ora, intanto, l’Austria ha detto stop all’avanzata dell’estrema destra.

  • Autore articolo
    Flavia Mosca Goretta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni