Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 22/11 delle ore 19:30

    GR di ven 22/11 delle ore 19:30

    Giornale Radio - 22/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 22/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 22/11 delle 19:49

    Metroregione di ven 22/11 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 22/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'e' di buono del ven 22/11

    C'e' di buono del ven 22/11

    C’è di buono - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 22/11 (seconda parte)

    Ora di punta di ven 22/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 22/11 (prima parte)

    Ora di punta di ven 22/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di ven 22/11

    Esteri di ven 22/11

    Esteri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 22/11

    Ora di punta di ven 22/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 22/11 (seconda parte)

    Arrivano i vostri di ven 22/11 (seconda parte)

    Arrivano i vostri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 22/11 (prima parte)

    Arrivano i vostri di ven 22/11 (prima parte)

    Arrivano i vostri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 22/11

    Arrivano i vostri di ven 22/11

    Arrivano i vostri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di ven 22/11 (seconda parte)

    Due di due di ven 22/11 (seconda parte)

    Due di Due - 22/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di ven 22/11 (prima parte)

    Due di due di ven 22/11 (prima parte)

    Due di Due - 22/11/2019

  • PlayStop

    Jack di ven 22/11 (seconda parte)

    Jack di ven 22/11 (seconda parte)

    Jack - 22/11/2019

  • PlayStop

    Jack di ven 22/11 (prima parte)

    Jack di ven 22/11 (prima parte)

    Jack - 22/11/2019

  • PlayStop

    C'è luce: per un green new deal che funzioni davvero

    Simone Tagliapietra (economista all'istituto Bruegel e alla Fondazione ENI – Enrico Mattei) dipana la matassa di opportunità e rischi della…

    C’è luce - 22/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 22/11

    Considera l'armadillo ven 22/11

    Considera l’armadillo - 22/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di ven 22/11

    Radio Session di ven 22/11

    Radio Session - 22/11/2019

  • PlayStop

    Memos di ven 22/11

    Memos di ven 22/11

    Memos - 22/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di ven 22/11

    Tazebao di ven 22/11

    Tazebao - 22/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 22/11

    Note dell'autore di ven 22/11

    Note dell’autore - 22/11/2019

  • PlayStop

    Cult di ven 22/11 (seconda parte)

    Cult di ven 22/11 (seconda parte)

    Cult - 22/11/2019

  • PlayStop

    Cult di ven 22/11 (prima parte)

    Cult di ven 22/11 (prima parte)

    Cult - 22/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

L’Europa di oggi non è meglio di Trump

L’Europa si preoccupa per Trump. Ma l’Europa di oggi non ha molto da insegnare. E’ un’Europa divisa su quasi tutto, litigiosa, incapace di progettare un futuro.

Trump vuole espellere gli immigrati e fare il muro al confine con il Messico. E cosa ha fatto l’Europa in questi anni? Ha espulso gli immigrati e costruito muri alle frontiere. Mentre migliaia di persone sono morte e continuano a morire nel mar Mediterraneo.

Trump non ha un programma economico convincente. L’Europa forse ce l’ha? Per anni ha puntato sull’austerità e oggi non si sa su cosa punti. Le concessioni sulla flessibilità sembrano più favori sulla base di calcoli politici che segnali di una nuova impostazione.

Trump è populista. E l’Europa non lo è? I populismi si stanno diffondendo nel continente: dai Paesi dell’Est, alla Gran Bretagna della Brexit, alla Francia del Front National, alla Germania. E in Italia lo ha capito il presidente del Consiglio Renzi che, nella sua campagna verso il referendum costituzionale, ha deciso di incarnare quel sentimento anti-sistema che ha contribuito alla vittoria di Trump. La vicenda della bandiera europea lo dimostra.

Renzi ha fatto togliere dalla scenografia delle sue comunicazioni dall’ufficio di Palazzo Chigi la bandiera dell’Unione. L’intento è chiaro: non essere in nulla accomunato all’odiata “bucrocrazia” di Bruxelles. Nella speranza che questo contribuisca alla sua immagine elettorale. Prima di lui lo aveva fatto, giusto un anno fa, appena insediata al governo, la leader polacca Beata Szydlo. Esponente di estrema destra, eurofobica e nazionalista.

Ma quella bandiera non è il vessillo dei burocrati, non di Juncker o della Commissione. Quella bandiera rappresenta il progetto europeo che è nato dopo la guerra e che, con tutti i suoi limiti, è stato l’orizzonte dell’Italia, Paese fondatore.

I tempi sono cambiati? Senz’altro. Ma una bandiera non si butta via così, i simboli sono ancora importanti, i messaggi che si mandano, anche ai giovani, vanno maneggiati con cura. Buttare via la bandiera degli Stati Uniti sostituendola con quella dei confederati, questo, almeno, Trump non lo ha ancora fatto.

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni