Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 11/11 delle ore 07:01

    GR di lun 11/11 delle ore 07:01

    Giornale Radio - 11/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 11/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 11/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 11/11 delle 19:48

    Metroregione di lun 11/11 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 11/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Malos di mar 12/11 (seconda parte)

    Malos di mar 12/11 (seconda parte)

    MALOS - 11/12/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 12/11 (prima parte)

    Malos di mar 12/11 (prima parte)

    MALOS - 11/12/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 12/11

    Ora di punta di mar 12/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11 (prima parte)

    Due di due di mar 12/11 (prima parte)

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11 (seconda parte)

    Due di due di mar 12/11 (seconda parte)

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Varia Umanità

    - Segnalazioni dagli inserti domenicali dei quotidiani nazionali..- Lavoro precario durante le "week" milanesi: servizio di Roberto Maggioni ..- 150…

    Varia umanità - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11

    Due di due di mar 12/11

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mar 12/11

    Radio Session di mar 12/11

    Radio Session - 11/12/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mar 12/11

    Tazebao di mar 12/11

    Tazebao - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (terza parte)

    Prisma di mar 12/11 (terza parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (prima parte)

    Prisma di mar 12/11 (prima parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (seconda parte)

    Prisma di mar 12/11 (seconda parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11

    Prisma di mar 12/11

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (terza parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (prima parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11

    Fino alle otto di mar 12/11

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 11/11

    Rassegna stampa internazionale di lun 11/11

    Rassegna stampa internazionale - 11/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 11/11 (prima parte)

    Malos di lun 11/11 (prima parte)

    MALOS - 11/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 11/11 (seconda parte)

    Malos di lun 11/11 (seconda parte)

    MALOS - 11/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Fidel Castro: 90 anni e 12 presidenti Usa alle spalle

Ha visto passare una dozzina di presidenti degli Stati Uniti, che si ripromettevano ogni volta di rovesciarlo. Lo hanno dato per morto un sacco di volte. Il suo coccodrillo è pronto da qualche decennio nelle redazioni dei giornali di tutto il mondo; con la stampa a speculare sulle sue condizioni di salute ad ogni assentarsi pubblico appena prolungato.

E invece Fidel Castro Ruz è arrivato ai novant’anni; in fragile salute ma mentalmente lucido.

Qui risiede uno dei motivi della lunga durata (ad appena 90 miglia dalle coste degli Usa) della rivoluzione cubana, anch’essa alle soglie dei 60 anni: l’essere guidata da uno dei più grandi e abili statisti del secolo scorso, la cui longevità ha sfidato qualche centinaio fra attentati e complotti della Cia; che con la sua eliminazione avrebbe sicuramente azzerato l’esperienza cubana.

L’altro fattore decisivo per la sopravvivenza della Cuba castrista è paradossalmente rappresentato dall’essere un’isola; dunque non subdolamente infiltrabile via terra, ma invadibile solo con un troppo clamoroso sbarco  tout court (come per la fallita invasione della Baia dei Porci del 1961).

Il lider maximo cubano si è ritirato invece una decina d’anni fa per naturali problemi di salute (con gli osservatori internazionali a scommettere che il regime non sarebbe durato).

Suo fratello Raul gli è succeduto; e il ruolo delle parti fra i fratelli Castro si è invertito: con Fidel stavolta a fare il “cattivo” o comunque il diffidente sulla buona fede degli Stati Uniti nel recente storico riavvicinamento.

Di lui hanno detto i più (anche a sinistra) che sia stato un dittatore. Persino un satrapo.

Ma a vedere come sta procedendo la storia recente dell’umanità, fitta di squali della globalizzazione del dio denaro, di fronte a tanta resistenza di una Cuba dignitosamente (suo malgrado) austera, verrebbe ancora da dire, se possibile: larga vida a Fidel y a la Revolucion.

  • Autore articolo
    Gianni Beretta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni