Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 19/11 delle ore 22:30

    GR di mar 19/11 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 20/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 19/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 20/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Rassegna Stampa - 20/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 19/11

    Notte Vulnerabile di mar 19/11

    Notte vulnerabile - 20/11/2019

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L’Altro Martedì - 20/11/2019

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-fi Area - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mar 19/11

    Privatizzazione della terra su ampia scala. È il piano che vuole mettere in campo il presidente ucraino Zelensky con la…

    Esteri - 20/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11

    Malos di mar 19/11

    MALOS - 20/11/2019

  • PlayStop

    C. C. Patterson, l'uomo che ci ha salvato dagli zombie

    Fino agli anni '80, la norma era la benzina con il piombo. Cosa sarebbe successo se non fossero cambiate le…

    PopCast - 20/11/2019

  • PlayStop

    Il bambino senza nome

    Favola tratta da una raccolta curata da Amnesty International e narrata dalla cia. teatrale Aresina. A cura di Diana Santini

    Favole al microfono - 20/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (prima parte)

    Intervista telefonica a Laura Gramuglia per il suo libro Rocket Girls, che racconta 50 storie di musiciste che hanno alzato…

    Due di Due - 20/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (seconda parte)

    Commentiamo con Dario Maggiorini l'arrivo di Google Stadia, nuova piattaforma di gaming in streaming. (seconda parte)

    Due di Due - 20/11/2019

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL - 17-11-19

    Latin Grammy 2019 per la lingua portoghese (20a edizione). Playlist: 1. Fragmento lirico, Gil (Grupo Corpo), Gilberto Gil, 2019 2.…

    Avenida Brasil - 20/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11

    Due di due di mar 19/11

    Due di Due - 20/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack - 20/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack - 20/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11

    Jack di mar 19/11

    Jack - 20/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l’armadillo - 20/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Beyoncé sul palco con le madri dei neri uccisi

Tra gli ospiti di Beyoncé agli MTV Video Music Awards ci sono state le madri di quattro persone uccise dalla polizia USA: Michael Brown, Trayvon Martin, Oscar Grant ed Eric Garner.

Prima che lo show iniziasse, l’artista ha posato per una foto con le quattro donne, i cui figli sono diventati in questi anni simboli delle violenze e degli abusi di cui è stata accusata la polizia americana.

Cq_NwCBXEAAJvXZ

Le quattro donne – Lesley McSpadden, madre di Michael Brown, Sybrina Fulton, madre di Trayvon Martin, Wanda Johnson, madre di Oscar Grant e Gwen Carr, madre di Eric Garner – appaiono anche nell’ultimo album della cantante, Lemonade, mentre innalzano le foto dei figli.

Michael Brown, 18 anni, è stato ucciso da un agente di polizia a Ferguson, Missouri; Trayvon Martin, 17 anni, è morto per i colpi di arma da fuoco di un vigilante a Sanford, Florida; Oscar Grant, 22 anni, è stato ucciso da un agente della sicurezza a Oakland, California; Eric Garner è morto dopo una colluttazione con gli agenti a New York City.

I quattro, insieme a molti altri afro-americani uccisi in questi anni, sono diventati figure simbolo per Black Lives Matter, il movimento che ha rivendicato i diritti dei neri e criticato la condotta della polizia soprattutto nei confronti delle minoranze. Il gesto di Beyoncé non appare comunque isolato. Ben nove madri di neri uccisi sono apparse sul palco della Convention democratica di Philadelphia, lo scorso luglio. E’ il segnale di come certi temi stiano diventando di sempre più largo dibattito e condivisione nella società americana.

Dopo l’uscita di Lemonade, Lesley McSpadden, la madre di Brown, ha detto che Beyoncé ha chiesto alle quattro donne di apparire “regali” nel video, ma ha aggiunto: “Ho cercato di fare del mio meglio, ma ogni volta che guardo a una foto di mio figlio non riesco a non pensare a quello che ho perso e a tutto quello che lui aveva davanti nel suo futuro”.

Alla manifestazione di MTV, che si è svolta al Madison Square Garden di New York, Beyoncé si è aggiudicata il premio per il miglior video del 2016.

[youtube id=”xo8EYDs9BQY”]

 

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni