Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 11/11 delle ore 07:30

    GR di lun 11/11 delle ore 07:30

    Giornale Radio - 11/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 11/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 11/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 11/11 delle 19:48

    Metroregione di lun 11/11 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 11/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 12/11

    Ora di punta di mar 12/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11 (prima parte)

    Due di due di mar 12/11 (prima parte)

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11 (seconda parte)

    Due di due di mar 12/11 (seconda parte)

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Varia Umanità

    - Segnalazioni dagli inserti domenicali dei quotidiani nazionali..- Lavoro precario durante le "week" milanesi: servizio di Roberto Maggioni ..- 150…

    Varia umanità - 11/12/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 12/11

    Due di due di mar 12/11

    Due di Due - 11/12/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mar 12/11

    Radio Session di mar 12/11

    Radio Session - 11/12/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mar 12/11

    Tazebao di mar 12/11

    Tazebao - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (terza parte)

    Prisma di mar 12/11 (terza parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (prima parte)

    Prisma di mar 12/11 (prima parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11 (seconda parte)

    Prisma di mar 12/11 (seconda parte)

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Prisma di mar 12/11

    Prisma di mar 12/11

    Prisma - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (terza parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (prima parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di mar 12/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 12/11

    Fino alle otto di mar 12/11

    Fino alle otto - 11/12/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 11/11

    Malos di lun 11/11

    MALOS - 11/11/2019

  • PlayStop

    Cult di lun 11/11 (seconda parte)

    ivana trettel, bookcity 2019, carcere di opera, opera liquida, bruno brancher, una vita da lingera, laboratorio formentini, marta inversini, tiziana…

    Cult - 11/11/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 11/11

    Rassegna stampa internazionale di lun 11/11

    Rassegna stampa internazionale - 11/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 11/11 (prima parte)

    Malos di lun 11/11 (prima parte)

    MALOS - 11/11/2019

  • PlayStop

    Malos di lun 11/11 (seconda parte)

    Malos di lun 11/11 (seconda parte)

    MALOS - 11/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Se il Regno non è più Unito

Siamo di fronte a è un tremendo terremoto politico, che va ben oltre la Gran Bretagna, il Regno Unito e la stessa Europa. Dopo 43 anni Londra esce dall’Unione Europea e apre una serie di punti interrogativi, che al momento non hanno risposta.

Non era mai successo che un Paese membro si staccasse da Bruxelles.

La geografia del voto è importante. Londra, la Scozia e il Nord Irlanda hanno votato per rimanere nell’Unione Europea, il resto del Regno Unito, soprattutto fuori dalle grandi città in Inghilterra e Galles, hanno votato per la Brexit.

Questo vuol dire che il Regno non è più Unito. La Scozia, probabilmente, organizzerà un altro referendum per staccarsi da Londra. I nazionalisti nord-irlandesi hanno già detto che il governo britannico non rappresenta più gli interessi dell’Irlanda del Nord. A Belfast la pace fu possibile anche grazie ai tantissimi fondi europei che hanno creato posti di lavoro.

Ma la geografia del voto è importante anche perché segna la rivolta del cittadino medio, dell’inglese comune, colpito dalla crisi economica e dalla crisi di valori di questi anni, senza punti di riferimento. Un cittadino medio che ha voltato le spalle alle élite politiche, alle banche, alle istituzioni politiche e finanziarie, e ha scommesso su chi ha promesso un futuro migliore fuori dall’Europa.

Dinamiche ed elementi che ritroviamo anche in altri Paesi europei. Da qui, a parte il terremoto politico per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, l’importanza di quello che è successo. Il sentimento antieuropeo è sempre più profondo un po’ ovunque. Prende direzioni diverse, il Fronte Nazionale in Francia, le campagne contro i migranti in Europa dell’Est, ma sta crescendo in tutta Europa, e i movimenti populisti sono pronti a seguire la lezione dello UKIP britannico. Il leader anti-europeo olandese Geert Wilders ha già detto che adesso tocca ai Paesi Bassi.

Rimaniamo quindi con questa domanda: e adesso?

Adesso stiamo a vedere. I politici hanno perso il contatto con le società europee. La Gran Bretagna sta facendo storia ma non sappiamo quello che succederà domani.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni