Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 18/11 delle ore 07:30

    GR di lun 18/11 delle ore 07:30

    Giornale Radio - 18/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 17/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (prima parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (terza parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11

    Fino alle otto di lun 18/11

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (prima parte)

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (prima parte)

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (seconda parte)

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (seconda parte)

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11

    Reggae Radio Station di dom 17/11

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (seconda parte)

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (seconda parte)

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (prima parte)

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (prima parte)

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11

    Prospettive Musicali di dom 17/11

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 17/11

    Sacca del Diavolo di dom 17/11

    La sacca del diavolo - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (terza parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (terza parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (seconda parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (seconda parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (prima parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (prima parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11

    Sunday Blues di dom 17/11

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Bollicine di dom 17/11 (prima parte)

    Bollicine di dom 17/11 (prima parte)

    Bollicine - 18/11/2019

  • PlayStop

    Bollicine di dom 17/11 (seconda parte)

    Bollicine di dom 17/11 (seconda parte)

    Bollicine - 18/11/2019

  • PlayStop

    Bollicine di dom 17/11

    Bollicine di dom 17/11

    Bollicine - 18/11/2019

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 17/11 (seconda parte)

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 17/11 (seconda parte)

    Gli speciali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 17/11 (prima parte)

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 17/11 (prima parte)

    Gli speciali - 18/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Morire di bellezza

Sono bastati Pusher, Bronson, Walhalla Rising, Drive, Solo Dio perdona per farlo diventare film dopo film e per motivi sempre diversi un regista di culto. Non è poca cosa il curriculum di Nicolas Winding Refn, il regista danese più amato e nello stesso tempo controverso, quasi al pari di Lars Von Trier.

Diversamente dal maestro del Dogma, Refn ha vissuto a New York fin da bambino, dove ha studiato cinema per poi tornare in Danimarca. L’influenza americana nel suo cinema è chiarissima, soprattutto per le storie e i temi adottati, oltre alla lingua inglese e ai cast internazionali, da John Turturro, a Ryan Goslin, Tom Hardy, Mads Mikkelsen, Carey Mulligan, Gene Davis, Kristin Scott Thomas, Elle Fanning, Keanu Reeves.

Elle Fanning è la protagonista del auo ultimo film The Neon Demon, presentato in concorso a Cannes 69 e ancor più dei film precedenti amatissimo e odiatissimo. Già il tema di per sè non è semplicissimo da trattare, con la storia di Jesse una ragazza giovanissima e bellissima, che per fare la modella si trasferisce a Los Angeles,  reclutata come musa da una sorta di guru della moda, che usa le donne a suo piacimento elevandole sul piedistallo, per poi buttarle giù. Nel caso di Jesse, la sua vitalità e giovinezza  diventano motivo di invidia e attacchi vilentissimi da parte di un gruppo di donne ossessionate dalla bellezza, che useranno ogni mezzo per massacrarla. Tutto questo viene raccontato in chiave horror, a tratti grottesco in un contesto estetizzante, come una rivista patinata ma con molto più guizzo creativo e visionario.

L’esasperazione della bellezza e il terribile mondo della moda, mescolato al cinismo e all’esercizio di violenza psicologica e fisica sulla mente e sul corpo delle donne. Dice questo Winding Refn nel suo film, cercando di oltrepassare l’ovvietà tematica con colpi di scena e immagini pittoriche pop. Per ovvietà tematica si legga, poca profondità nell’affrontare un tema così complesso, che spesso porta alla morte e all’auto flagellazione. Se siamo qui a scriverlo, evidentemente l’intenzione è chiara, ma la realizzazione cinematografica è urticante. O forse è meglio dire, non per tutti.

La particolarità del personaggio Nicolas Winding Refn è riscontrabile nell’intervista rilasciata ai microfoni di Radio Popolare, che comincia con la sua reazioni alle critiche feroci ricevute da chi ha visto il film al Festival di Cannes.

Winding Refn

 

  • Autore articolo
    Barbara Sorrentini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni