Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di lun 18/11 delle ore 06:59

    GR di lun 18/11 delle ore 06:59

    Giornale Radio - 18/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 17/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Metroregione di lun 18/11 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 18/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (prima parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (prima parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (seconda parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (seconda parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11 (terza parte)

    Fino alle otto di lun 18/11 (terza parte)

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 18/11

    Fino alle otto di lun 18/11

    Fino alle otto - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (prima parte)

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (prima parte)

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (seconda parte)

    Reggae Radio Station di dom 17/11 (seconda parte)

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 17/11

    Reggae Radio Station di dom 17/11

    Reggae Radio Station - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (seconda parte)

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (seconda parte)

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (prima parte)

    Prospettive Musicali di dom 17/11 (prima parte)

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 17/11

    Prospettive Musicali di dom 17/11

    Prospettive Musicali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 17/11

    Sacca del Diavolo di dom 17/11

    La sacca del diavolo - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (terza parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (terza parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (prima parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (prima parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11 (seconda parte)

    Sunday Blues di dom 17/11 (seconda parte)

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 17/11

    Sunday Blues di dom 17/11

    Sunday Blues - 18/11/2019

  • PlayStop

    Bollicine di dom 17/11 (seconda parte)

    Bollicine di dom 17/11 (seconda parte)

    Bollicine - 18/11/2019

  • PlayStop

    Bollicine di dom 17/11 (prima parte)

    Bollicine di dom 17/11 (prima parte)

    Bollicine - 18/11/2019

  • PlayStop

    Bollicine di dom 17/11

    Bollicine di dom 17/11

    Bollicine - 18/11/2019

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 17/11 (seconda parte)

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 17/11 (seconda parte)

    Gli speciali - 18/11/2019

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 17/11 (prima parte)

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 17/11 (prima parte)

    Gli speciali - 18/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

I cinque poli della politica italiana

L’Italia della politica è diventata tripolare: Pd, M5S, destre. Ma a guardar bene i poli della politica italiana sono anche di più. Le ultime elezioni comunali, tra primo turno e ballottaggi, ne hanno espressi almeno cinque. Eccoli: il Movimento Cinque Stelle, il Pd di Renzi, il Pd non-renziano, le sinistre dismogenee da Fassina a Rizzo, le destre lacerate in uno scontro tra la coppia Meloni-Salvini e la coppia Gelmini-Parisi.

Ciascun polo alle ultime amministrative ha manifestato una propria identità, maggioritaria o minoritaria a seconda dei casi, ma comunque un’identità definita. Certo, nulla esclude che con l’avvicinarsi delle prossime politiche i cinque poli vadano a ricompattarsi. Vedremo. Per ora, però, il conto arriva a cinque.

Un conto che Memos ha sottoposto alla politologa Nadia Urbinati, della Columbia University di New York, nuova presidente di “Libertà e Giustizia”.

Nadia Urbinati
Nadia Urbinati

Esiste anche per lei questa pluripolarità della politica italiana?

«Sì, la vedo. A parte il M5S, che naviga in solitaria, gli altri sono agglomerati – più o meno urbani o civili o coerenti tra loro – legati da esigenze pragmatiche di conquistare la poltrona del sindaco. Il sistema elettorale a doppio turno pone un assembramento sotto un unico nome. E’ come se fosse una coperta che però non copre tutti allo stesso modo. Alcuni restano fuori insoddisfatti, altri restano dentro ma con un piede sempre fuori. Il sistema a doppio turno così fatto impedisce a queste entità collettive poco omogenee di produrre dei guai. Il sindaco, infatti, farà la sua giunta, governerà in solitudine e il consiglio comunale avrà un ruolo di sostegno e non altro. In sostanza è il modello Italicum. Quindi, anche se sono tanti e frammentati basta che venga eletto il capo, tutto il resto non avrà nulla da dire. Il momento della pluralità, anche scalpitante, si manifesta durante la campagna elettorale, poi scompare».

Nel corso della puntata di oggi Nadia Urbinati analizza i diversi poli della politica italiana e per ciascuno di essi offre spunti interessanti.

Clicca per ascoltare tutta la puntata di Memos

  • Autore articolo
    Raffaele Liguori
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni