Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 13/11

    Jazz Ahead di mer 13/11

    Giornale Radio - 14/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 13/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 13/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 13/11 delle 19:50

    Metroregione di mer 13/11 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 14/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di mer 13/11

    Funk shui di mer 13/11

    Funk shui - 14/11/2019

  • PlayStop

    Memos di mer 13/11

    Democrazia, una questione non solo dell’est Europa. Trent’anni dopo il Muro di Berlino, la promessa non mantenuta della democrazia riguarda…

    Memos - 14/11/2019

  • PlayStop

    psicoradio di mer 13/11

    psicoradio di mer 13/11

    Psicoradio - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 13/11

    Cosa ne Bici del mer 13/11

    Cosa ne BICI? - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mer 13/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - copertina di mer 13/11

    Il demone del tardi - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (seconda parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cult di mer 13/11 (prima parte)

    ira rubini, cult, raffaello e gli amici di urbino, galleria nazionale delle marche a palazzo ducale di urbino, tiziana ricci,…

    Cult - 14/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mer 13/11

    i raid aerei israeliani hanno causato la morte di 24 palestinesi, 73 i feriti. ..Tra le vittime un bambino di…

    Esteri - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 13/11 (seconda parte)

    Jack di mer 13/11 (seconda parte)

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mer 13/11 (prima parte)

    Jack di mer 13/11 (prima parte)

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 13/11

    Si parla con Piero Milani del Centro Fauna Selvatica Il Pettirosso, dell'Operazione Pettirosso contro il bracconaggio, di valli bresciane, di…

    Considera l’armadillo - 14/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 13/11

    MIRIAM TOEWS-LA MIA ESTATE FORTUNATA-DONNE CHE PARLANO- Presentato da:IRA RUBINI e CHIARA RONZANI

    Note dell’autore - 14/11/2019

  • PlayStop

    Tributo a Piero Scaramucci

    Diretta dalla Sala Alessi a Palazzo Marino. Presentazione di Lorenza Ghidini. Con gli interventi di Massimo Bacchetta (RP), Carlo Smuraglia…

    Gli speciali - 11/12/2019

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale di mer 13/11

    Rassegna stampa internazionale - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 13/11

    Ora di punta di mer 13/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (seconda parte)

    Malos di mer 13/11 (seconda parte)

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    Malos di mer 13/11 (prima parte)

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mer 13/11

    Malos di mer 13/11

    MALOS - 14/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Jobs Act, primo anno: un bilancio

Un anno di Jobs Act.

Settimana più settimana meno siamo al primo anno dall’entrata in vigore di gran parte delle nuove norme sul mercato del lavoro.

Stiamo parlando del contratto a tutele monetarie crescenti, del taglio alle garanzie contro i licenziamenti ingiusti, del demansionamento.

Che cosa è successo in questo anno?

Renzi e il governo hanno sostenuto che il Jobs Act serve a far crescere i posti di lavoro. E Renzi l’altro ieri a Firenze ha dato le sue cifre. “Da quando siamo al Governo – ha detto – ci sono 398 mila posti di lavoro in più (di cui 354 mila sono a tempo indeterminato innanzitutto grazie al JobsAct)”.

La crescita dell’occupazione c’è stata. Ma cosa dicono nel dettaglio i numeri, quelli di Istat e Inps? Michele Raitano, economista, ricercatore di politica economica all’Università La Sapienza di Roma, è stato uno degli ospiti di Memos, oggi.

Michele Raitano

Michele Raitano
Michele Raitano

Raitano ha raccontato i risultati di una ricerca, condotta insieme all’economista Marta Fana, da cui risulta che il costo per il bilancio pubblico della decontribuzione a favore degli imprenditori che assumono sarà tra i 14 e i 22 miliardi di euro in tre anni.

«Si tratta di un enorme spreco di risorse», ha detto a Memos Giovanni Dosi, economista, direttore dell’Istituto di Economia della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

«Pensi – aggiunge il professor Dosi – a quanto si potrebbe fare con 20 miliardi di euro. Si potrebbe mettere mano alle infrastrutture, finanziare la ricerca per davvero, fare politiche ambiziose sull’ambiente, della salute. Invece, stiamo facendo un trasferimento di reddito a imprese che, anche con l’incentivo, non assumono perché non c’è domanda. Qualche giorno fa abbiamo ospitato alla Scuola Sant’Anna di Pisa un convegno di bilancio sul Jobs Act in cui ha partecipato tra gli altri il direttore generale di Federmeccanica Stefano Franchi. Il dirigente della federazione delle industrie metalmeccaniche ci ha raccontato che più della metà delle imprese di Ferdermeccanica non assume perché non c’è domanda. E tra quelle che hanno assunto, ha raccontato Franchi, il 73% conferma persone già nell’azienda».

E allora, professor Dosi, perché il governo ha scelto la strada del Jobs Act se gli industriali metalmeccanici sostengono che la gran parte delle imprese assume se c’è domanda, e non – aggiungerei io – se c’è il Jobs Act?

Giovanni Dosi
Giovanni Dosi

«E’ sempre difficile distinguere quanto influenza l’obnubilamento da ideologia e quanto è motivato dall’interesse. Certamente la motivazione esplicita del Jobs Act “aumentiamo l’occupazione” non è stata raggiunta. L’aumento netto dei posti a tempo indeterminato è stato molto basso. Spesso – conclude Dosi – è avvenuta una trasformazione di posti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato».

Per saperne di più ascolta tutta la puntata di Memos

  • Autore articolo
    Raffaele Liguori
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni