Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 19/11 delle ore 22:30

    GR di mar 19/11 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 19/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 19/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L’Altro Martedì - 19/11/2019

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-fi Area - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mar 19/11

    Privatizzazione della terra su ampia scala. È il piano che vuole mettere in campo il presidente ucraino Zelensky con la…

    Esteri - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11

    Malos di mar 19/11

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    C. C. Patterson, l'uomo che ci ha salvato dagli zombie

    Fino agli anni '80, la norma era la benzina con il piombo. Cosa sarebbe successo se non fossero cambiate le…

    PopCast - 19/11/2019

  • PlayStop

    Il bambino senza nome

    Favola tratta da una raccolta curata da Amnesty International e narrata dalla cia. teatrale Aresina. A cura di Diana Santini

    Favole al microfono - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (prima parte)

    Intervista telefonica a Laura Gramuglia per il suo libro Rocket Girls, che racconta 50 storie di musiciste che hanno alzato…

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (seconda parte)

    Commentiamo con Dario Maggiorini l'arrivo di Google Stadia, nuova piattaforma di gaming in streaming. (seconda parte)

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL - 17-11-19

    Latin Grammy 2019 per la lingua portoghese (20a edizione). Playlist: 1. Fragmento lirico, Gil (Grupo Corpo), Gilberto Gil, 2019 2.…

    Avenida Brasil - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11

    Due di due di mar 19/11

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11

    Jack di mar 19/11

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l’armadillo - 19/11/2019

  • PlayStop

    Sam Rivers (1)

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology - 19/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

M5S: “Sceglieremo gli assessori con bando pubblico”

“Questo non è un movimento che ha bisogno di leader”. Poi, Luigi Di Maio, parla da leader in pectore del Movimento 5 Stelle. Il vicepresidente della Camera è arrivato da Roma a Milano per lanciare il candidato pentastellato alle prossime elezioni milanesi, Gianluca Corrado, ma le prime parole sono un appello agli italiani, non ai milanesi: “Aiutateci a cambiare davvero questo Paese”.

Come? Portando nuovi cittadini nelle istituzioni. “Abbiamo bisogno delle competenze di tutti”, dice Di Maio. E’ il cardine della proposta simbolo che i Cinque stelle consegnano a questa campagna elettorale: scegliere gli assessori attraverso un bando pubblico. “Dal 26 aprile apriremo un bando per diventare assessore”, spiega il canidato sindaco Corrado. “Ci sarà un indirizzo mail al quale inviare le candidature, la selezione resterà aperta fino alla fine della campagna elettorale”. Chi valuterà le candidature? “Una prima scrematura verrà fatta da me, poi saranno presentati ai gruppi territoriali”, spiega Corrado. “I requisiti minimi sono stati ridotti per consentire a chiunque di potersi proporre nel suo ramo di competenza. Ovviamente devono essere incensurati, non devono essere iscritti a partiti, non devono aver ricoperto più di due mandati nelle istituzioni”.

Nella sala del Museo del manifesto cinematografico di via Gluck ci sono anche alcuni attivisti Cinque stelle. Non si sbilanciano sull’esito del voto, sanno che la partita milanese è in salita. “Il nostro obbiettivo è arrivare nelle case dei milanesi”, dicono. “Noi non abbiamo finanziatori e lobbisti“, ripete più volte Corrado, “per questo siamo liberi”.

Sarà una campagna elettorale low cost rispetto al milione di euro di budget di Sala e Parisi: 25mila euro. “I sette ex scali ferroviari diventeranno il polmone verde della città”, spiega Corrado, “sette luoghi di aggregazione”. Altro punto importante, le partecipazioni comunali nelle società. “No a privatizzazioni, per noi il patrimonio pubblico va incrementato. I dipendenti del Comune vanno valorizzati e bisogna assumere meno consulenti esterni. Pisapia ha più consulenti della Moratti”.

E se si andrà al ballottaggio Sala-Parisi, i Cinquestelle chi voteranno? “Io nessuno dei due”, dice Corrado, “entrambi rispondono a lobby che vogliono qualcosa in cambio”. E gli elettori? “Gli elettori del movimento sono liberi di fare ciò che credono sia più utile fare”.

  • Autore articolo
    Roberto Maggioni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni