Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 19/11 delle ore 19:31

    GR di mar 19/11 delle ore 19:31

    Giornale Radio - 19/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 19/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Metroregione di mar 19/11 delle 19:51

    Rassegna Stampa - 19/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L'altro martedi' di mar 19/11

    L’Altro Martedì - 19/11/2019

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-Fi Area del mar 19/11

    Wi-fi Area - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta di mar 19/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di mar 19/11

    Privatizzazione della terra su ampia scala. È il piano che vuole mettere in campo il presidente ucraino Zelensky con la…

    Esteri - 19/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta di mar 19/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    Malos di mar 19/11 (seconda parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    Malos di mar 19/11 (prima parte)

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 19/11

    Malos di mar 19/11

    MALOS - 19/11/2019

  • PlayStop

    C. C. Patterson, l'uomo che ci ha salvato dagli zombie

    Fino agli anni '80, la norma era la benzina con il piombo. Cosa sarebbe successo se non fossero cambiate le…

    PopCast - 19/11/2019

  • PlayStop

    Il bambino senza nome

    Favola tratta da una raccolta curata da Amnesty International e narrata dalla cia. teatrale Aresina. A cura di Diana Santini

    Favole al microfono - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (prima parte)

    Intervista telefonica a Laura Gramuglia per il suo libro Rocket Girls, che racconta 50 storie di musiciste che hanno alzato…

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11 (seconda parte)

    Commentiamo con Dario Maggiorini l'arrivo di Google Stadia, nuova piattaforma di gaming in streaming. (seconda parte)

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL - 17-11-19

    Latin Grammy 2019 per la lingua portoghese (20a edizione). Playlist: 1. Fragmento lirico, Gil (Grupo Corpo), Gilberto Gil, 2019 2.…

    Avenida Brasil - 19/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 19/11

    Due di due di mar 19/11

    Due di Due - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack di mar 19/11 (seconda parte)

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack di mar 19/11 (prima parte)

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 19/11

    Jack di mar 19/11

    Jack - 19/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l'armadillo mar 19/11

    Considera l’armadillo - 19/11/2019

  • PlayStop

    Sam Rivers (1)

    Jazz Anthology di lun 18/11

    Jazz Anthology - 19/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Julian Gough e il candore della satira

Jude, uno strano ragazzo che sembra uscito dal film “Yellow Submarine” dei Beatles, scappa dall’orfanotrofio di Tipperary, dove è sempre vissuto, per andare alla scoperta di un mondo colorato, paradossale e a volte un po’ inquietante, dove convivono personaggi e situazioni trasversali alle epoche e alle culture, da Joyce ai Simpson.

Anche il creatore di Jude, lo scrittore e “comedian” irlandese Julian Gough, che gli ha dedicato il suo romanzo “Jude il Candido” (Sagoma Ed.) sembra appena uscito dal mondo comicamente psichedelico del pop anni ’60, quando ci raggiunge nella postazione di Radio Popolare a BookPride 16, dove ha appena incontrato il pubblico. Indossa una giacca di lamè damascato (“Ho pensato di vestirmi elegante per venire in radio!”), una camicia a fiori colorati (“Certe volte quando la guardo mi ci perdo anch’io!”) e una vaga somiglianza con John Lennon, accentuata dagli occhiali rotondi.

Dentro al suo libro, appassionante e pieno di ironia, c’è un po’ di Douglas Adams, di Flann O’Brien e di Roddy Doyle, ma anche di Beckett: un intruglio talmente efficace da valere al suo autore il National Short Story Award.

Ma Julian Gough non ha solo fatto divertire buona parte del mondo anglofono con il suo romanzo: ha anche profetizzato lo scoppio della bolla economica irlandese, con la conseguente crisi economica, e ha analizzato con feroce quanto divertente comicità i vizi e i disagi della società del terzo millennio.

Nell’esilarante intervista che ci ha concesso, ci ha detto: “Oggi siamo tutti un po’ sperduti: riusciamo a perderci perfino nelle nostre case!”

Ascolta l’intervista di Ira Rubini a Julian Gough

julian gough

  • Autore articolo
    Ira Rubini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni