Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 14/11 delle ore 19:29

    GR di gio 14/11 delle ore 19:29

    Giornale Radio - 14/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 14/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 14/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 14/11 delle 07:15

    Metroregione di gio 14/11 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 14/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di gio 14/11

    Esteri di gio 14/11

    Esteri - 14/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 14/11

    Ora di punta di gio 14/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 14/11/2019

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL 10-11-19

    live e chiacchierata con Momo (Marcelo Frota) che ci presenta il suo sesto album I was said to be quiet(primo…

    Avenida Brasil - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 14/11 (prima parte)

    Malos di gio 14/11 (prima parte)

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 14/11 (seconda parte)

    Malos di gio 14/11 (seconda parte)

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    AVENIDA BRASIL 3-11-19

    Playlist: 1. Lula Livre, DigitalDubs e Earl Sixteen, 2019 2. Nem nada , Karina Buhr, Desmanche, 2019 3. Amanheceu, Ceumar,…

    Avenida Brasil - 14/11/2019

  • PlayStop

    Malos di gio 14/11

    Malos di gio 14/11

    MALOS - 14/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di gio 14/11 (prima parte)

    Due di due di gio 14/11 (prima parte)

    Due di Due - 14/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di gio 14/11 (seconda parte)

    Due di due di gio 14/11 (seconda parte)

    Due di Due - 14/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di gio 14/11

    Due di due di gio 14/11

    Due di Due - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di gio 14/11 (seconda parte)

    Jack di gio 14/11 (seconda parte)

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di gio 14/11 (prima parte)

    Jack di gio 14/11 (prima parte)

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Jack di gio 14/11

    Jack di gio 14/11

    Jack - 14/11/2019

  • PlayStop

    Outsiderart - un tesoro nascosto

    "Quando la mente si priva, più sinceri si piange"..“Ambrogio il maiale allungato..Bibo il coccodrillo arrotino..Piero l'orso bandieraio..Gigi il leopardo-mucca cantante..Flip…

    Psicoradio - 14/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 14/11

    Considera l'armadillo gio 14/11

    Considera l’armadillo - 14/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di gio 14/11

    Radio Session di gio 14/11

    Radio Session - 14/11/2019

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 14/11

    Prenotazioni visite all'istituto di dermatologia del Policlinico di Milano; i reparti a rischio chiusura di Rho e Angera; sportello invalidità…

    37 e 2 - 14/11/2019

  • PlayStop

    Memos di gio 14/11

    Memos di gio 14/11

    Memos - 14/11/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 14/11

    Il demone del tardi - copertina di gio 14/11

    Il demone del tardi - 14/11/2019

  • PlayStop

    Cult di gio 14/11 (seconda parte)

    Cult di gio 14/11 (seconda parte)

    Cult - 14/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

“Come liberarsi dal debito pubblico”

Carlo Cottarelli è stato fino ad ottobre 2014 Commissario per la spending review. Lo ha nominato Enrico Letta, con il governo Renzi la collaborazione si è interrotta. Economista della Bocconi, è tornato negli Stati Uniti al Fondo Monetario Internazionale, dove rappresenta l’Italia.

Nonostante gli impegni, Cottarelli continua a scrivere libri. Il primo è stato La lista della spesa. Ora ha pubblicato Il macigno, un libro sul debito pubblico. L’argomento è fuori moda, perché il tasso di interessi sul debito è basso. Sarebbe questo il momento per attaccarlo, invece l’offensiva non è costante.

“Rispetto al Pil oggi il debito pubblico dell’Italia è al 133 per cento – spiega al Demone del tardi -. Un dato molto alto”. Il momento per ridurre ed efficientare le spese è adesso. Ma Cottarelli, fin quando è stato a Roma, spesso si è trovato nuovo legge che riproponevano gli sprechi appena ridotti. Un esempio? L’illuminazione pubblica: non c’è stato verso di spegnere parte dei lampioni nelle vie non ad alta frequentazione.

Non c’è possibilità di liberarsi dal magigno, allora? “C’è sempre troppo pessimismo su questo argomento”, commenta Cottarelli. E ricorda un dato: tra il 2009 e il 2014 la spesa pubblica italiana è cresciuta dell’1,8 per cento. Un decimo di quanto non sia accaduto in Germania e Francia (12 per cento), Belgio e Svezia (17 e 18 per cento). Nel 2015 ci sono stati altri tagli per 12 miliardi, a cui però è seguito un aumento di spesa di altri quattro. La partita è difficile ma si può vincere: “Serve un po’ di austerità, ma contenuta, e soprattutto crescita”.

Ascolta l’intervista di Luigi Ambrosio e Gianmarco Bachi al Demone del tardi

Carlo Cottarelli

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni