Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 22/11 delle ore 22:30

    GR di ven 22/11 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 22/11/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 22/11

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/11/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 22/11 delle 19:49

    Metroregione di ven 22/11 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 22/11/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di ven 22/11

    Musiche dal mondo di ven 22/11

    Musiche dal mondo - 22/11/2019

  • PlayStop

    C'e' di buono del ven 22/11

    C'e' di buono del ven 22/11

    C’è di buono - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 22/11 (seconda parte)

    Ora di punta di ven 22/11 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 22/11 (prima parte)

    Ora di punta di ven 22/11 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Esteri di ven 22/11

    Esteri di ven 22/11

    Esteri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 22/11

    Ora di punta di ven 22/11

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/11/2019

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 22/11 (seconda parte)

    Arrivano i vostri di ven 22/11 (seconda parte)

    Arrivano i vostri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 22/11 (prima parte)

    Arrivano i vostri di ven 22/11 (prima parte)

    Arrivano i vostri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Arrivano i vostri di ven 22/11

    Arrivano i vostri di ven 22/11

    Arrivano i vostri - 22/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di ven 22/11 (seconda parte)

    Due di due di ven 22/11 (seconda parte)

    Due di Due - 22/11/2019

  • PlayStop

    Due di due di ven 22/11 (prima parte)

    Due di due di ven 22/11 (prima parte)

    Due di Due - 22/11/2019

  • PlayStop

    Jack di ven 22/11 (prima parte)

    Jack di ven 22/11 (prima parte)

    Jack - 22/11/2019

  • PlayStop

    Jack di ven 22/11 (seconda parte)

    Jack di ven 22/11 (seconda parte)

    Jack - 22/11/2019

  • PlayStop

    C'è luce: per un green new deal che funzioni davvero

    Simone Tagliapietra (economista all'istituto Bruegel e alla Fondazione ENI – Enrico Mattei) dipana la matassa di opportunità e rischi della…

    C’è luce - 22/11/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 22/11

    Considera l'armadillo ven 22/11

    Considera l’armadillo - 22/11/2019

  • PlayStop

    Radio Session di ven 22/11

    Radio Session di ven 22/11

    Radio Session - 22/11/2019

  • PlayStop

    Memos di ven 22/11

    Memos di ven 22/11

    Memos - 22/11/2019

  • PlayStop

    Tazebao di ven 22/11

    Tazebao di ven 22/11

    Tazebao - 22/11/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 22/11

    Note dell'autore di ven 22/11

    Note dell’autore - 22/11/2019

  • PlayStop

    Cult di ven 22/11 (seconda parte)

    Cult di ven 22/11 (seconda parte)

    Cult - 22/11/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

“La sentenza su Karadžić divide anche Srebrenica”

Azra Ibrahimovic lavora a Srebrenica. È responsabile della Casa del sorriso, una struttura dell’organizzazione Cesvi in cui si cerca di favorire il dialogo tra i diversi gruppi etnici. La famiglia di Azra fu pienamente coinvolta nella guerra degli anni ’90: suo padre e suo fratello sparirono nei giorni del genocidio, in cui morirono migliaia di persone. Per quello e per altri massacri il tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia ha condannato a 40 anni Radovan Karadžić, che allora era il leader politici dei serbi di Bosnia.

Da vittima mi aspettavo l’ergastolo – ci dice Azra. – Una volta che le emozioni si sono calmate, però, va detto che i 40 anni a Karadzic confermano tutte le accuse che gli erano state rivolte. Penso a Srebrenica, ma anche all’assedio di Sarajevo. Dal punto di vista storico questa condanna è molto importante”.

La reazione di Azra Ibrahimovic

Il Paese non ha ancora una lettura comune delle atrocità di quegli anni, con una spaccatura visibile persino nel luogo simbolo di quel disastro. “La nostra società è molto divisa. Questo si riflette anche su Srebrenica, dove la reazione alla sentenza non è stata unanime, come non lo è stata nel resto della Bosnia. I familiari delle vittime si aspettavano l’ergastolo, mentre i cittadini serbi che continuano a negare il genocidio volevano la liberazione di Karadžić”.

Azra racconta un fatto di pochi giorni fa che dice molto su questa contrapposizione: “Il presidente della Republika Srpska, una delle entità in cui è diviso il Paese, ha inaugurato una casa degli studenti intitolandola proprio a Karadžić. Alla cerimonia era presidente la moglie dell’ex leader. Tutto questo non ha senso ed è un fatto politico che fomenta il conflitto”.

Azra Ibrahimovic e le divisioni nella società bosniaca

  • Autore articolo
    Andrea Monti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni