Partito Democratico
Verso le elezioni
Lo scontro finale nel Pd
Lo scontro finale nel Pd. Renzi contro i fondatori. In gioco ci sono le alleanze ma soprattutto le radici culturali del partito
Amministrative 2017
Renzi è incapace di comprendere la sconfitta
Renzi rischia di apparire scollato dal principio di realtà, solo e circondato da consiglieri non in grado di analisi realistiche
maurizio martina
“Il centrosinistra non è bastato”
La nostra intervista al vicesegretario del PD dopo la sconfitta alle Amministrative. "A Genova e Sesto San Giovanni ci siamo presentati con una larga coailizione di centrosinistra, ma non è bastato per vincere. Ora dobbiamo riflettere, noi del PD e il resto della sinistra, a partire dai contenuti"
dopo le comunali
Sconfitta PD, verso una nuova fase politica
Le amministrative appena chiuse sono ben lontane da essere solo un test locale, saranno l’inizio di una nuova faseche porterà direttamente alle elezioni nazionali con tre coalizioni tutte da costruire
sullo stupro a trieste
Le inaccettabili parole di Debora Serracchiani
Distinguere tra stupratore italiano e migrante rischia di far passare un messaggio subliminale: se lo fa un italiano, è un po' meno grave
primarie pd
Renzi torna per fare il Renzi di sempre
Renzi non ha più avversari dentro al Partito Democratico in grado di infastidirlo e ricomincerà a dettare la sua linea: a partire dalle elezioni
25 aprile, pd in blu
Bisogna studiare di più
Il giorno dopo il 25 aprile il Pd chiede scusa per avere inserito Coco Chanel, collaborazionista di Vichy e amica dei nazisti, nel Pantheon dei Patrioti Europei al corteo del 25 aprile. "Chi fa sbaglia, chiediamo scusa" dicono i vertici del partito. Ma non è il solo svarione della giornata
senza cittadinanza
Kyenge: “Ius soli bloccato? Una vergogna”
Cécile Kyenge, ex ministra, oggi parlamentare Ue chiede alla politica di smettere di tenere in ostaggio i figli degli stranieri nati in Italia
il futuro della sinistra
Scissionisti, il rapporto con Pisapia è difficile
Annunciati i nuovi gruppi parlamentari. Non tutti i bersaniani presenti in Parlamento dicono che usciranno dal partito. La scissione non ha grandi numeri per ora
via dal pd
Lo stillicidio della scissione
Renzi non lascia spiragli di trattativa alle minoranze scissioniste nonostante il pressing di Michele Emiliano e di molti tra coloro che restano nel Pd
l.alessandrini/r.biorcio
Tante sinistre, un solo Renzi/2
Dalla minoranza Pd a Pisapia, da Sinistra Italiana alla Costituente di Civati, solo per citarne alcune. A fronte di tante sinistre, un solo Renzi. Memos ne ha parlato con lo storico Luca Alessandrini e il politologo Roberto Biorcio
c.galli/m.gotor
Tante sinistre, un solo Renzi/1
Dalla minoranza Pd al Campo Progressista di Pisapia, da Sinistra Italiana alla Costituente di Civati, solo per citarne alcune. A fronte di tante sinistre, un solo Renzi. Memos ne ha parlato con Carlo Galli, deputato di SI e Miguel Gotor, senatore Pd
microfono aperto
Campo progressista, prevalgono i No
Sono contrastanti le prime reazioni degli ascoltatori di Radio Popolare all'intervista con cui Giuliano Pisapia ha annunciato la nascita di "Campo Progressista"
partito democratico
La svolta dei renziani: #famostocongresso
La linea di Renzi sembra essere cambiata e lunedì alla direzione se ne dovrebbe avere la conferma: potrebbe dimettersi da segretario del Pd e chiedere già il congresso, da tenersi ad aprile, comunque prima delle amministrative. Il cambio di linea ha colto di sorpresa le altre componenti del partito
rischio scissione?
I sommovimenti a sinistra del Pd renziano
Le acque nell’arcipelago della sinistra sono diventate improvvisamente molto agitate. Di fronte alla possibilità di andare a elezioni a giugno, D'Alema e Bersani non escludono la nascita di un nuovo soggetto. E la sinistra fuori dal Pd appare molto interessata a tutto ciò che si sta muovendo
l'appello dei giovani Pd
“Poletti si dimetta, per rispetto ai giovani”
“Ministro Poletti si dimetta, solo in questo modo può dimostrare rispetto ai giovani”. La richiesta, sotto forma di una lettera pubblica, arriva da dentro il Pd, da gruppi di giovani democratici di Lombardia, Liguria, Piemonte, Valle d'Aosta. I firmatari contestano le parole del ministro sui ragazzi costretti a emigrare ma anche le politiche del Jobs Act
direzione pd
Renzi al partito, un discorso dal sapore elettorale
Il confronto con il partito democratico sarà duro, molto duro, ma avverrà dopo. Nella direzione di mercoledì Renzi ha delineato il suo orientamento per la prima fase di questa crisi di governo - voto al più presto o un governo di responsabilità che coinvolga tutti i partiti - e ha rivendicato i successi del suo governo: "meno tasse e più diritti"
il dopo voto
Renzi, tentazione rivincita
La forzatura sui tempi rapidissimi delle elezioni serve a mandare il messaggio: Renzi vuole decidere su tutto. La sua incognita: riuscirà a tenere uniti i renziani?
dopo il voto
Lo scontro si trasferisce dentro al Pd
Sono ore intrise di pretattica da parte di tutte le componenti del Pd in vista della battaglia finale, quella per il controllo del partito
referendum
Renzi in piazza contro la “vecchia guardia”
In Piazza del Popolo a Roma i militanti del Sì al referendum del 4 dicembre. Tra gli esponenti della sinistra interna solo Gianni Cuperlo ha scelto di partecipare
alla festa dell'unità
Referendum, il confronto Renzi – Anpi si farà
L' Associazione Nazionale Partigiani ha deciso di accettare l'invito di Matteo Renzi per un dibattito pubblico sulla riforma costituzionale, in vista del referendum del prossimo autunno. Una sorta di armistizio, dopo le molte polemiche legate al mancato invito dell'Anpi alle Feste dell'Unità
parla Sandro Medici
“Migranti a Capalbio: una sinistra angusta e ottusa”
Il sindaco Pd della località toscana ha annunciato una manifestazione di protesta contro l'arrivo di cinquanta migranti, deciso dal Viminale
 
 
1
2
>
>>