Francia
i sostenitori di macron
“Dalla Francia un bel messaggio al mondo”
Sono venuti in tanti domenica sera davanti alla piramide del Louvre per festeggiare la vittoria di Emmanuel Macron. Ecco alcune delle voci che abbiamo raccolto
prosperi/dormagen/pianta
Macron salva Francia ed Europa dall’abisso lepenista
Memos ha ospitato lo storico Adriano Prosperi, il politologo Jean-Yves Dormagen e l’economista Mario Pianta per commentare le presidenziali francesi. Secondo Prosperi quella di Macron è stata la vittoria di un capo con il suo popolo. Un Macron minoritario, è invece la lettura di Dormagen. Per Pianta Macron è un presidente in linea con l’Europa dell’austerità
macron presidente
L’onore della République è salvo
Coloro che hanno votato Macron turandosi il naso hanno agito come il dottore di Orano della "Peste" di Camus. Hanno salvato l'onore della Repubblica
l'opinione
Da sinistra dico: viva Macron
Se fossi in Francia, il mio voto a Emmanuel Macron sarebbe assicurato, e non turandomi il naso, bensì convintamente nella situazione data
francia, ballottaggio
La vandea lepenista e l’incertezza Macron
La vandea lepenista che non sfonda e l’incertezza sul profilo del nuovo leader Macron. In attesa del ballottaggio Macron-Le Pen, il primo turno delle presidenziali francesi ha decretato “la cacciata dei partiti di governo”, dice il politologo francese Yves Meny. A Memos anche Maurizio Viroli, politologo
PRESIDENZIALI
Francia, sarà ballottaggio Macron-Le Pen
Ballottaggio fra due settimane tra Macron (23,9%) e Le Pen (21,7%). Terzo posto per il conservatore Fillon (19,9%). Quarto Mélenchon (19,5%). Il socialista Hamon fermo poco sopra il 6%. Per la prima volto fuori dal secondo turno entrambi i partiti tradizionali, Repubblicani e Socialisti. Fillon e Hamon chiedono di votare per Macron al ballottaggio. Non così Mélenchon
primo turno
Francia, cronaca di un’elezione infinita
Ormai ci siamo, e tutto è ancora possibile. Il rischio di un voto di protesta esiste, anche se l’ultimo attentato potrebbe favorire più Fillon che Marine Le Pen, che negli ultimi tempi ha coccolato lo zoccolo duro dei suoi elettori mettendo da parte la moderazione. Loro del resto affermano tra il rassegnato e l’indifferente che “chiunque si presenti contro Marine sarà presidente”. E la vera sorpresa finale sarebbe non veder passare il primo turno proprio lei
Ucciso un poliziotto
Attacco al cuore di Parigi a tre giorni dal voto
Quello che molti temevano, nel pieno della campagna elettorale per le Presideziali, è successo: sugli Champs Elysées, luogo simbolo della capitale francese, c'è stato un attacco terroristico contro dei poliziotti. Un agente è morto, così come il suo assalitore. Isis ha rivendicato
presidenziali francesi
Tra gli indecisi di Amiens, la città di Macron
Nel capoluogo della Piccardia il candidato centrista Macron ci è nato e cresciuto ma durante la campagna elettorale non si è fatto vedere. Gli elettori, circondati da fabbriche in crisi e delocalizzate, sono per lo più rassegnati e disorientati
presidenziali francesi
Un voto doppio, per la Francia e l’Europa
Domenica prossima il primo turno delle presidenziali francesi. Un voto per la Francia e per l’Europa. Marine Le Pen è un pericolo per entrambe. Tra i principali candidati, ciascuno ha giocato a modo suo la carta dell’anti-sistema. Ospiti a Memos Yves Meny e Marco Revelli
presidenziali francesi
Nel Nord della Francia, comunista e lepenista
Rouvroy era un paese di minatori che votavano Partito comunista. Poi le miniere hanno chiuso ma i suoi abitanti hanno continuato a eleggere sindaci comunisti. Da qualche anno, alle regionali e alle legislative, la metà degli elettori sceglie il Front National, ma non lo dice
presidenziali francesi
A Belleville, tra i sostenitori di Mélenchon
Alla Bellevilloise, un locale nel 20° arr. di Parigi, hanno trasmesso il dibattito sul grande schermo. Nella sala stracolma molti sapevano già per chi votare
dopo il voto olandese
L’Europa può ancora salvarsi
Con le elezioni olandesi gli europeisti tirano un sospiro di sollievo, ma la crisi dell'Ue resta. Forse sono ancora in tempo a riformare l'Ue
francia
Fillon indagato per appropriazione indebita
Si aggrava la posizione del candidato del centrodestra all'Eliseo. Fillon per ora non si ritira, ma la sua immagine pubblica rimarrà macchiata
EUROPA
Bruxelles 2017, l’anno della verità
Tre elezioni cruciali, un'Unione divisa e impaurita. Alle urne Olanda, Francia e Germania, con la prevista ascesa dei partiti anti europei
le primarie della destra
Francia, Fillon si prenota per l’Eliseo
L'ex Primo Ministro Francois Fillon ha vinto le primarie del centrodestra in Francia: sarà lui il candidato per la Presidenza della République
Unione europea
A.A.A. Leader anti populismo cercasi
Oggi sembra essere questo il principale requisito di chi si candida a governare: fare da argine alle destre estreme e anti europee. Al punto di sorvolare sui gravi errori di questi anni. Come l'austerity
"la giungla"
Hollande: “Il campo profughi va smantellato”
Nelle ultime settimane tutti i candidati alle elezioni presidenziali francesi del 2017 - di destra e di sinistra - sono passati da Calais per denunciare l'indegnità della baraccopoli e compatire il malessere e la protesta degli abitanti della provincia. Oggi ci è andato anche il presidente in carica
Marine Le Pen
Orgoglio (e pregiudizio) della Francia anti Islam
Alla conferenza annuale del Front National, Marine Le Pen illustra la strategia del suo partito alla vigilia delle presidenziali 2017
 
 
1
2
3
>
>>