Dibattito presidenziale

Clinton più convincente, Trump meno grintoso

martedì 27 settembre 2016 ore 08:23

Sei un razzista. Fai la santarella.

Sono alcuni degli epiteti che Hillary Clinton e Donald Trump si sono scambiati nel primo dei confronti presidenziali, tenuto alla Hofstra University di Long Island. E’ stato un dibattito acceso, che ha toccato temi diversi: l’economia, la politica internazionale, le tensioni razziali, il terrorismo, il commercio (non l’immigrazione, che è stato sinora uno dei pilastri della strategia elettorale di Trump).

Il repubblicano ha parlato per circa 46 minuti, contro i 41 di Clinton.

Forse la stoccata più convincente Trump l’ha assestata quando ha ricordato che Clinton era a favore della Trans-Pacific Partnership, il trattato di commercio internazionale che avrebbe condotto alla perdita di milioni di posti di lavoro per gli americani. L’accenno è servito a rafforzare l’appello di Trump a quei settori di classe lavoratrice impoveriti dalla crisi di questi anni e cui lui affida molte delle sue speranze di vittoria negli Stati della Rush Belt.

Clinton ha risposto attaccando la “trickle-down economics”, la proposta economica di Trump che mira a una serie di tagli alle tasse tali da favorire i più ricchi. La candidata ha proposto tagli alle tasse per la classe media, investimenti nelle infrastrutture, un aumento dei minimi salariali federali e il rispetto dell’eguaglianza salariale per le donne.

Altro momento acceso del dibattito si è scatenato sulla questione delle tasse. Clinton ha attaccato la scelta di Trump di non rendere pubblica la sua dichiarazione delle tasse. “Forse vuole nascondere finanziamenti illeciti dall’estero, o tasse non pagate al governo federale”, ha detto.

Trump ha cercato di ribaltare sull’avversaria l’accusa di scarsa trasparenza. “Renderò pubblica la mia dichiarazione delle tasse quando lei produrrà le 30 mila email che sono state cancellate dal server privato” usato quand’era segretario di stato. Clinton, che ha preparato accuratamente questo dibattito e che si aspettava con ogni probabilità l’attacco, ha evitato di accampare le giustificazioni più volte ripetute nel passato. “Se dovessi trovarmi ancora in quella situazione, ovviamente mi comporterei in modo differente”.

Un altro dei punti forti di Clinton è stata l’accusa a Trump di aver alimentato stereotipi razzisti, appoggiando le teorie cospiratorie sul certificato di nascita di Barack Obama. Trump ha risposto spiegando di aver detto, e una volta per tutte, che “Obama è nato negli Stati Uniti”; e ha addossato su Clinton l’accusa di aver per prima sollevato quel sospetto. “I suoi collaboratori nella campagna presidenziale del 2008 attaccavano Obama sulla questione della nascita”, ha detto. E’ stato, questo, uno dei momenti più difficili per il candidato repubblicano. Clinton, che punta a compattare gran parte del voto afro-americano che nel 2008 e nel 2012 ha sostenuto Obama, ha infatti avuto buon gioco ha definire “razzista” la questione del certificato. L’accusa è tornata quando la democratica ha ricordato che, negli anni Settanta, gli afro-americani non potevano vivere nei condomini costruiti dai Trump.

In generale, Clinton è parsa più convincente, misurata, a suo agio. E’ mancata, e questo è un suo limite di sempre, una visione unitaria, d’insieme, una visione più alta del suo impegno poilitico, ma la candidata è apparsa convincente su punti specifici. Più debole, invece, Trump: che si è trattenuto, non si è lasciato andare a aggressioni, insulti, come in altri confronti pubblici. E’ stato un Trump meno Trump, ma questo non lo ha reso più presidenziale. Solo, meno grintoso.

Aggiornato martedì 27 settembre 2016 ore 08:26
TAG