Foto dal profilo FB di Eravamo Tanto Amati https://www.facebook.com/eravamotantoamati/
Storia della sinistra

Quando la sinistra era tanto amata

sabato 19 maggio 2018 ore 10:00

“Eravamo tanto amati”. Un titolo che dice ‘cosa è stata’ la sinistra in Italia nel passato e cosa fatica a essere oggi. Il titolo di un libro e di un documentario a cura di Domenico Guarino di Controradio, Andrea Marotta, Andrea Lattanzi. Ce ne parla lo stesso Domenico Guarino.

La storia della sinistra in Italia negli ultimi trent’anni (circa) è come una specie di ottovolante. Una giostra – impazzita direbbe qualcuno – fatta di molti bassi e qualche alto, con non poche sterzate e repentini cambi di prospettiva. Un grande gioco dell’oca in cui alla fine siamo tornati al punto di partenza: alle elezioni del marzo 2018, il PD ottiene infatti circa 8 milioni di voti, quasi gli stessi raggiunti dal PDS nel 1992 al suo debutto dopo il sofferto scioglimento del PCI.

La coincidenza descrive esattamente lo smarrimento di una prospettiva politica, quella della sinistra italiana che, dopo aver segnato pagine importanti della storia della nostra Repubblica, si trova oggi ad affrontare una pesantissima crisi di identità, e la necessità di una rifondazione radicale nei contenuti e nelle istanze concrete. Esattamente come accadde 30 anni fa dopo la caduta del muro di Berlino ed il crollo dei regimi comunisti nel’Europa dell’Est.

Eravamo Tanto Amati” indaga la storia di questi ultimi 30 anni attraverso 24 interviste a politici, imprenditori, semplici militanti, artisti, intellettuali.

https://www.youtube.com/watch?v=PqEHPKoDqi4

Il focus del progetto (che si articola in un libro e in un documentario) è sulla ‘Rossa’ Toscana, una regione baluardo del PCI in passato, dei suoi eredi ancora oggi, alle cui latitudini sono state scritte pagine importanti della storia politica del nostro Paese, soprattutto negli ultimi 30 anni. Perché è stata spesso antesignana di scenari che poi si sono imposti sul palcoscenico nazionale (un esempio per tutti, Toscana Democratica, che da alleanza elettorale delle forze di centrosinistra anticipa la formazione del Partito Democratico), sia perché, a quasi trent’anni dalla ‘Svolta’ della Bolognina, quando il più grande partito comunista d’Europa decise di cambiare nome, e per molti anche ‘ragione sociale’, la Toscana rimane l’unica regione in cui gli eredi di quella tradizione, nata proprio a Livorno nel 1921, vincono e conservano una certa qual egemonia territoriale. Senza dimenticare che è toscano quel Matteo Renzi che, a seconda delle valutazioni, è sentito come l’erede naturale di quella Svolta, o come un usurpatore che ha definitivamente cancellato la storia del PcI dalla politica italiana.

Cosa è accaduto in questi anni che ha condotto agli esiti attuali? La svolta lanciata nel 1989, all’indomani della caduta del Muro di Berlino, ha tradito le aspettative? È possibile per una forza di sinistra riconquistare quel consenso che il PCI (il partito ‘tanto amato’ come recita non senza qualche forzatura provocatoria il titolo) aveva? Sono queste le domande che gli autori pongono ai loro intervistati, tra i quali lo stesso Achille Occhetto, autore della ‘Svolta’, Fabio Mussi, Rosa Maria Di Giorgi, Fabio Picchi, Alessandro Benvenuti, il presidente della Regione Enrico Rossi e il sindaco pentasetellato di Livorno, Filippo Nogarin.

Eravamo Tanto amati non è un libro di nostalgici. Né una presa d’atto dell’esistente. Si tratta di un’analisi giornalistica a più voci che vuole indagare il presente per capire il futuro.

La crisi del PD, e delle altre forze derivate dall’esplosione del PCI negli anni (da Rifondazione Comunista a SeL, da Sinistra Arcobaleno fino a LeU e Potere al Popolo), sancita dalle tornate elettorali degli ultimi dieci anni, diventa lo specchio di una radicale trasformazione degli assetti politici nel nostro Paese. E allora la domanda è se sia possibile per una forza politica – una qualsiasi forza politica – raccogliere quell’eredità del PCI, a cominciare non solo dalla parte forse più attuale del patrimonio ideologico (per esempio il sostegno alle fasce deboli, l’attenzione al mondo del lavoro, l’interclassismo, l’abilità di coniugare il governo delle cose concrete con una tensione ideale alta e, in qualche modo, utopistica) ma soprattutto di un elemento che oggi, nel dibattito complessivo, latita a qualsiasi livello: la capacità di suscitare il rispetto. Quello che il PCI si vedeva riconosciuto, primi tra tutti, dai suoi avversari.

Eravamo Tanto Amati

Foto dal profilo FB di Eravamo Tanto Amati https://www.facebook.com/eravamotantoamati/

Aggiornato martedì 22 maggio 2018 ore 18:24
TAG