DOPO L'ENNESIMO AGGUATO

“Fare giornalismo? In Montenegro è quasi impossibile”

sabato 12 maggio 2018 ore 15:00

L’agguato di questa settimana a Podgorica contro la giornalista Olivera Lakic ci ha ricordato quanto sia difficile fare informazione in Montenegro. Olivera Lakic è rimasta ferita a una gamba e ora è in ospedale. Non è stato il primo attacco contro di lei e non è stato nemmeno il primo attacco contro i giornalisti in Montenegro in questi anni.

Nel paese balcanico, che aspira a entrare nell’Unione Europea, la libertà di stampa è sempre più a rischio. Indagare sui legami tra politica e criminalità organizzata può anche costare la vita. Mihailo Jovovic è il caporedattore del quotidiano Vijesti, lo stesso per il quale lavora Olivera Lakic.

Cosa può essere successo?

Non sappiamo esattamente. Ma sono sicuro che ci sia un legame con quello che lei ha scritto. Olivera si occupa di criminalità organizzata, corruzione, sicurezza, intelligence. Deve essere stato qualcosa che ha scritto, che ovviamente non è piaciuto. Non è stato il primo attacco contro Olivera Lakic. Nel 2011 diverse minacce, nel 2012 il primo agguato e ora quello di pochi giorni fa. Quella sera qualcuno ha chiamato il nostro direttore, che abita vicino al luogo dell’agguato. La cosa incredibile è che quando è arrivato è stata Olivera a consolarlo, non il contrario. Olivera diceva: “non ti preoccupare, è solo la gamba”. Questo vuol dire che lei era ed è ben consapevole del fatto che avrebbero potuto ucciderla con un colpo alla testa. Vive con la consapevolezza di poter essere uccisa in qualsiasi momento. Penso sia stato l’ultimo avvertimento.

Quanto è difficile fare il giornalista in Montenegro?

È molto difficile. Sono pochi i giornalisti e i media che fanno seriamente il loro lavoro, quelli che cercano di rispettare il compito che dovrebbero avere tutti i mezzi d’informazione in ogni democrazia. So che è difficile ovunque, ma da noi lo è ancora di più. Quando i leader politici, nel nostro caso specifico anche il presidente Milo Dukanovic, dicono bruttissime cose sui giornalisti solo perché stanno indagando sugli affari dei loro membri della famiglia, sui possibili legami con la mafia dei loro membri della famiglia, il nostro lavoro diventa difficile. E attenzione, questi sono gli stessi nodi che impediscono al Montenegro di entrare nell’Unione Europea.

Quindi la politica ha grosse responsabilità?

I politici dovrebbero risolvere casi come questo. Ma non hanno risolto nemmeno il 90% dei casi precedenti, circa 50 negli ultimi 10 o 15 anni, 25 contro i lavoratori del mio giornale, Vijesti. Quindi sì, hanno grosse responsabilità. Quando i politici ti chiamano mafioso, nemico dello stato, fascista o l’essere peggiore sulla faccia della terra, come ha fatto il presidente due settimane fa per le inchieste sugli affari di suo figlio, il lavoro dei giornalisti diventa impossibile. Non dico che il presidente Dukanovic sia il mandante degli agguati e degli attacchi contro i giornalisti, ma approfittando della sua posizione sta facendo di tutto per attaccare i pochi giornalisti che fanno seriamente il loro lavoro. Alcuni media vicini al governo non hanno nemmeno dato la notizia dell’attacco contro Olivera. Per tornare alla sua domanda, fare il giornalista in Montenegro è molto molto difficile…quasi impossibile.

fare il giornalista in Montenegro

Aggiornato lunedì 14 maggio 2018 ore 20:30
TAG