non solo identità

Perché i catalani vogliono l’indipendenza?

giovedì 21 settembre 2017 ore 18:40

In tutta la vicenda catalana l’identità nazionale è importante. I catalani hanno una loro cultura, una loro lingua, una storia di secoli.

Le manifestazioni oceaniche di questi ultimi anni a Barcellona si sono sempre svolte l’11 settembre, quando si ricorda la caduta della città e l’arrivo delle truppe borboniche l’11 settembre del 1714.

La dittatura franchista – dal 1939 al 1975 – fece poi il resto, con la repressione di tutte le manifestazioni linguistiche e culturali che non fossero strettamente spagnole o castigliane. Questo ha consolidato l’identità dei catalani, così come dei baschi.

Ma l’indipendentismo catalano non è marcato da un nazionalismo identitario. A Barcellona non vogliono alzare barriere per marcare differenze. Molti cittadini catalani arrivano da altre zone della Spagna e la stessa Barcellona è una delle città più internazionali d’Europa. In sostanza non ci sono problemi di convivenza.

Tra chi manifesta con la bandiera catalana ci sono molte persone, anche molti stranieri, che non avrebbero mai pensato di schierarsi con l’indipendenza. Un motivo ci sarà.

In questi anni la voglia d’indipendenza è cresciuta per altri motivi.

A differenza di quello che scrivono in molti, non si tratta di un progetto della ricca borghesia catalana per non versare più soldi nelle casse dello stato spagnolo. Si tratta del desiderio di costruire uno stato diverso da quello spagnolo, nel quale molti non si riconoscono più, e dal quale molti si sentono attaccati e presi in giro. I media spagnoli, per esempio, stanno facendo da anni un’informazione di parte, senza raccontare motivi e ragioni di questo malessere.

Ci sono anche questioni economiche, certo.

Con la crisi economica il governo centrale ha ridotto il contributo alla Catalogna, nonostante l’importante contributo fiscale che va da Barcellona a Madrid. Il governo catalano ha chiesto più volte, senza successo, di rinegoziare la sua posizione fiscale.

Negli ultimi anni Madrid ha anche accantonato diverse infrastrutture che avrebbero agevolato la vita commerciale della regione catalana.

Il governo catalano ha forzato la mano, convocando un referendum nonostante sia espressione di una risicatissima maggioranza parlamentare.

Ma il governo spagnolo ha fatto il resto, alimentando un movimento indipendentista che era destinato a rimanere minoritario.

Aggiornato martedì 26 settembre 2017 ore 18:52
TAG