legge sulla cittadinanza

Ius Soli, la relatrice: “Rischia di saltare”

martedì 11 luglio 2017 ore 12:11

La legge sullo Ius Soli è a rischio.

Il Governo non l’ha messa in calendario prima della pausa estiva e la discussione sulla cittadinanza ai figli degli immigrati nati in Italia slitterà probabilmente a settembre. Nel pieno della campagna elettorale, con una parte del Governo contraria e Renzi sensibile agli umori di un elettorato influenzato dalle campagne anti immigrati.

La relatrice della legge sullo Ius Soli, la senatrice Doris Lo Moro, raggiunta da Radio Popolare è preoccupata. “Ci sarebbero 20 giorni di tempo per portare la legge in aula con la fiducia prima della pausa estiva” dice l’esponente di Mdp secondo la quale le continue affermazioni di principio dei rappresentanti del Pd -ultima stamattina di Matteo Orfini- non devono lasciare tranquilli.

“Rinviare la discussione sullo Ius Soli a settembre significa farla naufragare” afferma Lo Moro a Radio Popolare.

“Sono preoccupata e non tanto per la priorità ai decreti legge, dai vaccini al Sud alle banche perché è evidente che non si possa impedire il trattamento prioritario dei decreti. Sento però troppe affermazioni di principio da parte del gruppo dirigente del Pd, quasi ignorando che dipende da noi e soprattuto da loro approvare la legge”.

“Abbiamo oltre 20 giorni di lavoro parlamentare -continua Lo Moro- e basta un giorno per mettere la fiducia. Evidentemente si cercano mediazioni per tenere questo Governo in piedi”

Ascolta Doris Lo Moro

Lo Moro intervista Ius Soli 11 luglio 2017

Aggiornato martedì 18 luglio 2017 ore 14:23
TAG