le denunce della stampa

“La torre di Londra non era in sicurezza”

giovedì 15 giugno 2017 ore 13:30

L’incendio della Torre Grenfell di Londra potrebbe essere l’incidente più grave della storia dell’Inghilterra, si legge sul Telegraph.

Sui giornali britannici si apprende come negli ultimi quattro anni siano stati presentati reclami da parte dell’associazione dei residenti di Grenfell sulle norme di sicurezza antincendio dell’edificio e come questi siano rimasti inascoltati dal municipio di zona e dalla società di gestione dell’edificio, la Rydon Construction.

Tra le denunce, la mancanza di controlli regolari degli impianti di sicurezza e le scarse istruzioni di comportamento in caso di incendio. Secondo i residenti, l’ultima indicazione ricevuta era di rimanere nei propri appartamenti.

Inoltre, nel 2015 le pareti dell’edificio vennero rivestite di pannelli isolanti, un’operazione da 10 milioni di sterline per migliorare le condizioni di isolamento termico della torre. La BBC parla di pannelli con un’anima di plastica, altamente infiammabili. Sul Guardian si legge che il corpo dei vigili del fuoco avvisò tutti i municipi della città di evitare l’utilizzo di questo tipo rivestimenti isolanti, soprattutto su edifici alti.

Secondo alcuni esperti, citati dal Telegraph, nel caso dell’incendio della torre Grenfell, alta 70 metri, lo spazio vuoto esistente tra il rivestimento delle pareti e le pareti stesse ha permesso alle fiamme, alimentate dalle sostanze combustibili dei pannelli, di andare verso l’alto e propagarsi velocemente per tutto l’edificio.

Sempre sul Telegraph viene riportato il commento dell’architetto Matthew Needham Laing secondo il quale è da anni che si dibatte sui rischi di incendio legati ai rivestimenti isolanti delle facciate degli edifici. Si stima che in Gran Bretagna decine di migliaia di edifici hanno subito questo tipo di ristrutturazione a partire dall’inizio degli anni ’90.

Mentre le indagini sull’incendio potrebbero durare mesi secondo gli esperti legali, il portavoce dell’associazione dei residenti della torre, David Collins, ha dichiarato di volere un’indagine indipendente sulle circostanze che hanno causato la tragedia.

Aggiornato lunedì 19 giugno 2017 ore 16:37
TAG